Giochi di ruolo

Nameless Land Apocalypse: la recensione


Nameless Land Apocalypse
Editore
Ace Games
Autori
Simone "Aces" Morini
Ambientazione
Post-apocalittico
Genere
sopravvivenza post-apocalittico
N. Pagine
344

Nameless Land Apocalypse è la seconda edizione del gioco di ruolo post-apocalittico di Simone “Aces” Morini, un prodotto Ace Games distribuito in Italia da MS Edizioni, pubblicato in occasione del Lucca C&G 2019.

Nameless Land è un mondo di cenere e radiazioni, nato da un disastro nucleare avvenuto più di tre secoli fa, e portato avanti da coloro che grazie alla tecnologia cercarono di ottenere i loro fini. Nameless Land Apocalypse è un survival-post apocalittico, dove la sopravvivenza dei personaggi non è assicurata non solo per la spietatezza degli altri superstiti, ma anche per la mancanza di risorse fondamentali alla vita: scarsità di acqua e cibo, avvelenamento da radiazioni, mutazioni, parassiti, e soprattutto diverse altre specie, oltre a quella umana, che hanno iniziato a lottare per il loro ruolo nel mondo.

Nameless Land Apocalypse: il Nuovo Mondo

Vi è stato un tempo, secoli fa, in cui le testate nucleari hanno devastato la superficie del pianeta Terra, lasciando i superstiti a combattere per qualsiasi cosa potesse consentire loro di sopravvivere un giorno in più.

La situazione, con il tempo, sembrò stabilizzarsi. Questo, ovviamente, spinse chi poteva permetterselo a cercare di espandere il suo potere e controllo su tutti gli altri sopravvissuti. Le ostilità, con il passare del tempo, invece di diminuire continuarono ad aumentare. Si giunse al punto in cui la volontà di dominio di pochi portò ad il terribile risveglio di eserciti di biomacchine (una vera armata), e al totale tracollo del fragile equilibrio precedentemente ottenuto.

nameless land

Adesso ci troviamo nell’anno 2365.

Il mondo è nuovamente cambiato, e chi è sopravvissuto a questa seconda guerra non deve adesso affrontare solo le radiazioni e la scarsità di risorse, ma anche gli stralci di questa ultima guerra, che la lasciato solo una fiducia tradita nelle precedenti istituzioni e biomacchine impazzite alla continua distruzione di ogni forma di vita.

Giorno dopo giorno si vaga alla ricerca di cibo, acqua, riparo, rifugi, senza mai sapere se si sarà davvero in grado di vedere una nuova alba.

Benvenuti nel Nuovo Mondo.

Personaggi

I giocatori prenderanno il ruolo di un gruppo di Sopravvissuti, e a differenza della prima edizione, il manuale base di Nameless Land Apocalypse comprende differenti razze a disposizione dei giocatori tra cui scegliere per il loro personaggio.

Oltre agli Umani, ancora la specie più diffusa nel Nuovo Mondo, le altre possibilità sono tra i Flominidi, umanoidi raniformi (si, proprio raniformi) evolutasi dai gracidanti Flopper; gli Homuncoli, umanoidi bassi, massicci e dall’aspetto vagamente suino; gli Oltridi, la dimostrazione che la vita nell’Oltremondo è possibile; e i Tetanici, umanoidi dal bizzarro metabolismo che li ha portati ad avere un corpo composto tanto da carne che da ferro.

nameless land

Una nota interessante: la razza dei Flominidi si è evoluta dai Flopper, creature già presenti nella precedente edizione del gioco, e molto apprezzate da una vasta parte della comunità di gioco. Se vi sentite particolarmente coraggiosi, chiedete ad un giocatore di Nameless Land cosa pensa dei Flopper. Posso assicurarvi che ne varrà la pena.

I sopravvissuti sono anche definiti dalla loro Origine, dalle Maestrie e dal loro Dono.

L’Origine rappresenta ciò che il personaggio ha vissuto prima di iniziare le sue avventure, il suo addestramento iniziale, le sue capacità uniche, i suoi pregi e i suoi difetti.

Le Maestrie sono delle sorte di “percorsi di carriera” o classi, ognuna di esse fornisce ulteriori abilità e addestramenti, oltre che una serie di capacità speciali iniziali e tra cui scegliere mano a mano che il personaggio aumenta di livello.

Il “Dono del Nuovo Mondo”, infine, altro non è che una mutazione. Tutte queste radiazioni avranno lasciato il segno, no?

Seconda nota interessante: tra le voci necessarie alla creazione del personaggio, troviamo il gruppo sanguigno. Questa voce, tutt’altro che irrilevante, acquisisce un’importanza particolare quando si inizierà a parlare di trasfusioni. Cosa che sicuramente, più prima che poi, accadrà anche nella vostra campagna.

Sistema di Gioco

Nameless Land Apocalypse è un gioco di ruolo di impostazione classica, dove un giocatore occuperà il ruolo di Game Master o Artefice, mentre gli altri avranno il ruolo di personaggi del Nuovo Mondo.

Il sistema utilizza principalmente il dado percentuale (o D100) per la maggior parte dei test, e altri dadi con diverso numero di facce per effetti di oggetti, armi o analoghi.

Un Test si effettua con il lancio di un D100: se il risultato è uguale o inferiore al valore di riferimento, il test è superato; altrimenti, è fallito.

Il valore di riferimento può essere calcolato solo sulle caratteristiche del Personaggio (per i test che non richiedono formazione specifica) o su una combinazione di caratteristiche e abilità (per la maggior parte delle situazioni nelle quali un test sia necessario).

nameless land

A differenza della precedente edizione, il livello del personaggio (e quindi la sua “esperienza” nel Nuovo Mondo) contribuirà sempre a determinare il valore di riferimento: più a lungo si resta vivi nell’Apocalisse, più sarà facile affrontare le nuove difficoltà.

Biomeccanica, Parassiti, Mutazioni e Squarci

L’apocalisse di Nameless Land è tutt’altro che pulita, e definirla semplicemente sporca non rende a sufficienza la quantità di materiale a disposizione, sia come regole di gioco che come parte dell’ambientazione del gioco.

Incredibili sviluppi per la tecnologia biomeccanica consentiranno di far sentire inadeguato chi ancora possiede un corpo unicamente di carne e ossa.

Abbondanti riferimenti a creature infestanti del nuovo mondo, un ecosistema di parassiti e simbionti che, in diversa maniera, non vedono l’ora di trovare un nuovo corpo ospite.

Ovviamente le Mutazioni, con tutte le radiazioni che ormai fanno parte del mondo poteva succedere qualcosa di diverso?

E per concludere gli Squarci, la prova tangibile che l’Oltremondo esiste, con tutti i pericoli ad esso associati.

 

Esperienze di Gioco e spunti di narrazione

Come avrete notato il Nuovo Mondo è particolarmente ricco di opzioni, belle o “sporche” che siano. Gli stili e le possibilità di gioco sono davvero molte, in base a quella che preferite possa essere la vostra campagna. Sarete voi a valutare, insieme ai vostri giocatori, gli elementi più utili per la vostra esperienza.

nameless land

Vi siete lasciati trasportare da Fury Road di George Miller? Ecco che tutte le parti dedicate ai veicoli, alle armi, blindature, combattimenti e inseguimenti diventeranno parte fondamentale della vostra storia.

Se qualcuno invece stesse pensando a Fallout (che sia Black Isle Studios o Bethesda, ditemi voi!) allora chiaramente tecnologia, organizzazioni, società e radiazioni saranno il vostro pane quotidiano.

Per gli appassionati del genere di sopravvivenza più crudo, le possibilità di rendere ardue le avventure dei vostri giocatori sono davvero molte, sia ad un livello di meccaniche (per gestire fatica, sete, bisogno di cibo e sonno) che di ambientazione stessa.

nameless land

Personalmente, il mio suggerimento è di non strafare a cercare di creare un calderone unico, ma di assaporare gradualmente i diversi aspetti che questo mondo vi può offrire.

 

Aspetto editoriale

Questa seconda edizione di Nameless Land è, da un punto di vista del prodotto fisico, molto diverso dalla precedente. Dove la prima edizione era una brossura in bianco e nero, adesso Apocalypse ha un manuale cartonato di quasi 350 pagine, rilegato e completamente a colori. Il prodotto è decisamente di impatto, anche per le numerose e stupende illustrazioni.

Non lasciatevi ammaliare dalle pure immagini però, perché sulla stessa linea della prima edizione la maggior parte delle pagine sono dedicate a regole, numeri e tabelle.

Conclusioni

Il manuale base della seconda edizione di Nameless Land è un prodotto massiccio, con veramente molta carne al fuoco a disposizione di lettori e giocatori.

Come tutti i giochi con molti contenuti “tecnici”, richiede di un po’ più di tempo di altri titoli per essere affrontato, ma il risultato è valido. La miriade di elementi presentati, che poi sono le componenti dell’ambientazione del Nuovo Mondo (mutazioni, radiazioni, squarci, parassiti, ecc…) sono qui presentati dopo tutta l’evoluzione della precedente edizione, ed essendo parte integrante del mondo è chiaro che richiedano spazio e materiale.

Il primo impatto è quello che causano tutti i manuali massicci, ma non preoccupatevi: nulla che un po’ di olio di gomito non possa sistemare.

Nameless Land Apocalypse

Seconda edizione del GdR Post-apocalittico di Simone “Aces” Morini (Ace Games edizioni), che vi lancerà a capofitto nel Nuovo Mondo, una terra devastata dalle testate nucleari, dalle orde di mutanti, dai parassiti e dalla piaga delle biomacchine, il terribile esercito di creature di ferro insorto contro il genere umano.


Verdetto

Nameless Land Apocalypse è un valido gioco di ruolo post-apocalittico di impostazione classica, che fornisce una ambientazione complessa (frutto degli anni di evoluzione della prima edizione) e un massiccio comparto di opzioni, regole e personalizzazioni per personaggi e avventure. Il motore di gioco funziona, ma la macchina può risultare più complessa di altre da mettere in moto. Una volta raggiunto il regime in cui sia Artefice (GM) che giocatori abbiano chiare le dinamiche di gioco, ecco che tutto il materiale presente inizia a dare il meglio di se.

Pro

- Ambientazione estremamente dettagliata
- Molte opzioni di gioco, tanto di creazione PG quanto di avventure, temi e campagne
- Storia compatibile con la precedente edizione
- Adatto sia a partite brevi che lunghe campagne

Contro

- La conversione dalla precedente edizione è possibile, ma richiede un po’ di olio di gomito
- Il sistema di gioco funziona, ma richiede particolare attenzione da parte di tutti i giocatori, specialmente i neofiti, che all’inizio possono avere alcune difficoltà