ConciliaWeb, e la controversia con le telco si dirime online

Le controversie con gli operatori di telefonia e pay TV sono all'ordine del giorno, ma per far valere le proprie ragioni bisognava davvero mettersi di impegno. L'AGCOM ha compreso che bisognava semplificare le procedure e quindi ha approvato una delibera che dal  2018 introdurrà il servizio "ConciliaWEB".

In pratica, sostituirà parzialmente le attuali modalità di conciliazione e risoluzione delle controversie previste dai Co.Re.Com e la stessa Agcom.

conciliare

"Dal 2018, grazie al ConciliaWeb tale opportunità potrà essere sfruttata senza la necessità di spostarsi dal proprio domicilio o luogo di lavoro, ma semplicemente accedendo al portale dal proprio PC o smartphone", ha spiegato Antonio Nicita, Commissario del Garante delle Comunicazioni.

Cosa vuol dire esattamente questo? Semplicemente che invece di rivolgersi al proprio Co.Re.Com regionale per un problema di fatturazione o violazione dei termini contrattuali o altre criticità sarà sufficiente accedere a uno specifico portale online per dirimere le questioni. E questo si potrà fare sia tramite PC che smartphone.

Per altro sono previste due modalità a seconda delle controversie: una asincrona con scambio di mail e un'altra sincrona con la possibilità di organizzare una video-conferenza.

Leggi anche: Cosa fare se gli operatori Internet promettono e non mantengono

"Con la delibera approvata si dà impulso ad un progetto di trasformazione digitale delle procedure dell'Autorità e dei Co.Re.Com, volta a rafforzare un'attività che, nel 2016, ha garantito ai 90 mila utenti italiani che si sono rivolti ai Co.Re.Com circa 30 milioni di euro di indennizzi, mentre nel solo primo semestre del 2017 questa attività ha portato alla risoluzione di oltre 33mila controversie, il 77% delle quali sono state risolte con un accordo, per un valore complessivo - in termini di rimborsi e indennizzi - di circa 14,5 milioni di euro", ha sottolineato Nicita.

Da ricordare che AGCOM e Co.Re.Com svolgono attività leggermente diverse. Prova ne sia che chi si rivolge al Garante lo fa per espletare il proprio diritto civico e quindi segnalare un abuso di sistema. Mentre i Corecom regionali hanno l'incarico di affrontare e risolvere le querelle del singolo utente.

Per sapere come procedere a denunce e segnalazioni presso questi enti, leggete qui.


Tom's Consiglia

A chi interessa approfondire il tema dei diritti si consiglia l'acquisto di un manualetto di base come ad esempio Lezioni di Cittadinanza e Costituzione.

Pubblicità

AREE TEMATICHE