Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
21 minuti

Recensione – Test dei cinque browser più diffusi per decretare il migliore.

Installazione

Siamo partiti da un'installazione "pulita" di Windows 7, alla quale abbiamo poi applicato tutti gli aggiornamenti disponibili. In seguito abbiamo installato i browser, Flash, Java e Silverlight. Infine abbiamo disattivato lo screensaver e tutte le impostazioni di risparmio energetico. Prima di avviare i test abbiamo disattivato la funzione di aggiornamento automatico del browser.

Metodologia

Dopo ogni benchmark abbiamo riavviato il sistema. Prima di ogni prova abbiamo atteso che il sistema operativo fosse pronto. Ogni volta che una prova terminava, abbiamo svuotato la cache del browser. Nella maggior parte dei casi, ogni test è stato ripetuto cinque volte, tranne che dove espressamente specificato.

Su Nontroppo

Non troverete in quest'articolo test effettuati con Nontroppo. Questo benchmark ha un'incompatibilità con Webkit, e dà un vantaggio illegittimo a Chrome e Safari.

Su Internet Explorer

In passato è già emerso chiaramente che Internet Explorer non può competere con gli altri browser. Lo abbiamo incluso comunque, perché è ancora il browser più diffuso al mondo. In questo mondo ci è stato possibile trasmettere graficamente il punto in cui si trova il riferimento del mercato, rispetto alla concorrenza. Se IE8 non fosse il leader del settore, non lo avremmo incluso.

Non abbiamo testato l'anteprima di Internet Explorer 9 per la sua natura di prodotto provvisorio. In questi casi possiamo fare test a parte, ma un confronto con programmi stabili sarebbe ingiusto. IE9 può certamente ottenere buoni risultati in molti test, ma questa versione è più che altro uno sguardo accennato a quello che sarà il prodotto finale. Si tratta infatti di una finestra con un menù e un riquadro per vedere pagine web, e mancano la barra di navigazione e le schede. Persino la barra degli indirizzi è assente. Se si rimuove ogni cosa da un'applicazione, lasciando solo l'essenziale, probabilmente andrà più veloce. Come con le auto da corsa, anche per i browser se si riduce il peso la velocità aumenta. Prenderemo in considerazione questo browser quando sarà finito.

Pagina precedente

Risultati benchmark: tempo d'avvio

Il tempo d'avvio è stato testato in due diversi modi, con la pagina iniziale impostata a una e otto schede (il limite per IE8). Abbiamo fatto le prove caricando i dati dal disco fisso e con veri siti web, per offrire dati che possano mostrare il comportamento reale dei browser. Il tempo di caricamento con i dati locali è, di fatto, un dato che c'informa sulla velocità massima teorica di un browser.

Scheda singola

Mozilla sostiene che Firefox 3.6.6 è un aggiornamento di piccola entità, che introduce variazioni minime e correzioni, insieme a un piccolo miglioramento del tempo di avvio. È un ottimo lavoro, invece, per quanto riguarda quest'ultimo aspetto. Ora Firefox si avvia più velocemente di tutti gli altri browser a scheda singola. Opera si piazza al secondo posto, con un distacco minimo. Al terzo posto troviamo IE8, seguito da Google Chrome e Safari.

Tutti i browser si comportano molto bene, in ogni caso. Con la nostra piattaforma di prova il tempo d'avvio è sempre inferiore ai cinque secondi. Vale la pena ricordare che l'aggiunta di estensioni e plug-in pesa molto su questo parametro, che può arrivare a superare il minuto, secondo le condizioni.

Otto schede

Con l'apertura impostata a otto schede, la classifica cambia. Opera passa al primo posto, con un tempo d'avvio di soli sei secondi. Sono solo 2 secondi in più, rispetto all'apertura di una scheda singola. Seguono Chrome, Firefox e Safari, che impiegano circa quindici secondi. IE8 chiude la classifica, con circa 18 secondi.

Caricamento di una pagina

Abbiamo eseguito questa prova prendendo come campione i primi cinque siti al mondo per visite, affidandoci alle statistiche di Quantcast. Sono Google, Facebook, Yahoo, YouTube e MSN. Per la prova abbiamo usato le versioni salvate su hard disk il 19 giugno scorso.

Il caricamento da disco fisso ci permette di escludere le variabili legate alla qualità della rete e allo stato dei server, e ci offre un valore teorico assoluto. Il valore di questi dati è utile a fini comparativi, anche se difficilmente riflette il comportamento del browser in un ambiente reale.

Google

Chrome è il browser più veloce nel caricare l'homepage più visitata al mondo, seguito a ruota dall'altro browser WebKit, cioè Safari. Firefox e IE8 si piazzano rispettivamente terzo e quarto, con Opera che chiude le fila con un tempo quasi doppio rispetto a Firefox.

Facebook

In questo caso Firefox guadagna il primo posto. Chrome è secondo per soli 20 millisecondi. Poi troviamo IE8, che aggiunge altri 20 ms, poi Safari e Opera.

Continua a pagina 5
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!