Cinema e Serie TV

Bloodshot: il regista spiega chi è stato ad influenzare il film

Con il debutto al cinema di Bloodshot, Valiant Entertainment presenterà il suo primo personaggio. L’arrivo delle sale cinematografiche del film diretto da Dave Wilson e con protagonista il grande Vin Diesel, è previsto per il 21 febbraio del 2020 e sarà presentato da Sony Pictures. Ebbene, nel corso di una intervista, il regista ha spiegato il motivo che lo ha spinto ad ingaggiare Vin Diesel nel ruolo di Bloodshot. A quanto pare, la sua decisione è stata influenzata dal figlio, di soli 9 anni, dell’attore e di Jeff Lemire. Nel frattempo però, il regista avrebbe spiegato come, prima di lanciarsi nella realizzazione del film, si sia dedicato alla lettura di molti fumetti che parlavano del personaggio di Bloodshot. Ecco le parole di Dave Wilson in merito:

“Ho letto i fumetti. Sono un fan dei comics, ma neanche lontanamente come lo sono Dinesh Shamdasani e Hunter Gorison.  Sono più un tipo da fantascienza e romanzi.  Nonostante tutto, ho avuto modo di leggere gran parte dei fumetti, poi dopo aver dato un’occhiata alla sceneggiatura ho letto anche gli albi precedenti. In particolare, ho gradito il materiale nuovo scritto da Jeff Lemire.”

Subito dopo aver puntualizzato questo piccolo dettaglio, il regista della nuova pellicola cinematografica è tornato sul motivo che lo ha spinto a vedere Vin Diesel come l’attore più adatto per vestire i panni di Bloodshot. La premessa di Wilson è stata molto chiara, infatti avrebbe affermato di non essere un regista del calibro di Spielberg o Nolan e di conseguenza del cast avrebbero fatto parte gli attori più svariati. Dunque egli ha spiegato che nel corso del primo incontro avvenuto con Vin Diesel era presente anche suo figlio di 9 anni:

“Il figlio di nove anni di Vin era presente, credo che fosse il periodo degli incendi a Los Angeles, quindi le scuole erano chiuse. Proprio per questo motivo, suo figlio era con lui. Nel nostro studio,  sono appesi al muro gli artwork ed i fumetti. In pratica, dove teniamo i nostri incontri è una sorta di mini-convention. Vincent, suo figlio, non ha fatto altro che fare domande del tipo: “Cosa è questo?”, “Cosa succede qui?”. Proprio per questo motivo, credo che Vin potesse vedere tramite gli occhi di suo figli di nove anni come il mondo fosse intrigante. L’incontro è dunque terminato con suo figlio che tirava la maglietta di Vin, dicendogli:” Papà, vorrei davvero che tu fossi Bloodshot”.

Quindi si può dire che, se vedremo Vin Diesel nel ruolo di Bloodshot, è anche grazie a suo figlio. Ricordiamo inoltre che del cast faranno parte anche Sam Heughan, Eiza GonzàlesTalulah Riley,  Guy Pearce,  Toby Kebbell  e Lamorne Morris.

In attesa di vedere la pellicola diretta di Wilson su Amazon, a questo link, sono disponibili i fumetti di Bloodshot. Date un’occhiata!