Cinema e Serie TV

Iron Man: le storie per conoscere al meglio Tony Stark

Iron Man è uno dei personaggi più amati dell’Universo Cinematografico Marvel, grazie all’incredibile interpretazione di Robert Downey Jr. Il ruolo del Vendicatore Dorato all’interno dei film dei Marvel Studios ha fatto sì che gran parte degli spettatori si avvicinasse alla controparte cartacea di Tony Stark. Personaggio che all’interno dell’Universo Marvel fumettistico ha assunto un ruolo di primo piano a partire dagli ’80, dopo storie avvincenti realizzate da grandi nomi della Casa delle Idee, rendendo Iron Man una figura centrale all’interno dei principali eventi Marvel. Quali sono, quindi, le storie di Iron Man da leggere assolutamente?

Quali sono le storie di Iron Man da leggere?

Come accaduto per altri eroi Marvel come Daredevil o Wolverine, i nostri consigli seguono un ideale percorso che consente di apprezzare al meglio la lunga storia editoriale di Iron Man. Lo scopo è cercare, in queste avventure di Tony Stark, gli elementi che identificano al meglio le caratteristiche di questo personaggio particolare e che ha influenzato in modo inequivocabile l’Universo Marvel.

Io sono Iron Man

iron man 5

La collana di volumi dedicata alle origini dei personaggi della Casa delle Idee è sempre un ottimo punto di partenza. Queste pubblicazioni raccolgono i primi passi degli eroi Marvel, utilizzandoli come punto di partenza per un viaggio, rapido ma ben pianificato, all’interno della vita editoriale dei metaumani Marvel, attraverso i decenni di Marvel. Io sono Iron Man mantiene questa impostazione, grazie agli editoriali introduttivi che mettono il lettore nelle condizioni di apprezzare al meglio l’evoluzione, narrativa e stilistica, del personaggio.

Il demone nella bottiglia

demone nella bottiglia 5

Il demone nella bottiglia è, probabilmente, la storia più importante di Tony Stark, la base su cui poi si sarebbero basati alcuni dei momenti più intensi del futuro di Iron Man. Dopo una serie di grandi difficoltà, sia come Iron Man che come uomo, Tony Stark affronta la sua caduta, trovando come unico conforto l’alcol. David Michelinie, Bob Layton e Romita Jr offrono un lungo arco narrativo che mostra la discesa nell’alcolismo, mostrando l’umanità del personaggio e offrendogli infine una seconda occasione

Iron Monger

iron man 6

Dopo l’ottimo lavoro di Michelinie e Layton, la serie di Iron Man passa nelle mani del veterano Dennis O’Neill, affiancato ai disegni da Luke McDonnell. Momento abbastanza duro per Stark, che sta ancora affrontando le conseguenze del suo alcolismo, e ha visto la sua azienda, la Stark Industries, finire in mano al suo avversario in affari, Obadiah Stane, con la collaborazione dello S.H.IE.L.D. Stark ha fondato una nuova società, la Circuits Maximus. Il ruolo di Iron Man è finito sulle spalle di James Rhodey, amico fraterno di Stark, che sostituisce il primo Testa di Latta, ancora insicuro a rivestire nuovamente l’armatura. A cambiare le cose, è il momento in cui Stane decide di eliminare definitivamente dai giochi Stark, che crea una nuova armatura, la Silver Centurion, per fermare il suo rivale, che ha creato una sua armatura: Iron Monger.

La storia di O’Neill segna il ritorno in scena di Tony Stark come Iron Man, dopo un periodo in cui il magnate in rovina era divenuto un personaggio secondario, lasciando il ruolo da protagonista all’amico Rhodey. È proprio Iron Monger ad aver fornito ai Marvel Studios la base narrativa su cui sviluppare il primo film dell’universo cinematografico della Casa delle Idee, quell’Iron Man che nel 2008 sancì la nascita del Marvel Cinematic Universe.

La Guerra delle armature

iron man 7

Dopo aver segnato un capitolo fondamentale della storia di Iron Man con Il demone nella Bottiglia, la coppia Michelinie-Layton torna sulle pagine del Vendicatore Dorato. Dopo il successo della gestione di O’Neill, serviva una storia che mettesse a dura prova Stark. L’idea venne all’editor Marvel del periodo, Jim Shooter, che pose una domanda ai due autori: cosa sarebbe accaduto se i nemici di Iron Man avessero trovato i piani delle sue amature?

Da questa idea, Michelinie e Layton crearono l’arco narrativo noto come La Guerra delle Armature (la prima, per l’esattezza), in cui il buon Iron Man si trova a dover far fronte a nemici storici che utilizzano la sua stessa tecnologia. Occasione in cui Tony è costretto a fare i conti con le conseguenze delle sue azioni e delle sue azioni sentendo il peso del proprio ruolo. Aspetto brillantemente affrontato in Nemici Intimi, l’epilogo della Guerra delle Armature, firmata da un maestro del calibro di Barry Windsor-Smith

Extremis

iron man 9

Warren Ellis e Adi Granov interpretano un nuovo Iron Man, portando l’interazione tra Tony Stark e l’armatura ad un livello successivo. Quando sul mercato compare una nuova droga che potenzia fisicamente dei criminali in modo incredibile, Tony decide di realizzare una nuova armatura, capace di interfacciarsi con il suo sistema nervoso diventando una seconda pelle.

All’epoca dell’uscita di Extremis si erano avviati i primi timidi tentativi di portare al personaggio al cinema, e nelle intenzioni di Marvel l’attore giusto era Tom Cruise, tanto che in Extremis il volto di Tony Stark è quello della star di Mission Impossible. Curiosamente, una volta avviato il Marvel Cinematic Univers, Extremis diventa la base narrativa per il terzo capitolo delle avventure cinematografiche di Testa di Latta

Civil War

iron man 10

Nel 2006 Mark Millar scrive una delle saghe più importanti del recente passato Marvel, in cui Iron Man gioca un ruolo fondamentale. Quando l’azione di eroi irresponsabili causa una strage in una scuola, la comunità meatumana si spacca quando deve decidere se rivelare la propria identità e sottostare all’Atto di Registrazione o ribellarsi al Governo. Iron Man sente la responsabilità delle proprie azioni come eroe e si schiera a favore della registrazione, andando contro alla fazione che si raccoglie dietro lo scudo di Capitan America.

Civil War è un evento che spacca profondamente il Marvel Universe, con un capitolo conclusivo scritto da Brian Michael Bendis, La Confessione, in cui Tony Stark si ritrova a dovere convivere con il finale della guerra civile, che porta alla morte di Steve Rogers. Gli eventi di questa saga sono stati l’ispirazione per il terzo film di Capitan America all’interno del Marvel Cinematic Universe, Captain America: Civil War.