Parchi divertimento

Mickey e Minnie’s Runaway Railway: attrazione sorprendente

Walt Disney World continua il suo straordinario percorso di crescita. Con quattro parchi tematici e due acquatici, ogni anno propone sempre qualcosa di nuovo. Nel 2019 presso il parco Hollywood Studios è stata inaugurata l’area Star Wars Galaxy’s Edge. A pochi mesi di distanza, da qualche giorno ha aperto le porte al pubblico, all’interno dello stesso parco la nuova attrazione  Mickey e Minnie’s Runaway Railway. Non si tratta di un progetto piccolo, al contrario parliamo di una realizzazione molto ambiziosa che potrebbe segnare una svolta per quelle che saranno le realizzazioni future coordinate dal reparto Walt Disney Imagineering, sempre pronto ad innovare in tutti i campi, vedi ad esempio la tecnologia stuntronic.

Cosa rende questo progetto speciale

Mickey e Minnie’s Runaway Railway è una dark ride di tipo trackless, tipologia molto diffusa. Le novità infatti riguardano tutto il resto, cominciando dal tema scelto.

  • Mickey e Minnie’s Runaway Railway è la prima attrazione specificatamente dedicata a Topolino, Minnie ed i suoi amici Pippo, Pluto, Paperino e Paperina. Sono passati 65 anni dall’inaugurazione del primo parco Disney in California, da allora i parchi sono diventati 14, ma mai prima d’ora è stata realizzata un’attrazione con protagonisti i personaggi che hanno reso la Disney famosa. Tanti fan in giro per il mondo attendevano questo momento da tempo. Un grandissimo tributo al passato, allo storytelling semplice vecchio stile. Qualcosa della quale si sentiva la mancanza dopo numerose attrazioni brandizzate con personaggi moderni.
  • È la prima attrazione al mondo ad utilizzare la tecnica di proiezione 2.5 D. Fino ad oggi i proiettori venivano utilizzati su schermi per proiezioni 2D, su schermi per proiezioni 3D o su superfici tridimensionali adoperando la tecnologia del 3D mapping. Il metodo di proiezione 2.5 D prevede l’utilizzazione contemporanea della tecnologia 3D mapping su elementi scenografici reali e della proiezione 2D.
  • È stata perfezionata la tecnica di retroproiezione nei volti degli animatronics sviluppata in collaborazione con Panasonic. Una tecnologia vista ad esempio nell’attrazione Frozen Ever After, ma non su volti con rilievi.
  • Hanno sviluppato la tecnica di proiezione su superfici mobili, ovvero una rivoluzione rispetto alla tecnologia adoperata fino ad oggi, sempre e soltanto su superfici fisse.

Quest’ultimo brevetto ha permesso di realizzare una delle parti migliori dell’attrazione: il cambio di scenografia nella medesima sala.

Da notare anche le scenografie stile cartoon, perfezionate sia nel dettaglio che nei colori rispetto alla dark ride di Roger Rabbit a Disneyland California, la quale presenta uno stile molto simile.

In seguito un ottimo video dell’attrazione. Ci si potrebbe chiedere come mai le scene siano tutte scollegate una dall’altra. Questo è esattamente lo stile dei vecchi cortometraggi di Topolino, nei quali gli sfondi cambiavano senza alcun senso logico costantemente. Un esperimento narrativo interessante ed apprezzato in tutto il mondo. Che si tratti di un viaggio nei cartoni animati è ancor più chiaro e ben rappresentato grazie al preshow ed alla conformazione dei vagoni, con locomotiva, la cui funzione è quella di rendere l’idea del viaggio. Dunque il classico storytelling articolato alla quale la Disney ormai da tempo ci ha abituato.

Il successo è già straordinario, con 5 ore di attesa il giorno d’apertura, nonostante l’impressionante portata oraria che sfiora le 2000 persone, praticamente ha superato Galaxy’s Edge. Un’aggiunta davvero notevole, adatta a tutti (non esiste nessun limite di età od altezza). Una scommessa vinta, tanto che verrà costruita nel 2022 anche presso Disneyland California.