Libri e Fumetti

Cesare: dopo sedici anni la conclusione del manga

Dopo un periodo di ben sedici anni si conclude il manga storico Cesare, dedicato alla figura di Cesare Borgia, in cui appaiono molti personaggi storici realmente esistiti, nonché vi è ricostruita in modo accurato la vita scolastica dell’Università di Pisa nel Rinascimento, scritto da Fuyumi Sōryō assieme a Motoaki Hara ed edito in Italia da Star Comics.

A dare l’annuncio il 47° numero di quest’anno della rivista Morning di Kodansha. Il capitolo finale verrà pubblicato nel 52° numero della rivista in uscita il 25 novembre.

Cesare

Cesare: a proposito del manga

Il manga (recuperate la vostra copia su Amazon!)è stato pubblicato per la prima volta in Giappone sulla rivista Morning nel 2005, e Kodansha ha pubblicato il 12° volume nel giugno 2019. Il manga è andato in pausa nell’ottobre 2014 ed è ripreso nel novembre 2018.

Cesare

Nel nostro Paese la serie, che al momento si compone di 12 volumi, è stata pubblicata dalla Star Comics che ne descrive così la trama:

IL CREATORE CHE HA DISTRUTTO.
È l’opera a cui Fuyumi Soryo ha deciso – a parte brevi apparizioni su rivista – di dedicare il resto della sua vita, con una dedizione del tutto giapponese, quasi d’altri tempi.
Definirla la biografia di Cesare Borgia, il più famoso condottiero del Rinascimento italiano, sarebbe troppo riduttivo, perché una biografia si occupa solo di fatti e date: l’opera di Fuyumi Soryo è invece un affresco di un’epoca che ha cambiato il mondo, e che indaga sulle persone che hanno permesso ciò, senza dimenticare la cura per il particolare.
Il fumetto più documentato del mondo, realizzato fianco a fianco con accademici, ricostruito in base agli scritti dell’epoca, realizzato in seguito a ripetuti viaggi in incognito dell’autrice in Italia, sta finalmente per arrivare nel nostro paese, in un’edizione da leggere, collezionare e rileggere ancora.

Il manga ha anche ispirato un musical teatrale che avrebbe dovuto debuttare nell’aprile 2020, ma è stato annullato a causa della pandemia. Al suo posto si è invece tenuto un concerto nel luglio 2020.