Hot topics:
11 minuti

Crowdfunding: 3DLiving, stampante 3D a 400 euro

É italiano il progetto di una stampante 3D che costa meno di 400 euro ed è semplice da usare, scopriamo i dettagli.

Crowdfunding: 3DLiving, stampante 3D a 400 euro

Crowdfunding: 3DLiving, stampante 3D a 400 euro

Introduzione

Continua la ricerca di progetti in Crowdfunding interessanti, e oggi vi parlo di stampa 3D e di un'idea tutta italiana. Disponibile ancora per pochi giorni sulla piattaforma italiana Eppela, i ragazzi di 3DLiving hanno un obiettivo chiaro in testa: una stampante 3D economica e facile da usare.

Oggi la stampa 3D è ancora qualcosa ad uso e consumo degli appassionati che decidono di acquistare – o costruirsi – una stampante, che richiederà una certa dose di esperienza per un uso corretto. In realtà esistono già diversi modelli "pronti all'uso", ma ci sono sempre degli ingredienti "fai da te" da tenere in considerazione. Il corretto allineamento dei componenti, la scelta delle impostazioni di stampa in base al modello tridimensionale e altre caratteristiche sono importanti, e alcuni rivenditori abbinano alla vendita della stampante un vero e proprio corso di formazione.

Eccezione fatta per alcuni modelli, oggi il costo medio di una stampante 3D si aggira attorno ai 1000 euro, un prezzo conveniente se pensiamo che fino a un paio di anni fa le stampanti 3D erano oggetti solo professionali da decine di migliaia di euro. Ma 1000 euro o più sono ancora troppi. Un modello da 400 euro rappresenterebbe un notevole passo in avanti.

La presentazione di questa stampante lascia molti quesiti aperti, soprattutto perché non si entra nei dettagli tecnici, che cercheremo di scoprire chiedendo direttamente ai progettisti. Inoltre, considerando la media dei prezzi delle altre stampanti, è lecito chiedersi come i ragazzi di 3DLiving siano riusciti a promettere un costo così contenuto. Scopriamo i dettagli nell'intervista.

Il ruolo di Fastweb

Se avete già visitato la pagina su Eppela dedicata a 3DLiving, vi sarete accorti che il logo di Fastweb campeggia in grande stile. Ecco spiegato il motivo: Eppela e Fastweb hanno avviato una collaborazione in cui Fastweb s'impegna a finanziare ogni progetto che soddsifa alcuni requisiti, con un massimo di 10mila euro, per ogni campagna che supererà il 50% di raccolta fondi.

Il ruolo di Fastweb si ferma qui, l'azienda di telefonia e servizi non avrà alcun ruolo nella realtà che realizzerà i progetti finanziati.

Penna Stampante 3D Penna Stampante 3D
  
Davinci - Stampante 3D Davinci - Stampante 3D
  

 

Domande e Risposte

Chi ha avuto questa idea e perché?

L'ideatore del progetto sono io (Andriano Marino) e l'idea è nata da un esigenza personale. Sembrerà banale, ma il tutto è partito dalla costruzione di una casa per bambole di mia figlia, dove neccessitavano alcuni componenti importanti e un pò impossibili da trovare in giro. Perché non costruirla noi con materiali plastici? ma come? Poi l'idea, ci vorrebbe una stampante 3d. Ero già da tempo appassionato di stampa 3D e di grafica, sono sempre stato dell'idea che si puo rivoluzionare il modo di vivere avendone una in casa e che tutto è riproducibile e sostituibile, basta avere la possibilità di farlo. Da quel momento in poi inizia la ricerca per l'acquisto di una macchina efficiente e poco costosa.

Quali sono i punti vincenti del vostro progetto?

Nelle varie e disperate ricerche (anche in Cina) mi rendo conto che non c'è nulla di economico e soprattutto nulla che puo' essere alla portata di tutti. I modelli base partono dalle €800,00 in su. Iniziano cosi le ricerche di macchine open source come RepRap e similari. Inizio a studiare il loro funzionamento e avendo delle buone basi meccaniche mi rendo conto che tutte le macchine hanno in comune lo stesso funzionamento, scorrono sugli stessi assi, tutti utilizzano una scheda arduino per gestire i motori passo-passo. Struttura semplice, pochi componenti e materiali facili da trovare. Quindi l'idea parte di qui, se i materiali per garantire il funzionamento non hanno dei costi eccessivi e lo schema elettrico e meccanico è uguale indipendentemente dalla grandezza e dalla forma, a questo punto il prezzo e il design di sicuro possono essere il nostro punto vincente.

Ora vi chiedo di fare auto critica, quali sono le debolezze?

Le nostre debolezze possono essere associate sicuramente alla fase di progettazione e StartUp, probabilmente la prima esperienza nel settore tecnologico ma molto probabilmente ai pochi fondi economici richiesti su Eppela (non demordiamo,è la volontà di fare bene che fa la differenza). Altro punto a sfavore? Non siamo multinazionali o aziende leader nel settore, non so dove potremmo arrivare se un colosso decide di fare piazza pulita.

Parlaci della tecnologia di stampa.

La tecnologia di stampa adottata è semplicemente identica a tutte le altre, la differenza sostanziale sarà in un probabile inserimento di un sistema di autotaratura degli assi prima di procedere alla stampa.

Cosa necessita la stampante per procedere alla stampa di un modello? Un PC o può funzionare anche "stand alone" ?

Per il funzionamento della stampante si neccessita di un PC ,di software gestionale della stampante dato in dotazione con la stessa e di un software 3D per la creazione del modello o per la sola lettura di file precedentemente creati. Per il modello base da € 399.00 non saranno previsti sistemi Wi-Fi e lettori schede di memoria.

Presentate il vostro progetto come una stampante di "prossima generazione", che cosa ha di nuovo, che non hanno già altri modelli oggi disponibili, per essere definita tale?

La nuova generazione per noi è intesa sul design, una stampante da forme eleganti e da una serie di colorazioni adattabili ai propri arredi. Facendo un giro sul Web non c'è nulla che oltre ad essere funzionale sia anche bella da vedere e difficilmente le stampanti 3D sono compatte con dimensioni ridotte a 25 x 25 x 25 e un'area di stampa 150x150mm. Non tralasciamo il led multicolor posizionato sulla parte superiore dell'involucro esterno,una vera chicca della macchina che, nel momento dell'inutilizzo, sarà in grado di creare atmosfere colorate nei propri ambienti casalinghi o lavorativi.

Il vostro obiettivo è mantenere il costo molto basso, quali sono le accortezze che vi permetteranno di raggiungere questo obiettivo? In altre parole, molti modelli oggi disponibili si assestano sugli 800/1000 euro, cosa avrà il vostro modello in meno degli altri per costare meno della metà?

Come detto precedentemente tutte le stampanti 3D con sistema FDM hanno sostanzialmente lo stesso funzionamento e gli stessi componenti elettrici e meccanici. Quello che determina la spesa maggiore per una stampante è l'impianto elettrico e la scheda gestionale dei motori passo-passo (circa il 50% della spesa totale). Naturalmente sarà l'acquisto in quantità dei materiali che potrà garantire il basso costo di ogni macchina e le misure ridotte degli assi ridurranno anche loro la spesa totale, e infine anche la scelta di non inserire sistemi WI-FI e lettori di schede di memoria. La nostra 3Dliving non avrà nulla in meno delle altre.

Parliamo di affidabilità e manutenzione. Oggi le stampanti 3D sono ancora prodotti per appassionati che dovrebbero essere in grado di gestire la corretta assistenza e manutenzione dei prodotti (calibrazione piatto, etc). 3Dliving sembra più un prodotto per chi non ha alcuna esperienza di stampa 3D. Come si configura la necessità di manutenzione in questo caso?

L'inserimento di un sistema automatico di taratura della macchina garantirà l'uso a gente comune e poco esperta che potrà semplicemente scegliere il prodotto da uno dei tanti siti gratuiti, inviarlo al software gestionale della 3Dliving e procedere nella stampa. Saranno creati manuali guida per la risoluzione di eventuali problemi, un FAQ con le domande più comuni e infine, come inserito nel progetto su Eppela, sarà contestualmente attiva l'assistenza la quale potrà essere di aiuto nella risoluzione dei problemi di malfunzionamento. Solo in caso di non risoluzione del problema, e quindi di malfunzionamento di componenti elettrici e meccanici, saranno avviate le procedure di assistenza e di sostituzione di parti difettate.

L'Italia non è famosa per avere grandi aziende produttrici di tecnologia, dove sarà prodotta la stampante?

Se il progetto avesse un riscontro positivo in Italia di sicuro la produzione sarà totalmente italiana e dato il periodo di crisi sarò molto felice di dare occupazione ai nostri connazionali e paesani.

Una curiosità riguardante il LED, che sembra una caratteristica aggiuntiva un po' "forzata". É un'idea nata per caso o una funzione veramente ricercata?

L'idea del LED non è una cosa forzata, è stata ricercata e io la reputo una chicca che fara' la differenza.

Per chi non ha alcuna conoscenza della stampa 3D, dateci un'idea di velocità e costi di stampa per un oggetto stampato alle massime dimensioni gestibili. O se preferite, fateci alcuni esempi con oggetti comuni, come la custodia di uno smartphone o una portamatite.

I fattori che determinano le tempistiche sono tante, si parte innanzitutto dalla qualità che si richiede in fase di stampa, al materiale che si desidera utilizzare. Ogni materiale che sia PLA o ABS o NYLON hanno temperature diverse di fusione e tutte determinano tempi diversi di lavorazione. Fare una stima sui tempi sarebbe come prenderci in giro. Anche per i costi è la stessa cosa, perché le bobine di PLA e ABS variano dalle 10 alle 30 euro, dipende tutto da chi li produce e soprattutto dalla qualita di materiale (Ndr. per il costo di stampa la resa si può considerare 1:1, cioè con 1 KG di materiale si può produrre oggetti dal peso totale di 1 KG).

Ora è settembre 2015, è passato un anno e 3DLiving è stato un successo, a cosa state lavorando?

Di sicuro a un nuovo prototipo, qualcosa di più grande in modo da abbracciare anche i settori professionali. Ci sono già idee concrete, ma non solo sulla stampa, anche sul trattamento degli oggetti stampati. Non è nostra intenzione restare fermi ad aspettare, anche perché la tecnologia non lo permette, bisogna investire ed essere al passo con i tempi per non ritrovarsi fuori.

Perché supportare il vostro progetto, convincimi.

Pensavo di averlo già fatto! Perché sostenere il nostro progetto? Per aiutarci a sviluppare un progetto innovativo e senza precedenti in Italia e se anche tu ci crederai, potrai avere in prevendita ad un prezzo eccezionale  la nostra 3D Living.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Stampa 3D?
Iscriviti alla newsletter!