Tom's Hardware Italia
Giochi in scatola

14 giochi da tavolo e di ruolo a tema horror per una serata da brivido

Una selezione di quattordici giochi horror, tra giochi di ruolo e da tavolo, per vivere una serata all'insegna del brivido

Un racconto horror ben narrato, magari davanti ad un fuoco, è sempre sinonimo di un evento di successo in grado di non lasciare indifferente quasi nessuno.  Ma perché ci piace provare paura? Affrontiamo brevemente l’argomento mentre andiamo a proporvi una dozzina di titoli disponibili sul mercato, tra giochi di ruolo e giochi da tavolo, che proprio dell’horror fanno il loro tema principale.

La paura, una compagna di vita

Il sentimento più forte e più antico dell’animo umano è la paura, e la paura più grande è quella dell’ignoto. Questi assunti vengono posti in discussione da ben pochi psicologi, e la loro conclamata verità stabilisce in qualsiasi tempo la genuinità e dignità del racconto Soprannaturale e Orrorifico come forma letteraria.”

Così scriveva Howard Phillips Lovecraft, uno dei più grandi autori di letteratura horror di tutti i tempi, nel 1927 nel suo saggioL’orrore soprannaturale nella letteratura”. Mai parole furono più vere, fin dall’alba dei tempi, infatti, l’umanità è afflitta da mille paure che si sono evolute con lei, a partire dalla paura del buio e dei pericoli che si celano nell’oscurità, un sentimento talmente ancestrale da essere radicato in noi fin dalla nascita.

Horror

Eppure, avvertiamo un senso di piacere (in misura variabile a seconda delle persone) provando paura quando ciò accade in un contesto controllato. Questo perché, per dirla in soldoni e senza addentrarci nei meandri della neurologia, quando proviamo paura il nostro cervello produce adrenalina, cortisolo (l’ormone dello stress) e dopamina (responsabile di varie sensazioni di piacere).

Ecco dunque che dinnanzi a una fonte di paura non realmente minacciosa, come un racconto o un film horror, alla cessazione dello stimolo terrorizzante, questo cocktail di ormoni e neurotrasmettitori ci restituisce sensazioni inconsciamente piacevoli. Ovviamente, ogni persona è diversa dalle altre e la quantità di ormoni prodotta e la risposta a questi stimoli varia e ci rende più o meno amanti del genere horror e del rischio più in generale.

Detto questo, andiamo a vedere quali sono, a nostro avviso, alcuni giochi che proprio non potete lasciarvi scappare se siete amanti del brivido.

Giochi di ruolo horror per tutti i gusti

Sebbene sia il fantasy, probabilmente, il genere che la fa da padrone nel mondo del gioco di ruolo, l’horror ha saputo ritagliarsi uno spazio più che considerevole, proponendo titoli molto interessanti e di ottimo livello.

Per noi, non abbiamo dubbi, GDR horror è sinonimo di Il Richiamo di Cthulhu, che ci tiene compagnia, in italiano, fin dal 1990 e non potevamo non iniziare con questo titolo che per primo introdusse una meccanica ad hoc per la sanità mentale dei personaggi.

Il Richiamo di Cthulhu

Il Richiamo di Cthulhu
Il Richiamo di Cthulhu, giunto alla sua settima edizione pubblicata in Italia da Raven Distribution, è il gioco di ruolo horror investigativo per eccellenza ispirato alle opere di H. P. Lovecraft e degli altri scrittori che negli anni hanno contribuito a posare le fondamenta dei Miti di Cthulhu.

Forte di un regolamento al contempo semplice e profondo basato sul dado percentuale, Il Richiamo di Cthulhu consente ai giocatori di vivere terrificanti avventure all’insegna dell’orrore cosmico e della follia. Più improntato a un approccio ragionato e investigativo che legato all’azione e al combattimento, questo titolo ha un tasso di mortalità dei personaggi piuttosto alto se affrontato nella maniera sbagliata e spesso la morte non sarà la loro fine peggiore: le pareti imbottite di una cella in un manicomio potrebbero rappresentare il loro unico futuro.

Con il manuale base, che contiene tutte le regole per giocare, è possibile ambientare le proprie campagne sia durante i ruggenti anni Venti del secolo scorso, sia giocare ai giorni nostri. Se invece si preferisce un approccio più votato all’azione, vi consigliamo di prendere in considerazione di adottare le regole aggiuntive presentate in Pulp Cthulhu . Questo manuale introduce tutti gli stilemi classici della pulp fiction e contiene anche tutte le informazioni necessarie per ambientare le investigazioni anche nel periodo degli anni Trenta

Pulp Cthulhu

Per Pulp Cthulhu è stato inoltre recentemente pubblicato Il Serpente a Due Teste, un volume contente nove avventure che vanno a formare quella che è destinata a diventare una campagna che rimarrà nella storia di questo gioco di ruolo.

Grazie al sistema di gioco semplicissimo da imparare e padroneggiare, è un prodotto adatto sia ai neofiti del GDR sia ai giocatori più esperti, sebbene per i contenuti sia consigliato a un pubblico maturo, di almeno quattordici anni. Inoltre, poiché nelle varie edizioni il regolamento ha subito pochissimi rimaneggiamenti, è possibile utilizzare tranquillamente tutto il materiale uscito nel corso di più di trent’anni di storia di questo mirabolante GDR horror.

Delta Green

Delta Green
Rimanendo sul tema Miti di Cthulhu, se volete provare un’interessantissima variante al classico Il Richiamo di Cthulhu per giocare in un’ambientazione moderna, senza allontanarvi troppo dal sistema di gioco cui siete abituati, ci sentiamo di consigliare caldamente di dare un’occhiata alle Quickstart rules di Delta Green.

Pubblicato da Arc Dream Publishing, Delta Green affronta i Miti di Cthulhu dal punto di vista di un’organizzazione segreta paramilitare e paragovernativa in un mondo pieno di cospirazioni che può ricordare quanto visto in X-Files. Il motore di gioco di base è il medesimo de Il Richiamo di Cthulhu, con alcune minime varianti e un sistema di combattimento, a nostro avviso, migliorato. Interessante anche tutto l’aspetto legato alla vita e alle relazioni sociali dei personaggi, più approfondito rispetto a quanto presente nel regolamento classico.

Delta Green, al momento, è disponibile solo in lingua inglese.

World of Darkness

Parlando di World of Darkness, o Mondo di Tenebra che dir si voglia, non ci riferiamo a un solo prodotto ma a all’universo condiviso horror creato dalla casa editrice White Wolf Entertainment per i suoi titoli (sebbene esista anche un manuale omonimo, sempre a marchio White Wolf).

I giochi di ruolo che si basano su questa ambientazione sono molteplici e negli anni Novanta del secolo scorso hanno segnato un significativo punto di svolta nel mondo dei GDR. Questi titoli condividono tutti lo stesso sistema di regole di base, fondato su una riserva di dadi che decreta il numero di eventuali successi o fallimenti. Questo regolamento viene poi modificato nei vari giochi solo in quelle meccaniche inerenti al tema del prodotto in questione. Vediamo ora più da vicino quali sono questi titoli:

Vampiri la masquerade

  • Vampiri: La Masquerade: giunto alla sua quinta edizione, è il GDR horror più famoso del World of Darkness e quello che ha dato il via a tutto il restante universo narrativo. I giocatori interpretano dei personaggi che sono dei vampiri appartenenti a diversi e peculiari clan di queste creature della notte che governano il mondo da dietro le quinte. In questo momento, sul mercato italiano troviamo Vampiri: La Masquerade 20° Anniversario edita da Raven Distribution e Vampiri: La Masquerade 5a edizione al momento disponibile solo in lingua inglese. L’edizione italiana sarà pubblicata da Need Games! e vedrà il suo debutto il prossimo aprile, durante la fiera Modena Play. Al momento in italiano sono disponibili solo le Quickstart rules, scaricabili gratuitamente in formato PDF o acquistabili in formato cartaceo dal sito web di Need Games!.
    LIcantropi l'apocalisse
  • Licantropi: L’Apocalisse: in questo gioco di ruolo horror, i personaggi interpretano dei lupi mannari appartenenti a diverse e peculiari tribù, contro la desolazione spirituale della civilizzazione urbana e contro le forze sovrannaturali della corruzione che cercano di arrivare all’apocalisse. Sul mercato italiano al momento è disponibile Licantropi: L’Apocalisse 20° Anniversario, pubblicato da Raven Distribution.
    Maghi l'ascensione
  • Maghi: L’Ascensione: più un dark urban fantasy che un horror vero e proprio, in questo GDR i giocatori interpretano dei Maghi, degli esseri umani in cui si è risvegliato il potere di alterare la realtà attraverso la magia. Il gioco si focalizza principalmente su tematiche come crescita interiore, soggettività del reale e ricerca del sé, affiancandole a situazioni di carattere più mondano. Al momento si attende con ansia l’uscita del manuale Maghi: L’Ascensione 20° Anniversario annunciata da Raven Distribution ormai da qualche anno e non ancora pubblicata.

Appartenenti al World of Darkness, esistono anche altri due giochi di ruolo, Wraith: the Oblivion e Changeling: the Dreaming, entrambi nell’edizione 20° anniversario che non sono stati ancora localizzati in italiano e non sono facilmente reperibili attraverso i normali canali come Amazon.

A causa del regolamento non semplicissimo e per le tematiche trattate, questi giochi di ruolo si rivolgono principalmente a un pubblico maturo e non sono l’ideale a chi muove i primi passi nel mondo dei GDR.

LovecrafTesque

lovecraftesque
Torniamo a parlare di giochi ispirati al Solitario di Providence con LovecrafTesque, vincitore del premio Gioco di Ruolo dell’Anno 2018 a Lucca Comics & Games. LovecrafTesque, pubblicato in Italia da Narrativa, è un gioco di ruolo horror di narrazione condivisa e masterless (cioè che non prevede che una persona si incarichi del ruolo di Master) da giocarsi in delle one-shot.

Il titolo, infatti, prevede che la storia si concluda nell’arco di una sessionedi gioco in cui i partecipanti si scambieranno di continuo i ruoli, collaborando per creare, attraverso delle carte, la storia di un unico personaggio, un testimone in balia di strani, terrificanti eventi, ricreando perfettamente la struttura e le atmosfere presenti nei racconti di Lovecraft.

Il regolamento semplice e immediato lo rendono un gioco approcciabile da chiunque, dai quattordici anni in su.

Kult: Oltre il Velo

Kult
Kult: Oltre il Velo, pubblicato in Italia da Raven Distribution, è la terza edizione del “controverso” gioco di ruolo horror svedese Kult. L’ambientazione, estremamente cupa e nichilista e che si appoggia molto al pensiero gnostico, vede il mondo e la realtà come un’illusione, una prigione per l’umanità.

Questa prigione è stata forgiata dal Demiurgo, l’artefice dell’universo, per evitare che l’umanità possa riottenere la scintilla di divinità di cui all’alba dei tempi disponeva. Solo che il Demiurgo ora è scomparso, è fuggito oppure è morto, e i carcerieri dell’uomo, Arconti (arcangeli) e Angeli della morte (demoni maggiori), sono liberi di agire di propria volontà, cercando di mantenere l’illusione della prigione o spingendo verso una distruttiva apocalisse.

E i personaggi? L’unico modo che ha l’uomo per risvegliarsi e vedere oltre il velo dell’illusione è quello di indulgere in passioni, droghe ed eccessi. Per i temi trattati Kult: Oltre il Velo è un gioco di ruolo adatto a un pubblico adulto e in alcuni casi può risultare davvero disturbante.

Vi diamo inoltre informazione che lo scorso novembre è uscito il reboot in lingua inglese di questo GDR, intitolato Kult: Divinity Lost e che utilizza come motore di gioco il sistema Powered by the Apocalypse opportunamente modificato, pubblicato da Modiphius e al momento ordinabile solo sui siti web stranieri.

Sine Requie Anno XIII

Sine requie
Sine Requie Anno XIII, pubblicato da Serpentarium, è un gioco di ruolo horror di produzione tutta italiana ambientato in una realtà tragicamente distopica in cui il 6 giugno 1944, giorno del D-Day, i morti di tutto il mondo si sono risvegliati, affamati di carne umana.

Il manuale base presenta ben quattro ambientazioni complementari che presentano tre regimi assolutisti (la teocrazia del Sanctum Imperium, la dittatura nazista del IV Reich e la dittatura socialista del Soviet) creatisi dopo questo spaventoso evento e un setting di pura sopravvivenza in un landa desolata e priva di legge.

Il sistema di gioco, piuttosto semplice, si basa sull’uso di qualche mazzo di tarocchi al posto dei dadi ed è approcciabile anche dai giocatori alle prime armi. Gli argomenti trattati in questo manuale, tuttavia, sono tutt’altro che semplici, richiedono un pubblico maturo e non impressionabile.

Il grande numero di espansioni uscite negli anni e che vanno a presentare altre regioni del mondo che nel manuale base non vengono trattate, donano al prodotto un’enorme varietà di stili di gioco e tematiche da affrontare.

I giochi da tavolo horror che non potete non provare

Quanto detto per i giochi di ruolo è valido anche per quanto riguarda i giochi in scatola. Molti sono infatti i titoli che fanno dell’horror il loro tema principale. E com’era prevedibile, anche in questo caso sono i giochi ispirati a Lovecraft a farla da padrone.

Arkham Horror – Il Gioco di Carte

Arkham Horror - Il Gioco di Carte
Uno dei migliori prodotti ludici di genere horror, Arkhan Horror – Il Gioco di Carte (conosciuto anche come Arkham Horror LCG), pubblicato in Italia da Asmodee Italia, è un gioco di carte a tema Miti di Cthulhu, da giocare in solitario o come cooperativo fino a quattro giocatori.

Questo prodotto consente ai giocatori di affrontare insieme una serie di avventure per contrastare le macchinazioni delle entità dei Miti. Queste avventure, giocabili anche singolarmente, sono pensate per essere affrontate in sequenza, a formare una “campagna”, cosa che dona al gioco una forte impronta narrativa e che strizza l’occhio ai GDR.

Arkham Horror – Il Gioco di Carte è il titolo perfetto per chi cerca un’esperienza ludica di ottimo livello giocabile sia da soli sia in compagnia. Per i temi trattati e il regolamento, semplice ma che può risultare un po’ ostico ai giovanissimi, è un prodotto che si rivolge a giocatori dai quattordici anni in su.

Le Case della Follia, Seconda Edizione

Le case della follia
Altro prodotto pubblicato qui da noi da Asmodee Italia, Le Case della Follia seconda edizione  è un gioco da tavolo horror, anch’esso ispirato ai Miti Lovecraftiani.

È un titolo totalmente cooperativo per uno/cinque giocatori che ben si presta a essere giocato anche in solitario in cui i partecipanti, guidati da un’App scaricabile gratuitamente, dovranno investigare su alcune vicende misteriose e terrificanti, riuscendo a portare a casa la pelle e la salute mentale.

Corredato di tessere combinabili in un’infinità di modi diversi per costruire il tabellone di gioco, come indicato dalla missione scelta nell’App, e da una serie di miniature piuttosto evocative, Le Case della Follia seconda edizione è un gioco dalle regole semplici, perfetto per chi vuole avvicinarsi al mondo dei boardgame.

Dead of Winter

Dead of Winter
Dead of Winter, pubblicato in Italia da Raven Distribution, è un titolo horror che permette di rivivere le classiche atmosfere post apocalisse zombie tipiche dei film di Romero e di serie TV come The Walking Dead.

Il gioco è un semi-collaborativo per due/cinque giocatori, in cui i partecipanti dovranno gestire una colonia di umani che deve sopravvivere non solo ai non-morti, ma anche ai rigori dell’inverno. Ogni giocatore ha un obiettivo personale diverso, oltre a quello comune a tutti della sopravvivenza della colonia, e questo innesca un meccanismo di paranoia tra i partecipanti.

Dead of Winter è un titolo horror di facile apprendimento e quindi adatto a giocatori di tutti i livelli di esperienza in ambito ludico. È perfetto per chi cerca un gioco cooperativo diverso dal solito e che fa dell’immersività uno dei suoi elementi chiave.

Monster Slaughter

Monster Slaughter
Edito in Italia da 3 EMME Games, Monster  Slaughter è un divertentissimo gioco da tavolo competitivo per due/cinque giocatori che permette di ricreare, con una buona dose di umorismo nero, le atmosfere dei film horror degli anni ’80.

Forte di una grande quantità di materiale di ottima qualità, tra cui alcune bellissime miniature, in questo gioco in scatola i giocatori non saranno le solite vittime sventurate braccate da orribili creature, bensì i mostri stessi, a caccia delle suddette povere anime.

È un titolo che fa più dell’umorismo e delle risate che si creano attorno al tavolo il suo punto forza, più che fare leva sulla paura tipica del genere horror; complice un regolamento piuttosto semplice, è il gioco perfetto per chi si approccia al mondo dei boardgame, ma sa donare emozioni e divertimento anche ai più smaliziati.

The Faceless

The Faceless
Disponibile in pre-order, con uscita prevista per il 15 marzo 2019, pubblicato da MS Edizioni, The Faceless è un gioco da tavolo horror completamente cooperativo per due/quattro giocatori, in cui i partecipanti dovranno avventurarsi nell’oscuro universo di Duskworld per recuperare le memorie del loro amico Ethan prima che diventi anch’esso uno dei Senza Volto che abitano questo mondo cupo.

The Faceless introduce una meccanica assolutamente innovativa: le carte che i partecipanti giocheranno nel corso della partita, infatti, consentiranno di mutare il campo magnetico della plancia di gioco e di muovere di conseguenza l’ago della bussola posta al centro della stessa.

Ciò potrebbe causare un cambiamento di orientamento delle varie miniature in gioco, dotate di un magnete posto all’interno della loro base, così da poter decidere dove andranno alcuni degli avversari che pattugliano questo misterioso mondo.  Allontanarne uno, però, avvicinarne un altro, per cui l’attenzione dovrà sempre essere alta.

Mythos

Mythos
Mythos  è un gioco da tavolo cooperativo, pubblicato in Italia da MS Edizioni, che ancora una vota ci trasporta nelle atmosfere horror tipiche di Lovecraft. Indicato come un prodotto per uno/otto giocatori dai tredici anni in su, in realtà si presta tranquillamente ad essere affrontato anche da gruppi più numerosi.

Dalle meccaniche che ricordano molto quelle tipiche di un librogame e ricco di materiali di buona qualità, questo titolo trasporterò i giocatori nell’Arkham degli anni Venti per indagare su alcuni eventi raccapriccianti. Per farlo, dovranno interrogare testimoni e sospettati, consultare i giornali e tenere d’occhio il tempo, che scorre inesorabile.

Grazie a un regolamento snello e semplice è il gioco ideale da proporre sia ai giocatori navigati sia ai neofiti del genere e saprà riempire una serata