Cinema e Serie TV

Netflix ingaggia sei pesi massimi del mondo manga per produrre nuove serie originali

Ancora liete notizie da Netflix.
A poco più di un mese di distanza dall’annuncio con cui la piattaforma streaming rivelava che avrebbe aggiunto ben 21 opere del maestro Miyazaki alla sua programmazione, l’azienda americana ha oggi fatto sapere di aver stretto accordi con ben sei tra gli autori più amati del panorama giapponese per lo sviluppo di nuovi anime originali: le CLAMP, Yasuo Ohtagaki, Shin Kibayashi, Otsuichi, Tow Ubukata e Mari Yamazaki.

A proposito di questo accordo ecco la dichiarazione di Taiki Sakurai, Capo Produttore della sezione anime di Netflix (traduzione nostra):

“Questo accordo è solo una parte di un strategia d’investimento più ampia, volta a supportare gli anime giapponesi, dando ai creatori la possibilità di narrare audaci e innovative storie e dare la possibilità ai fans di tutto il mondo di potervi accedere, perché la narrazione non ha confini nel mondo degli anime.

L’azienda ha inoltre aggiunto che:

La collaborazione con i sei autori esplorerà nuovi mezzi per coinvolgere il pubblico andando oltre il piccolo schermo, attraverso pubblicazioni e prodotti di consumo.

Purtroppo a tal riguardo la piattaforma americana si è limitata a dire che nuove informazioni verranno date in futuro.

Ma andiamo a vedere nel dettaglio chi sono i sei autori coinvolti

Le CLAMP

Una tra le realtà di maggior successo, nata nel 1989, ha raggiunto un enorme successo nell’ultimo decennio del secolo scorso: non si tratta di una sola persona, ma bensì di un vero e proprio gruppo (quasi) tutto al femminile; attualmente formato da Nanase Ōkawa, Mokona, Tsubaki Nekoi e Satsuki Igarashi ha visto in passato altri sette membri.
A questo gruppo di autrici dobbiamo manga del calibro di Tokyo Babylon (1990-1993), La principessa bianca (1992) Magic Knight Rayearth 1 (1993-1995) e 2 (1995-1996) e, ultimo arrivato, Cardcaptor Sakura (2016-oggi).

A proposito di questa nuova collaborazione,Nanase Ohkawa si è così espressa:

“Siamo molto contenti di questa nuova iniziativa. Attendiamo con ansia il giorno in cui le nuove serie create collaborando con Netflix raggiungeranno i fans di ben 190 Paesi”

Yasuo Ohtagaki

Classe 1967, deve la fama a Moonlight Mile (2000), più recentemente ha sceneggiato e/o disegnato Mobile Suit Gundam Thunderbolt (2012), Gundam: Thunderbolt – December Sky (2016), Kidou Senshi Gundam Thunderbolt Gaiden (2016), Kidou Senshi Gundam Thunderbolt Gaiden (2016) e infine Mobile Suit Gundam Thunderbolt: Bandit Flower (2017).
A proposito del nuovo accordo ha detto:

“Sono felice di avere l’opportunità di una nuova sfida di tale portata : si passa dal mondo dei manga giapponesi ad una distribuzione che riguarderà 190 Paesi in tutto il globo. Credo nelle mie capacità e farò tutto il possibile per migliorare ancora!”

Shin Kibayashi

Classe 1962, è noto al grande pubblico principalmente per aver sceneggiato Kindaichi Shōnen no Jikenbo (2004 e poi 2012): il successo dell’opera ha portato alla nascita di videogiochi, film e anime ad esso collegati.
Kibayashi ha così commentato il nuovo accordo:

“In qualità di autore è molto stimolante poter lavorare per Netflix: questo permetterà alle mie opere di raggiungere fan in ogni parte del mondo.”

Otsuichi

Nome d’arte di Hirotaka Adachi, classe 1978, conosciuto come autore di storie prevalentemente Horror è salito alla ribalta per aver scritto nel 2003 Goth, un’opera che narrava le vicende di due studenti liceali affascinati dall’omicidio, poi trasformata in manga nel 2008. Lavora inoltre come sceneggiatore cinematografico.

“Essere coinvolto da Netflix in questo progetto, che verrà trasmetto in 190 Paesi,è un po’ come partecipare al campionato del mondo del videomaking. I più grandi esperti del mondo sono stati contattati:sono eccitato alla sola idea.”

Tow Ubukata

Classe 1977, è stato una sorta di enfant prodige: già all’epoca del liceo vinse diversi premi letterari. è conosciuto principalmente per la conversione in manga di Le Chevalier D’Eon, e per aver contribuito alla versione anime.

“Sono lieto di unirmi a questo incredibile team di autori. grazie a questa n uova collaborazione potrò portare sullo schermo nuove straordinarie serie di fantascienza e far divertire persone in ogni parte del mondo”

Mari Yamazaki

Classe 1967, è famosa soprattutto per Thermae Romae (2007), un’opera che trasportava i giapponesi nell’antica Roma: oltre al manga il ciclo di quest’opera comprende anche un anime e un film campione d’incassi in Giappone. Nel 2014 ha prodotto il sequel Thermae Romae II

“Non vedo l’ora di vedere quale sarà la reazione del mondo a queste nuove serie. Avere in mente la possibile risposta dei fan mi spinge a fare il meglio possibile. Voglio che il mio lavoro raggiunga le persone di tutto il mondo superando le differenze culturali”

Al momento questo è quanto è dato di sapere: come detto da Netflix stessa, nuove informazioni arriveranno nei prossimi mesi.

Se volete conoscere in prima persona le opere dei sei nuovi “acquisti” di Netflix, potete trovare le loro opere a questi link: CLAMP, Yasuo Ohtagaki, Shin Kibayashi, Otsuichi, Tow Ubukata e Mari Yamazaki.