Cinema e Serie TV

Chernobyl: dopo HBO anche una emittente russa vuole produrre una serie TV

Uscita in lingua italiana pochi giorni fa su Sky Atlantic, Chernobyl è una miniserie evento che racconta i tragici eventi avvenuti nell’omonima città nel 1986. Acclamata da pubblico e critica come una delle migliori produzione degli ultimi anni, la serie non è però stata apprezzata dai media Russi, che hanno criticato pesantemente il prodotto definendo in particolare come inadeguata la ricostruzione fatta degli avvenimenti.

Sembra infatti che – secondo le opinioni riportate dal The Moscow Time – vari giornali avrebbero rilevato una rappresentazione “degna di una caricatura” data alla potenza nucleare del paese. A questo, si aggiungono, sempre secondo i media russi,  numerosi luoghi comuni utilizzati all’interno della produzione. Il tutto a denigrazione e discapito quindi dell’importanza di tutte quelle persone comuni raffigurate nei cinque episodi della serie, che hanno saputo mostrare coraggio e forza in una situazione davvero critica .

Al fine di dare una “visione realistica e dal’interno di chi era presente durante gli eventi” la compagnia energetica Gazprom, tramite la sua emittente televisiva Ntv, pare si sia presa l’onere e l’onore di dare vita ad una serie tv che potrà rendere giustizia alla Russia. La serie pare racconterà quella che – secondo i media locali –  è la teoria più veritiera su quanto accaduto in quel periodo nefasto; ovvero che il responsabile dell’esplosione sarebbe un agente della CIA infiltratosi nello stabilimento con finalità terroristiche.

Chernobyl , la serie di HBO, racconta la storia di una delle peggiori catastrofi causate dall’uomo. La miniserie, ambientata nell’aprile del 1986 parla di quelle persone che hanno provato ad aiutare la popolazione e sono morte durante il tragico evento. La serie racconta anche del grande insabbiamento mediatico messo in atto dall’Unione Sovietica e si basa sui racconti dei cittadini locali di Pripyat, scritti nel libro “Preghiera per Černobyl”‘ di Svetlana Alexievich. La vera lettura di questa miniserie, scansando quindi tutte le lotte di potere e le guerre fredde moderne possibili, sta proprio in questi cittadini e nei loro atti eroici: come visto successivamente al disastro, le azioni di alcuni di loro (raffigurate nella serie), hanno evitato un esplosione nucleare e salvato territori che altrimenti sarebbero diventati inabitabili (si parla di porzioni intere d’Europa).

Su Amazon potete trovare alcuni dei libri dedicati al disastro nucleare di Chernobyl