Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Giochi di ruolo

Hope & Glory, lo steampunk secondo GG Studio

A volte (per fortuna) ritornano. Titoli realizzati da autori o aziende italiane che vedono la luce inizialmente in lingua inglese per poi tornare in patria fruibili anche nella nostra favella.

GG Studio ha annunciato la localizzazione in italiano del suo gioco di ruolo a tema steampunk “Hope & Glory”, originariamente pubblicata in lingua inglese.
L’ambientazione, opera originale di Davide Mana e Umberto Pignatelli, cerca di dare un taglio fresco e inconsueto a quelli che sono i topoi del genere a cui si ispira. Contrariamente a ciò che è il canone classico del genere steampunk, il focus in questa ambientazione si concentra infatti su aree geografiche esotiche e non solo nei tipici scenari delle grandi città europee; l’ambientazione offre ampio spazio anche alla componente mistica ed esoterica che spesso permea questo mondo di macchina a vapore e non si concentra unicamente sul progresso tecnologico di epoca vittoriana. Pensato per essere giocata utilizzando il sistema di regole “Savage Worlds”, il prodotto si propone quindi di enfatizzare la velocità ed immediatezza del gioco piuttosto che ricercare il realismo ad ogni costo nelle azioni intraprese dai giocatori. Hope & Glory è un gioco che si presta a avventure spettacolari dal taglio cinematografico, ambientate in luoghi misteriosi e insoliti e con il piede sempre sull’acceleratore.

Di seguito potete leggere un estratto del gioco diffuso dagli autori:

Il 21 di Ottobre del 1852 i cittadini di Londra e Parigi furono stupefatti nell’osservare l’orizzonte a occidente che improvvisamente assumeva sfumature rosse e purpuree.
Le prime scosse sismiche vennero percepite in tutto il mondo nelle ore successive, e all’alba del 23 di Ottobre le onde giganti investirono la costa dell’Europa. Nella serata dello stesso giorno, mentre i tremori continuavano, onde catastrofiche colpirono le coste dell’Asia. Intere città, devastate dai terremoti, vennero sommerse dal mare. Morirono a milioni.
Poi cominciò la Pioggia Nera, che spazzò le rovine lasciando dietro di sé uno spesso strato di ceneri. Nere, impenetrabili nubi nascosero il sole, e i Trent’anni d’Inverno ebbero inizio.

Nell’emisfero settentrionale, la produzione agricola andò in crisi, le città bloccate dalla neve vennero devastate dagli incendi mentre la popolazione si sollevava in rivolta, e i governi tentavano di trovare una soluzione, un modo per sopravvivere.
Sono passati cento anni dalla Catastrofe, e l’umanità è sopravvissuta.
Negli ex domini coloniali dell’Africa e del Sud America. Nelle pianure spoglie della Cina. Tra i resti dell’arcipelago giapponese. Nei palazzi russi sigillati contro l’ululare del vento della steppa. Nella terra che un tempo era l’India. Con ingegnosità e sacrificio, con coraggio e speranza, nuove nazioni sono tornate strisciando dall’orlo del precipizio per reclamare il nuovo mondo.
La scienza è un faro puntato sul futuro. Dalle distese ghiacciate dell’Europa, dove vagano i mammuth, all’orgogliosa Nazione Zulu in Africa, dalle meraviglie tecnologiche del Raj Anglo-Indiano alle coste ammantate di nebbia dell’America Perduta, queste sono le storie di un nuovo, strano mondo.

 

Oltre a essere l’editore italiano di Savage Worlds, GG Studio ha pubblicato anche altri titoli noti nell’ambiente come ad esempio Fiasco, Deadlands e Cabal, quest’ ultimo ricordiamo essere stato nominato nella rosa dei finalisti per il premio Gioco di Ruolo dell’Anno, che viene assegnato durante Lucca Comics and Games.

L’annuncio con la data di lancio dell’edizione italiana di Hope & Glory non è stato ancora fatto, ma dovrebbe avvenire nei prossimi giorni. Sarà previsto inizialmente il finanziamento del progetto attraverso una raccolta fondi su una piattaforma di crowdfunding al fine di mandare in stampa i due manuali base ( master e giocatore) entrambi rilegati in formato cartonato e con contenuti extra rispetto all’edizione in inglese.