Hot topics:
News su Black Friday 2017

Il computer che si fa i programmi da solo esiste, crescerà?

Si dice spesso che i computer avranno sempre bisogno di qualcuno che li programmi, ma non è detto che sarà sempre così. Una ricerca condotta da Microsoft e Università di Cambridge, infatti, ha portato a creare un computer che può creare da solo alcuni semplici programmi.

Il computer che si fa i programmi da solo esiste, crescerà?

Avrete sentito quel vecchio adagio secondo cui "il computer è una macchina stupida, fa solo quello per cui è programmata". Nella sua semplicità, questo assunto è sempre stato vero. Ma le cose potrebbero cambiare, visto che Microsoft e l'Università di Cambridge hanno realizzato

il sistema DeepCoder.

ff3ywn 1 800x533

Si tratta di un'intelligenza artificiale che, a livello elementare, è in grado di creare da sola programmi informatici. L'utente deve solo indicare che cosa vuole fare, diciamo scovare i numeri primi da 0 a 1000. A quel punto DeepCoder cerca tra migliaia di routine già esistenti per assemblare un nuovo programma. Non è molto diverso da quello che fa un programmatore in carne e ossa.

Leggi anche Bill Gates: "I robot ci rubano il lavoro? Paghino le tasse!"

Questo sistema rende quindi molto più semplice la stesura di programmi elementari, e rende la programmazione accessibile anche a chi non ha una formazione specifica. Una volta sviluppato questo approccio permetterebbe a chiunque di descrivere un'idea alla macchina e lasciare che quest'ultima faccia il resto - per dirla con Marc Brockschmidet, uno dei creatori di DeepCoder.

Combinato con le IA che capiscono il linguaggio naturale, c'è il potenziale per fare grandi cose. Non è difficile immaginarsi una persona che parla al proprio computer, o telefono, chiedendo di fare qualcosa. E l'AI che crea un programma ad hoc per rispondere alla richiesta.

Leggi anche I robot ci daranno il reddito minimo di cittadinanza

Il vantaggio più ovvio è che una IA può cercare codice esistente in modo molto più efficiente di quanto possa fare un programmatore in carne e ossa. E può anche essere più creativa nell'assemblare diversi frammenti tra loro, se non altro perché più fare più tentativi in meno tempo. Nei test, DeepCoder si è rivelato capace di creare semplici programmi in qualche frazione di secondo, dove sistemi precedenti ci mettevano diversi minuti. DeepCoder inoltre è un sistema dotato di deep learning, come il nome lascia supporre, e dunque impara facendo. Ogni attività svolta, in altre parole, lo rende più bravo.

Leggi anche La rivoluzione AI, il cammino verso la Superintelligenza

"Il potenziale di automazione offerto da questo tipo di tecnologia potrebbe significare davvero un'enorme riduzione dello sforzo necessario alla creazione di codice", ha commentato Armando Solar-Lezama del MIT. E aggiunge che per ora i programmatori umani non hanno di che preoccuparsi; tuttalpiù Deep Coder potrebbe aiutarli a velocizzare le parti più noiose e ripetitive del lavoro, così potrebbero concentrarsi su quelle più complesse e creative.

Leggi anche Computer che inventano pizzini? Fatto

Solar-Lezama descrive un'attività che spesso viene chiesta ai giovani programmatori in formazione, e che in effetti è utile per imparare a fare di più, meglio o più in fretta. Se quella fase viene automatizzata, il percorso per diventare un bravo programmatore potrebbe magari diventerà un po' più difficile.

shutterstock 135053870 e1396029269930

Al momento DeepCoder è in grado di rispondere a richieste con circa 5 linee di codice, quindi siamo a livelli davvero basilari. D'altra parte cinque linee di codice ben scritte e nel linguaggio giusto possono portare a risultati strepitosi. "Generare frammenti di codice molto grandi in un colpo solo è difficile, potenzialmente irrealistico", aggiunge Solar-Lezama. "Ma i programmi molto gradi sono fatti mettendo insieme un sacco di piccoli frammenti".

Al momento dunque Deep Coder è un interessante esperimento con risultati stimolanti. Con queste cose tuttavia è sempre importante guardare le cose in prospettiva, e ricordarsi che i miglioramenti seguono sempre una linea esponenziale. Cinque anni fa non esistevano AI commerciali in grado di interpretare la lingua, oggi sono quasi pronte a tradurre romanzi.  

Leggi anche Microsoft usa l'AI per abbattere le barriere linguistiche

Se "per ora" i programmatori possono stare tranquilli, sarà ancora vero anche tra qualche anno? Quando si parla di automazione e posti di lavoro persi, spesso e volentieri qualcuno risponde che "ci dovrà pur essere qualcuno che programma e fa manutenzione alle macchine". E se non fosse così? E se i computer si potessero programmare da soli?

Intelligenza artificiale. Un approccio moderno Intelligenza artificiale. Un approccio moderno
  
L'Algoritmo Definitivo: La macchina che impara da sola e il futuro del nostro mondo L'Algoritmo Definitivo: La macchina che impara da sola e il futuro del nostro mondo
amazon-ebook
Le persone non servono. Lavoro e ricchezza nell'epoca dell'intelligenza artificiale: 1 Le persone non servono. Lavoro e ricchezza nell'epoca dell'intelligenza artificiale: 1
  

 

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Intelligenza Artificiale?
Iscriviti alla newsletter!