Cinema e Serie TV

Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story, recensione: la nascita di un sogno

Chi di voi non è mai stato in un parco tematico? Difficile trovare qualcuno che sia ancora a digiuno di esperienze come queste, ma saremo allora un po’ più specifici: chi di voi non ha mai visitato un parco tematico Disney? Sentiamo già le vibrazioni che aumentano, dopo questa domanda, perchè ci stiamo avvicinando al punto focale del tema della nostra recensione. Trovare qualcuno che non apprezzi il mondo Disney è pressoché impossibile (potrebbe farlo solo chi ha un bidone della spazzatura al posto del cuore, cit.), ma questa volta ci approcciamo ad esso da un punto di vista meno “cartoons” e più concreto, ma sempre legato all’intrattenimento: la nuova piattaforma streaming Disney +, disponibile per noi utenti italiani dal 24 marzo, ci regala un documentario a puntate dedicato alla nascita dei parchi divertimento tematici e brandizzati Disney. Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story , titolo che fa un po’ il verso poeticamente a The Neverending Story, non sceglie a caso questa assonanza, considerando che la storia di questi luoghi ormai di culto e quasi “sacri” per i fanatici, fuori da qualsiasi blasfemia.

Per iscrivervi al servizio di Streaming Disney+ con abbonamento mensile o annuale scontato potete utilizzare questo link.

Che mondo sarebbe senza Walt Disney?

No, forse non riusciremmo a immaginarci la nostra vita senza anche solo il minimo influsso delle opere di Walter Elias Disney, genio nato all’alba del ventesimo secolo e che ha dato i natali a tantissime storie, introdotte in maniera trasversale e unica nella vita reale grazie alla realizzazione dei parchi di divertimento. Ma pensiamo di sapere tutto di questa storia? Piccolo indizio: la risposta potrebbe essere negativa, a meno che non siate fan sfegatati e appassionatissimi di questo personaggio. Sapevate però che dobbiamo ringraziare il fratello di Walt, Roy O. Disney, se il suo desiderio di aprire Disney World è diventato realtà?

Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story , miniserie a carattere documentaristico, si compone di sei episodi in tutto, lanciati sulla piattaforma lo scorso dicembre per chi aveva la fortuna di potervi accedere, e ogni puntata ruba un’ora del vostro tempo per scoprire aspetti nascosti e conosciuti finora solo agli “addetti ai lavori” di questa grande macchina dell’entertainment mondiale. Nel primo dei due episodi che abbiamo visto in anteprima per voi, si spalancano le porte agli obiettivi delle telecamere per entrare nella “pancia dell’orca”, per citare un passo di Pinocchio, e scoprire il “luogo più felice della Terra”, ossia il laboratorio innovativo dove la creatività consente ai sogni felici, all’emozione e alla vergine commozione di concretizzarsi in volti, gesti, colori e suoni in ogni minimo dettaglio della scenografia e delle attrazioni che vanno a comporre, tassello dopo tassello, i parchi tematici più famosi al mondo.

Non castelli di carta, ma solida fantasia

But creating happiness is hard work, racconta la voce narrante di Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story. E non possiamo smentirla, soprattutto perché gli standard qualitativi imposti in questo lavoro sono davvero alti: scadenze a stretto giro da rispettare, una serie infinita di attività e chiedendosi sempre e comunque “Walt Disney come lo avrebbe fatto?“. Una domanda pesante, la cui risposta richiede un altrettanto tasso elevato di responsabilità, ma soprattutto di follia e di sogno, proprio come il creatore di tutta questa grande macchina, come viene svelato in Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story. Cosa sta alla base dell’industria più grande al mondo che incanta generazioni di persone? Grande passione e tanta fatica, messa letteralmente nero su bianco: sono i primi disegni che prendono vita, si animano, sul grande schermo a dare voce al loro padre creatore. Walt non ha fatto altro che unire due metà diverse della stessa mela: far combaciare alla perfezione il disegno con i princìpi del cinema, la triade composta da personalità, humour e dramma.

Ma come nasce tutto questo? La scintilla vera e propria che è scattata nella mente di Walt non poteva che nascere dall’altro organo simbolicamente pregnante: il cuore. Trascorrendo del tempo con le sue figliole, si è chiesto cosa potesse unire la famiglia, genitori e figli, per consentire loro di stare insieme e di potersi divertire insieme, creando un vero e proprio collante che tiene insieme l’umanità e rappresenta il vero motore del mondo. Del resto, quale storia Disney non parla d’amore e di unione? A memoria, praticamente nessuna. E sembra essere un cavallo vincente, gara dopo gara. E se l’unione fa la forza, cosa unisce le persone? Di nuovo, la semplicità e il divertimento: così nasce l’idea di aprire un piccolo parco gioco dietro il suo primo studio, per consentire ai grandi di “giocare” e provare piccole attrazioni per tornare bambini e ridere al sole delle piccole, grandi gioie della vita.

Ai posteri l’ardua sentenza

Se il primo episodio di Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story ci avvicina alla nascita e agli anni d’oro dell’attività di Walt, nel secondo si parte proprio dal momento della sua scomparsa e quindi la domanda è, come dicevamo, “Cosa avrebbe fatto Walt?” riferendosi a come mantenere e rendere sempre migliore il mondo onirico creato dalle menti di un’équipe sempre più ampia. E’ in questo episodio che vengono snocciolate le risposte, con tutte le difficoltà del caso e con il momento di shock fisiologico e sconquassante vissuto da tutti i dipendenti di quella che era ormai diventato già all’epoca un impero dell’intrattenimento. Grazie a qualche flashback e un approfondimento puntuale e preciso su come siano nate le più famose attrazioni dei parchi, scopriamo ad esempio che la Casa Stregata altro non è che il frutto della combinazione di esperimenti fisici e soluzioni chimiche, unite ad hoc per rendere al meglio gli effetti paurosi e fantasmagorici che spaventano da decenni i visitatori.

Senza anticiparvi troppo i contenuti di queste puntate, possiamo asserire con tranquillità che qualsiasi appassionato di animazione, intrattenimento, ma anche semplicemente gli spettatori curiosi di scoprire il modello vincente che sta alla base del genio disneyano rappresentano il pubblico ideale della docu-serie  Dietro le quinte dei Parchi Disney: The Imagineering Story che Disney+ ci propone. Del resto, come non parlare del creatore, di colui che sta alla genesi di tutti i prodotti in streaming disponibili? La casa madre ci presenta il padre di tutti i suoi figli, a partire dai primi, lasciando ai posteri l’ardua sentenza di quello che è già presente e di quello che verrà. Perché la risposta è sempre la stessa: amare e trasmettere amore, con tutta la passione che si ha, incarnando il sogno che aleggia nella propria mente e animandolo. Proprio come Walt ha fatto con se stesso e con le sue creazioni, figlie di un lampo di genio nato nella più tradizionale forma di unione e condivisione: la famiglia.

Per iscrivervi al servizio di Streaming Disney+ con abbonamento mensile o annuale scontato potete utilizzare questo link.