Giochi in scatola

Mint Delivery: un freschissimo pick & delivery. La recensione

Mint Delivery, creato da Justin Blaske e distribuito in Italia da Raven Distribution, è un veloce e facile gioco competitivo per 1-5 giocatori a partire da 13 anni di età, che permetterà di intavolare partite della durata di circa 15/30 minuti.
Nei panni di “piccolissimi” trasportatori dovremo evadere quanti più ordini possibili, superando in astuzia i nostri avversari così da essere eletti impiegato del mese. Fondamentale saper gestire le opzioni a nostra disposizione, adattarsi al capriccio del fato ed essere sempre un passo davanti agli altri.

Mint Delivery

I materiali

Come di consueto, prima di entrare nel dettaglio di Mint Delivery, diamo una rapida occhiata alle componenti che costituiscono il prodotto.
La scatola è in latta di buona fattura e, elemento caratteristico della serie, è di dimensioni veramente ridotte, molto vicine a quella della ideale scatola di mentine a cui si deve il nome del brand. Come per tutti gli altri giochi del brand potremo portare con noi il gioco letteralmente ovunque e senza quasi il minimo ingombro; sarà sufficiente una tasca libera.
Come per gli altri prodotti del brand anche in questo caso lo spazio disponibile è stato sfruttato a dovere.
Segnaliamo che qui, a differenza di quanto visto per Mint Cooperative, non sarà particolarmente difficoltoso rimettere il tutto all’interno della scatola una volta finito di giocare (anche se servirà comunque qualche accorgimento logistico).
Tuttavia, esattamente come per il gioco citato, lo spazio calcolato quasi al millimetro non permetterà di proteggere in alcun modo la parte cartacea del gioco.
Passando al contenuto vero e proprio anche questa volta siamo rimasti piacevolmente soddisfatti dalla quantità di elementi presenti: 9 carte mappa (double face), 5 carte camion, 40 carte Ordine, 13 carte Abilità, 1 carta Chiave, 1 carta impiegato del mese, 5 segnalini camion, 1 segnalino Primo Giocatore, 38 token mentina (in tre colori diversi), 15 segnalini Abilità e 6 segnalini Condizioni Stradali.

Mint Delivery

L’unico elemento su cui serve spendere due parole sono le carte Camion: nel gioco base serviranno solo a tener nota di quali e quante mentine trasporteremo. Usate nelle partite in solitario una dovrà essere usata sull’altro lato in modo da mostrare le procedure che dovrà seguire l’intelligenza artificiale del nostro avversario virtuale.

Per tutti gli altri pezzi non serve entrare in una inutile analisi dei dettagli: per tutti possiamo dire che la qualità generale dei vari elementi (siano essi cartacei o in legno) è nella media di quanto siamo abituati a vedere in questo ambiente.
Ove presenti le componenti meccaniche sono facilmente individuabili o leggibili e anche l’aspetto grafico, per quanto piuttosto minimalista, riesce comunque a svolgere bene il lavoro richiesto.

Infine il regolamento: anche qui c’è ben poco da dire; le regole sono esposte in modo chiaro e preciso, cosa che non lascia spazio a nessun dubbio. Per correttezza segnaliamo fin da qui che le regole sono talmente semplici che una volta imparato a giocare potremo mettere da parte il regolamento e ottenere così dello spazio “extra” nella scatola. Al limite potrebbe essere utile avere sottomano le regole dedicate all’Intelligenza Artificiale, utilizzate solo nel caso di partite in solitario.
Per amore di completezza facciamo presente un piccolo refuso, che non impatta per nulla sul gioco: una delle frasi è presente due volte, una in italiano e una nella forma originale in inglese.

Setup

Mint Delivery

Il gioco riconosce due diverse modalità di setup, a seconda che si giochi con altre persone o contro l’intelligenza artificiale.
Nel complesso entrambe le procedure portano via ben poco tempo.
Di fatto dovremo porre sul tavolo le Carte Mappa, secondo lo schema indicato dal regolamento, e i token mentine, fornire ad ogni giocatore un token camion, la relativa carta con 4 mentine base e 3 carte Ordine: ogni giocatore dovrà scegliere quanti degli Ordini ricevuti tenere (il loro valore totale non dovrà superare i sei punti).
Le restanti carte Ordine e quelle scartate verranno poi mescolate per formare quattro Mazzi Ordini da sette. Le prime due di ogni mazzo vengono svelate e costituiranno la Riserva Ordini di ogni città.
Come già visto per Mint Cooperative, anche qui l’intera procedura è molto più facile a farsi che a dirsi, e vi porterà via ben poco tempo.

Il setup prevede un percorso diverso nel caso di partite in solitaria. Per prima cosa dovremo usare l’altra facciata delle Carte Mappa. Quindi dovremo scegliere (o pescare casualmente) l’intelligenza artificiale del nostro avversario.
Sempre casualmente dovremo prendere 20 mentine dalla scatola: queste andranno disposte in ugual numero su due zone specifiche (i nastri trasportatori).
Come ultima cosa dovremo creare quattro pile di Carte Ordine, ciascuna composta da 5 carte a faccia in su.
Anche in questo caso l’intero processo non richiederà che qualche minuto.

Il gioco

Mint Delivery

Prenderemo qui in analisi solo la modalità standard del gioco, tratteremo quella in solitario più avanti.
Una partita a Mint Delivery si compone di un numero variabile di turni, all’interno dei quali ogni giocatore potrà compiere fino a 2 azioni. Queste potranno essere diverse tra loro o essere la stessa ripetuta due volte.
Le opzioni a nostra disposizione sono:

  • Movimento: come suggerisce il nome consiste nello spostare il nostro token camion da uno spazio ad un altro. I due devono essere connessi da una strada.
  • Carico/scarico del camion: potremo aggiungere mentine al carico (in base a quanto permesso dal luogo dove si trova il camion) o scaricare a piacimento le mentine che non ci sono più utili.
  • Prendere un ordine: azione disponibile solo in Città; aggiungeremo alla nostra mano uno degli ordini visibili della Riserva (e sul restante metteremo una mentina); infine andremo a riempire il “vuoto” con un nuovo Ordine preso dalla pila a faccia in giù.
  • Perfezionare le mentine: effettuabile solo a Mintopia, permette di trasformare due Mentine Base in una Senza Zucchero (colore verde) o tre in una Mentina alla Cannella (colore rosso)
    Completare un ordine: l’unica opzione gratuita (potrà quindi essere effettuata anche se abbiamo già effettuato due azioni).

Il gioco andrà avanti fino a quando tutti i mazzi ordini di tutte le città si esauriscono o, in alternativa, se due città dovessero esaurire la Riserva Ordini. Nel momento in cui si dovesse verificare una delle due condizioni citate giocheremo l’ultimo round di gioco e poi andremo a contare i punti.

Più modi di giocare

Il regolamento di Mint Delivery presenta la possibilità affrontare il gioco con tre diverse varianti.
La prima introduce le Abilità dei Giocatori. Come suggerisce il nome stesso sono capacità speciali che potranno essere acquisite solo avendo portato a termine un certo numero di ordini (numero che può variare a seconda dell’Abilità scelta). Il gioco ne riconosce tredici, tutte in grado di dare un gradito “boost” al gioco: alcune forniranno punti aggiuntivi a fine partita, altre bonus utilizzabili una sola volta o permanenti.
Ad esempio “Pianificazione” permette di avere quattro ordini attivi invece dei tre usuali, mentre “Imballaggio Creativo” aumenta di uno la capacità del camion.
Le Abilità non sono esclusive del primo arrivato: a patto di rispettare i requisiti, chiunque potrà selezionare qualcosa già “acquisito” da un avversario.
In tutta onestà è una piccola modifica che ci è piaciuta molto: già dopo le prima partite di “rodaggio” sono diventate elemento fisso delle nostre giocate.

Mint Delivery

La seconda variante, liberamente combinabile con la prima, introduce invece le Condizioni Stradali. Di fatto si tratta di sei diversi effetti che, a seconda del caso, renderanno più semplice o più complicato muoversi sulla mappa di gioco. Ogni partita potrà averne fino ad un massimo di 4 attivi. L’effetto di ciascuno entrerà in gioco (in maniera automatica o per nostra scelta) quando il nostro token Camion si fermerà sul relativo spazio.
Ad esempio potremo decidere di introdurre “Autostrada”, “Galleria” e “Ingorgo Stradale”. Il primo permette di muoversi di uno spazio aggiuntivo, il secondo rende più facile raggiungere Mintopia e l’ultimo invece fa terminare immediatamente il turno del giocatore.
Forse meno essenziali delle Abilità aggiungono comunque un gradito qualcosa in più alle giocate (oltre ad influenzarne la difficoltà).

Mint Delivery

L’ultima modifica introduce la modalità in solitario: qui saremo chiamati ad affrontare un’Intelligenza artificiale.
Questa versione del gioco interviene su diversi aspetti del gioco, andando anche a modificare l’effetto di alcune delle azioni disponibili. Tematicamente parlando non saremo trasportatori itineranti ma bensì partiremo da un magazzino centrale verso le diverse città, cercando di soddisfare quanti più ordini possibili, compatibilmente con le disponibilità del suddetto centro di smistamento. Come nel gioco, ad ogni turno, base avremo a disposizione due azioni e potremo:

  • Muoverci: nessuna modifica da quanto visto
  • Prendere un Ordine: sceglieremo una carta in cima ad uno dei quattro mazzi. L’AI sceglierà in funzione dei parametri forniti (prima le Preferenze, poi il valore in punti e infine la posizione).
  • Completare un ordine: anche qui nessuna sostanziale modifica rispetto al gioco standard.
  • Caricare della Menta: l’aspetto che più di tutti ha subito interventi. Noi potremo caricare solo da uno dei due spazi Nastro Trasportatore, rispettando l’ordine di disposizione delle mentine. Il nostro avversario virtuale invece potrà prendere da entrambi i Nastri ma solo da caselle specifiche.
  • Spostare la Menta: ci permette di intervenire sulla disposizione delle Mentine su un nastro prelevando le più vicine all’area di carico per spostarle in fondo alla fila.
Mint Delivery

La partita avrà termine quando tre dei quattro mazzi Ordini saranno vuoti.
Come anticipato le mosse del nostro avversario saranno dettate dalla sua carta AI: qui troveremo, oltre alla sequenza di Preferenza Ordini, anche eventuali Abilità Speciali dei singoli trasportatori. Ad esempio Mel (camion rosso) otterrà 1 punto per ogni ordine che noi porteremo a termine, mentre Sonic (camion viola) può muoversi di due spazi con una sola azione.

Considerazioni

Un aspetto da valutare è l’influenza dell’alea: che, riteniamo di poter dire, è tutto sommato molto bassa. Gli unici aspetti veramente casuali del gioco sono la pesca degli ordini ad inizio partita (ammorbidita dalla possibilità di scegliere cosa tenere) e la scoperta di nuovi ordini ogni volta che ne pescheremo uno. Qui purtroppo il rischio di portare in gioco qualcosa che possa essere particolarmente appetibile (e/o facilmente ottenibile) per qualcun altro esiste. Ma il suo effetto sarà mitigato dal fatto che varrà per tutti i presenti. E questo ne fa, di nuovo, un buon gioco introduttivo al genere “euro” (tutta quella categoria di giochi caratterizzati da uno scarso o nullo impatto della casualità sull’andamento della partita)
Passiamo quindi all’interazione tra giocatori e, in parallelo, alla scalabilità: nella nostra esperienza abbiamo avuto la percezione che Mint Delivery perda qualcosa in due, ingranando a dovere dai 3 giocatori in su: sotto questa soglia si ha troppa libertà d’azione e di scelta, cosa che porta al poter tranquillamente ignorare quello che viene fatto dall’avversario e se convenga andare a “dargli fastidio”.

Mint Delivery

Dicevamo che l’interazione tra giocatori è influenzata dal numero di partecipanti perché di suo è già piuttosto bassa, limitata giusto al prendere un Ordine prima che possa farlo un avversario: in due anche questa possibilità viene a mancare quasi del tutto, visto che difficilmente prendere un ordine lascerà l’avversario privo di reali opzioni.
E questo ci porta al gioco in solitario. Su cui il nostro giudizio è ambivalente: nel complesso non si può dire che sia mal fatta, tuttavia non ci ha soddisfatto del tutto. Da una parte possiamo dire che, nei limiti di un gioco pensato per stare in una mini-scatola, sia ben studiata e sfidante al punto giusto. Dall’altra ci è spiaciuto che non permetta di affrontare più di un avversario alla volta.
E su questa linea aggiungiamo l’impressione che cinque avversari virtuali siano un po’ pochi: lo spazio per aggiungerne anche solo due o tre c’era, e questo avrebbe allungato la longevità di questa modalità di gioco.
In tutta onestà: limitandoci alla sola famiglia Mint, se dovessimo scegliere quale gioco affrontare in solitaria difficilmente sarebbe Delivery ad essere scelto.
Per correttezza lo ribadiamo: è quasi un gioco a sé, quindi si tratta di voler trovare il proverbiale ago nel pagliaio.

Mint Delivery

Molto apprezzabili sono invece le altre varianti incluse (cosa non da poco se, come già detto, si considerano le ridotte dimensioni del prodotto): con pochi, ma ben assestati, cambiamenti riescono a dare un bella spinta alla longevità e rigiocabilità.

Chiudiamo con una riflessione sulla semplicità del sistema e se questa possa influenzare la godibilità del prodotto.
E qui tutto dipende dal vostro grado di esperienza in questo tipo di giochi: se siete degli esperti potreste facilmente trovare Mint Delivery troppo immediato, se invece state muovendo i primi passi nel genere Pick & Delivery allora non rimarrete delusi. Abbiamo qui qualcosa che vi permetterà di capire se è la cosa fa per voi.

Gioco adatto a

Mint Delivery, come suggerisce il nome stesso, trova il suo target naturale in chi vuole provare un gioco Pick & Delivery.
Nello specifico, visto il basso livello di difficoltà, ci sentiamo di consigliarlo ai neofiti del genere e, più in generale, a chi sta muovendo i primi passi nel mondo del gioco da tavolo.
Da ultimo, ma qui è veramente scontato, date le ridotte dimensioni del prodotto ci sentiamo di consigliare Mint Delivery, ma più in generale tutta la collana, a chiunque voglia avere sempre con sé un gioco da intavolare.

Conclusione

Mint Delivery

Tirando le somme non si può che dire che Mint Delivery fa quanto promesso. Abbiamo qui un gioco veloce, facile da apprendere e perfetto per introdurre nuove leve al mondo del gioco da tavolo.
Inutile negare che potrebbe non soddisfare i giocatori più esperti: ma da nessuna parte si fa mistero del fatto che non siano loro il target del gioco.
La modalità in solitario non ci ha soddisfatto del tutto, ma non possiamo che apprezzare gli sforzi fatti dall’autore nel cercare di creare qualcosa che, pur rimanendo nello stesso “universo”, riuscisse ad essere quasi del tutto nuovo.

Mint Delivery


Mint Delivery è un buon prodotto da approcciare avendo ben chiaro che le meccaniche semplici e immediate lo rendono più adatto a chi muove i primi passi nel genere Pick & Delivery e, più in generale, nel mondo dei giochi da tavolo, mentre i giocatori più esperti potrebbero trovarlo poco sfidante e non molto interessante. La casualità ha effetti decisamente limitati, e questo gli permette di fare da buon introduttivo alla categoria “euro-games”. Purtroppo la modalità in solitaria, sebbene ben congegnata, non ci ha soddisfatto del tutto e lascia la sensazione che si sarebbe potuto fare qualcosa di più.

Pro

  • Meccaniche semplici
  • Giocabile ovunque
  • Varianti di gioco piacevoli
  • Ottimo per i principianti
  • Basso impatto dell’alea

Contro

  • Gli esperti potrebbero trovarlo troppo semplice
  • Qualche AI in più non avrebbe fatto male
  • In due perde un po’
  • Bassa interazione