Tom's Hardware Italia Tom's Hardware
Cinema e Serie TV

L’uomo bicentenario, il robot che volle farsi uomo

Pagina 1: L’uomo bicentenario, il robot che volle farsi uomo

retrocult

Nota del curatore: in origine un robot è una macchina che lavora. Instancabile frutto dell'ingegno, schiavo felice, operatore instancabile. Subito però l'immaginario ha assaltato questa idea e ne ha fatto qualcos'altro. Qualcosa che è rappresentato magistralmente in questo articolo di Valerio Pellegrini.

Il robot, soprattutto quando è umanoide, è specchio dell'umano. E dunque una tra le più potenti risorse a disposizione di un Narratore, a maggior ragione uno abile come Isaac Asimov. Ciò che ci riflette, da sempre, ci obbliga a guardarci, a parlare di noi, ad affrontare il più difficile degli sguardi.

Ha ragione Valerio quando dice che L'uomo bicentenario segna una svolta nel cinema di fantascienza, eppure allo stesso tempo è una storia – come molte di quelle che ci ha donato Asimov- classica, di quelle che scavano nel profondo per obbligarci, con la forza delle emozioni, a giocare con gli archetipi.

Il che è curioso, perché il robot di Asimov è un Mostro noto, un Altro che ci fa riflettere sull'essenza del corpo e sulla natura dell'umano. Eppure questo robot è già obsoleto, è già antico. Oggi la parola non ha solo perso la prima sillaba, ma ha smarrito qualcosa di più. Prima degli umani, i bot hanno già perso il corpo; le IA moderne non hanno certo il cervello positronico di Andy, se non altro. Non ancora.

Valerio Porcu