Giochi di ruolo

Dungeons & Dragons: la genesi dei romanzi

Recentemente è apparsa in edicola una nuova collana edita per i tipo di Hachette che si propone di pubblicare, a cadenza settimanale, 52 romanzi appartenenti alle saghe di Dungeons & Dragons ambientate nei Forgotten Realms e a Dragonlance.  Alcuni dei romanzi legati a queste famose ambientazioni hanno raggiunto
vendite ragguardevoli e alcuni dei loro autori sono divenuti molto famosi a livello interinazione, come il duo Margaret Weiis e Tracy Hickman e Roberto A. Salvatore.

I romanzi di Dungeons & Dragons

Ma quando nascono i romanzi legati a Dungeons & Dragons e alle sue ambientazioni? La prima storia breve, mai portata a termine in realtà, apparve a puntate sui primi sette numeri della rivista The Dragon edita dalla TSR, la casa editrice dell’epoca di Dungeons & Dragons. La storia si intitola The Gnome Cache ed è ambientata nel mondo di Greyhawk. L’autore è il famoso Garrison Ernst… non lo conoscete? Beh, è lo pseudonimo di Gary Gygax, uno dei padri di Dungeons & Dragons. Pare che l’idea originale della storia risalga addirittura al 1973 ma vide la sua pubblicazione sulla neonata rivista solo a partire dal 1976.  Come primo vero e proprio romanzo ambientato nel mondo di Dungeons & Dragons, più precisamente a Greyhawk, e probabilmente come il primo romanzo ispirato a un Gioco di Ruolo, può essere quindi indicato Quag Kepp di Andre Alice Norton pubblicato nel 1978.

Dungeons & Dragons: Greyhawk

Dedica di Gygax ad Andre Norton

Nel 1976, Gary Gygax invitò la Norton a giocare a D&D col suo gruppo e da questa esperienza l’autrice prenderà spunto per il suo romanzo che tratta di un gruppo di personaggi che vengono trasportati dal nostro mondo a quello di Greyhawk dove verranno coinvolti in una lotta fra le forze del Bene e del Male. Il viaggio tra il nostro mondo e un altro, fantastico, non era sicuramente una novità per l’epoca sia nei romanzi che nei neonati Giochi di Ruolo. Ad esempio, anche gli originali Forgotten Realms di Ed Greenwood erano un mondo a cui si poteva accedere tramite portali.

Riportiamo qui, copiata dalla sovra copertina dell’edizione del 1978, la presentazione del romanzo. Da notare come si faccia ancora riferimento ai “war games” e non ai Giochi di Ruolo, che non “esistevano ancora” nell’immaginario comune.

SITTING ALONE IN A SEEDY INN IN THE FREE CITY of Greyhawk, Milo Jagon, swordsman, has deep forebodings of impending danger. On his wrist is a strange bracelet made of two metal bands that hold between them miniature, gemset dice, but he has no memory of whence the bracelet came or what power it contains. One by one, Milo encounters six strangers of vastly different backgrounds, each having half-memories of belonging in another world, but each wearing a similar bracelet and under a wizard’s geas to find and destroy an alien and evil power that is controlling their lives. When their bracelets grow warm, the dice roll and they enter another stage of the game in which they seem pawns. Using as background the complicated and fascinating war games that are now so widely played, Andre Norton, a leading science fiction and fantasy writer, has created a game within a game, played for life-and-death stakes, that sweeps the reader into an extraordinary world of high adventure where the forces of good and evil War incessantly.

Del romanzo esiste anche un seguito edito nel 2006 e intitolato Return to Quag Keep scritto dalla Norton isieme a Jean Rabe, scrittrice molto nota per i suoi lavori sui romanzi di Dragonlance. Il romanzo fu pubblicato postuno data la scomparsa della Nortno nel 2005. Quag Keep è stato tradotto anche in italiano dalla Mondadori nella collana Urania Fantasy numero 9 (1989) col titolo di Il Gioco degli Eroi.

Cercate manuali di Dungeons & Dragons nuovi e da collezione o materiale dedicato al mondo del gioco di ruolo? A questo link potete trovare dalle ultime novità alle chicche introvabili pronte per essere spedite a casa vostra