Cinema e Serie TV

Emma Stone ed Emily Blunt potrebbero unirsi alla causa contro Disney

Secondo quanto riferito dalla newsletter What I’m Hearing… dell’ex editore di THR Matt Belloni, Emma Stone potrebbe unirsi a Scarlett Johansson nel fare causa alla Disney per la strategia di pubblicazione del film Crudelia. Nella newsletter si riporta quanto segue:

“Si dice che Emma Stone, la star di Crudelia, stia soppesando le sue opzioni per fare causa a Disney”.

Emma Stone

Belloni ha anche nominato Emily Blunt come un’altra star di grande importanza che potrebbe lamentarsi del fatto che Jungle Cruise sia offerto contemporaneamente nei cinema e Disney+ Premier Access, così come accaduto con Black Widow e Crudelia.

Sempre secondo quanto riferito da Belloni, il presidente dei Marvel Studios Kevin Feige sarebbe molto arrabbiato e sconvolto per la causa contro Black Widow:

“[Feige] è un uomo d’affari e non è incline a scontri aziendali o scontri interni. Ma ho sentito che è arrabbiato e si vergogna”.

Recentemente, infatti, Scarlett Johansson ha scosso l’industria dell’intrattenimento quando ha deciso di fare causa alla Disney per aver realizzato una doppia uscita (nei cinema e Disney+ Premier Access) di Black Widow. Le sue motivazioni sono legate al fatto che all’attrice era stata garantita un’uscita cinematografica esclusiva, con il suo stipendio basato sulla performance al botteghino di Black Widow. Tuttavia, dal momento che il film è stato reso disponibile anche per l’acquisto su Disney+, questo ha diminuito notevolmente i suoi guadagni.

Emma Stone

La Disney ha risposto alla causa di Scarlett Johansson, definendola infondata e accusando l’attrice di aver avviato una “causa particolarmente triste e angosciante per il suo insensibile disprezzo per gli orribili e prolungati effetti globali della pandemia di COVID-19”. La società si è anche difesa affermando di non aver violato il contratto stipulato con la Johansson poiché “l’uscita di Black Widow su Disney+ con Premier Access ha notevolmente migliorato la possibilità di guadagnare un compenso aggiuntivo superiore ai 20 milioni di dollari che ha ricevuto fino ad oggi”.

Resta da capire se anche Emma Stone ed Emily Blunt si uniranno alla protesta. In ogni caso su Disney+ potete vedere questo e tantissimi altri contenuti. Per iscrivervi al servizio di streaming Disney+ sia con abbonamento mensile sia annuale scontato potete utilizzare questo link.