Giochi di ruolo

Need Games annuncia il gdr di Labyrinth

Approfittando della annuale convention dedicata ai suoi prodotti, tenutasi a Milano lo scorso 22 febbraio, Need Games ha annunciato che porterà sul mercato italiano Jim Henson’s Labyrinth – The Adventure Game, il gdr dedicato ad uno dei film fantasy culto degli anni 80: Labyrinth!

Per coloro che non conoscessero la pellicola ecco un breve riassunto:

Sarah è una quindicenne che, mal sopportando la nuova moglie del padre e Toby, il piccolo fratellastro, per “tirare avanti” si chiude nella lettura di libri fantasy. Un giorno, costretta a fare da baby sitter al piccolo, in un moto di rabbia ed esasperazione esprime il desiderio che i goblin di The Labyrinth, il suo libro preferito, portino via il piccolo: con suo sgomento, la richiesta viene esaudita.
Sarà lo stesso Re dei Goblin, Jared, a rivelare di aver portato Toby nel suo castello e che Sarah, se lo rivuole avere, dovrà riuscire ad attraversare il temibile labirinto che circonda la fortezza. Ma che per farlo ha a disposizione solamente tredici ore!
La giovane ragazza si vedrà quindi costretta ad affrontare una pericolosa avventura  che non solo la porterà a salvare il fratello, ma anche a crescere come persona.

Prodotto nel 1986, il film inizialmente venne scarsamente apprezzato (fu un vero e proprio flop al botteghino), ma venne poi riscoperto dal grande pubblico fino ad essere innalzato al suo attuale status di film cult (memorabile, nei panni del Goblin King, l’interpretazione del compianto David Bowie).
Il successo fu tale successo che nel 1988 l’opera venne convertita in libro; in seguito, tra il 2006 e il 2010, venne prodotto Return to Labyrinth: un manga in 4 volumi che narra le vicende di Toby, l’infante del film originale (purtroppo disponibile solo in inglese).

Ora, grazie a Need Games, sarà possibile portare al tavolo le emozioni, le scoperte e le esperienze che caratterizzarono il viaggio nel labirinto e la lotta contro le sfide del Re dei Goblin in Jim Henson’s Labyrinth – The Adventure Game.
Sebbene non sia stato rivelato molto, durante la convention sono state rilasciate alcune gradite informazioni.
La prima è che il libro che avremo tra le mani andrà costituire il gioco nella sua interezza: la copertina fungerà da schermo per il narratore (qui, ovviamente, chiamato Goblin King) e  gli stessi dadi saranno “incastonati” nel volume.
Stando a quanto detto sarà possibile giocare qualunque creatura presente all’interno del labirinto e che quest’ultimo conterà ben oltre 300 scene. A molte di queste sarà abbinato un evento casuale che renderà ogni avventura unica e irripetibile.
Inoltre le nostre decisioni, e il risultato dei dadi, influenzeranno il nostro cammino rendendolo più facile o, al contrario, facendoci tornare indietro, costringendoci a recuperare il tempo perso.
Esatto: il tempo perso. Questo perché, è stato rivelato, la durata di una sessione/campagna sarà esattamente di 13 ore: le stesse concesse da Jareth alla giovane Sarah.
Purtroppo non è dato di sapere se saranno ore effettive o se il conteggio subirà delle variazioni a seconda delle scelte fatte (da un piccola indagine personale ho scoperto che ci dovrebbe essere un meccanismo interno al gioco dedicato alla gestione dell’avanzamento del tempo).
Al momento in cui scriviamo non è ancora noto quale sarà il prezzo di vendita; Need games ha comunque fatto sapere che il gioco dovrebbe essere presentato per metà maggio, in occasione del Salone del Libro di Torino.

Se ancora non avete visto Labyrith, o volete farlo conoscere a qualche giovane appassionato di fantasy, potete riscoprire questo film culto direttamente qui. Se invece preferite leggere le peripezie di Sarah, potrete trovare il libro dedicato alle sue avventure qui.