Libri e Fumetti

Morgan Lost Scream Novels: Il silenzio della neve | Recensione

È passato esattamente un anno dal finale di stagione delle Night Novels di Morgan Lost, quell’epilogo così potente che ha lasciato poi noi lettori per troppo tempo a digiuno del nostro cacciatore di serial killer preferito. Wallendream, il peggiore incubo di Morgan, non è mai andato via, mentre New Heliopolis apre a questo nuovo ciclo di Morgan Lost Scream Novels, con una pandemia in corso. Chi è il nuovo serial killer che si muove ne Il Silenzio della neve con l’intera città deserta a causa del lockdown?

Morgan Lost nel silenzio della neve

Morgan Lost è tornato e lo stavamo aspettando da tempo. Ma dov’eravamo rimasti?

Il finale della precedente stagione ha visto il ritorno della nemesi di Morgan per eccellenza: Wallendream, un ritorno prevedibile grazie agli indizi disseminati da Claudio Chiaverotti nelle storie delle Morgan Lost Night Novels. Ma come è potuto accadere? Sorpresa e scetticismo sono comprensibili dopo aver assistito alla dipartita di Wallendream nell’albo Dove muoiono i clown (leggete il n.7 delle Dark Novels). Ma il maestro torinese ci ha abituati a espedienti narrativi inaspettati e di forte impatto, come abbiamo visto nell’ultimo albo delle Night Novels, La mente di ghiaccio, dove scopriamo che la rockstar dei serial-killer riesce a tornare prima grazie a un esperimento criogenico ed “extrasensoriale” voluto da Abel Krieger/Amanda Lansdale, per poi riuscire a impossessarsi del corpo e la mente di… Morgan Lost!

Morgan Lost

Adesso che avete ricordato il cliffanger dell’ultimo albo del nostro cacciatore di serial killer, vi sarete resi conto di quanto abbiamo aspettato per il prosieguo delle sue nuove avventure. Un ciclo di storie che si preannuncia come il più oscuro dei precedenti, ma che vuole strizzare l’occhio ai primissimi albi della creatura di Chiaverotti, consegnandoci una New Heliopolis avvolta dalla neve, con le strade deserte e tutti i suoi abitanti costretti in casa per evitare il contagio di una pandemia in corso.

Il silenzio della neve apre così la nuova stagione delle Morgan Lost Scream Novels, con un orrore che nella vita reale ha cambiato le nostre abitudini, ci ha terrorizzato, ci ha alienato e, soprattutto, ha portato via tanti nostri cari. La mente va rapida alla pandemia del Covid-19 che stiamo ancora affrontando, e il virus del Ravid-21 che sta sconvolgendo la New Heliopolis di Morgan Lost vuole essere uno specchio di questo nostro triste spaccato storico, cercando di proporre ai lettori un lavoro da manuale di un buon narratore horror: intrattenere e fare leva sulle paure che temiamo di più.

Morgan Lost

Un compito difficilissimo, ne siamo pienamente convinti, ma molto ben riuscito da parte di Chiaverotti, che ha saputo dosare sapientemente quel pulp horror tanto amato dai lettori, paura e un’ottima narrazione, nonostante il contesto tutt’altro che pretestuoso. Già perché, nonostante la pandemia, le sexy news hanno un nuovo serial killer da presentare al pubblico, un omicida che sfrutta proprio la paura dei cittadini rinchiusi in casa per la pandemia.

Il Ravid-21 contagia le persone col semplice contatto e per via aerea, quindi il Direttore del Tempio della Burocrazia (che ha ripreso il potere dopo essere succeduto Abel Krieger/Amanda Lansdale), ha imposto un lockdown su tutta la città e ha liberato per le strade perfino 300 ghepardi per far rispettare la quarantena. Alla faccia dei droni. E mentre la politica si scontra sulle disponibilità di un vaccino, questioni di confine irrisolte e l’importanza indiscussa sull’uso degli articoli indeterminativi per determinare la forza del femminismo , un uomo mascherato e in tuta sterile entra negli appartamenti per “fare il tampone” ad alcune donne bellissime e sole.

Morgan Lost

Una bellezza che lui vuole valorizzare al massimo, uccidendole e “crocifiggendole” inchiodandole alla finestra… là dove tutti possono vederle, nello stesso luogo dove si cantavano canzoni di incoraggiamento per sopravvivere alla pandemia. Mr. Lockdown, così lo chiama la polizia e le sexy news di cui è il solo protagonista, essendo l’unico killer che insieme al virus imperversa sulla città. Solo i suoi passi sulla neve e quelli dei ghepardi, ovviamente.

Un grande ritorno

Il nuovo serial killer immaginato da Claudio Chiaverotti sembra essere uscito davvero da un film horror degli anni ’70. In fin dei conti, però, Mr. Lockdown è la personificazione della paura del virus, dell0 ansia per gli altri che ci stanno vicino, sfruttando le ripercussioni della pazzia, della solitudine e della disperazione degli uomini. Dal suo modus operandi si evince possa essere sicuramente un edonista, concordano sul suo profilo Pandora e Morgan. Ma il nostro cacciatore di serial killer, oltre al caro e vecchio odiato mal di testa, non sarà libero di scagliarsi contro questo nuovo pericolo, mostrando un lato prettamente umano e impotente di fronte alla pandemia: dovrà fare i conti con i contagi che hanno coinvolto delle persone a lui molto care (no spoiler, tranquilli), e il caro Wallendream che inizia a farsi vivo nella sua mente, sull’orlo di prenderne il possesso.

Morgan Lost
Morgan Lost

In questo primo numero delle Morgan Lost Scream Novels c’è tutto ciò che un amante di Morgan Lost può desiderare. Partendo da un nuovo e assurdo serial killer, le scene splatter e un ritorno al pulp più grezzo, ma anche un’incredibile lavoro di narrazione che vuole proporre velatamente un ritratto del nostro vissuto, e come ogni buon maestro dell’horror che si rispetti, fare leva su delle paure reali. Un obiettivo che Chiaverotti ha centrato in pieno, pur non lesinando nella sua inconfondibile ironia.

Nuovo inizio di stagione anche per Giovanni Talami e Lola Airaghi nella versione di Morgan che sinceramente ci piace di più, stavolta con il loro tratto inconfondibile, ma più leggero che sta più spazio alle linee dei visi delle donne (bellissime) e alla morbidezza dell’immancabile neve di New Heliopolis. In copertina il consueto Fabrizio De Tommaso con un ghepardo e Morgan che si ringhiano a vicenda, quasi a voler rappresentare lo scontro tra il nostro cacciatore e la pandemia, qui nelle vesti del ghepardo. Chi vincerà lo scontro? Mettete le cuffie, pagate il biglietto del treno e partite con Crazy Train di Ozzy Osbourne per iniziare questo viaggio.

La prima parte di questa nuova stagione si conclude con un finale senza dubbio di buon auspicio, ma accende la miccia su Wallendream e su una serie di vicende che saranno protagoniste di queste Morgan Lost Scream Novels che si preannunciano da urlo per tutti i fedelissimi di Morgan Lost, ma anche per chi vuole (ri)scoprire questo incredibile personaggio.

Morgan Lost Scream Novels: Il silenzio della neve

Morgan Lost Scream Novels: Il silenzio della neve apre l’inizio di questa nuova stagione con un numero davvero esplosivo. Claudio Chiaverotti ha avuto l’abilità di portare nelle pagine di Morgan Lost gli orrori e la paura di una pandemia, ricalcando le stesse paure che noi lettori stiamo ancora vivendo nella vita reale. Ma badate bene: Il silenzio della neve non è una storia sul Covid-19 (qui ribattezzato Ravid-21), il vero male protagonista sono sempre le paure degli uomini, gli orrori della nostra società e, ovviamente, il serial killer ospite di queste pagine. L’autore ha confezionato il tutto in modo magistrale condendolo con la sua ironia e quell’horror pulp tanto caro ai lettori. Un grandissimo ritorno anche di De Tommaso per la cover e Giovanni Talami con Lola Airaghi in grandissima forma. Ci sei mancato Morgan!

Pro

  • Le paure del nostro attuale periodo storico, in una perfetta sintesi lostiana.
  • Ricco di un horror pulp che mancava da tempo.
  • Tavole di Talami e Airaghi superbe.

Contro

  • Nessuno