Eventi

Oscar 2021: posticipati per Covid-19?

A causa della pandemia di Covid-19, in questi mesi abbiamo visto saltare o reinventare eventi di tutti i tipi, dai festival del cinema alle sagre del fumetto. Non sorprende quindi che l’ennesima manifestazione stia rischiando di chiudere i battenti. Piuttosto stupisce che in questo caso si stia parlando dell’Academy Awards, evento previsto non prima del 28 febbraio 2021.

Stando alle fonti anonime della testata Variety, gli organizzatori della manifestazione starebbero infatti prendendo in considerazione di far slittare in avanti la calendarizzazione degli Oscar 2021. Se la voce di corridoio venisse confermata, questa rivelerebbe una posizione di cautela – e di pessimismo – particolarmente profonda e suggerirebbe tacitamente come il mondo del cinema sia bel lungi dal dirsi pronto a tornare alla normalità.

Proprio a causa del coronavirus, ad aprile, gli Awards avevano già alterato le regole di candidatura delle pellicole, includendo al concorso anche tutti quei lungometraggi che, chiusi i cinema, sono stati forzati a debuttare in streaming o come video-on-demand. Un precedente che potrebbe riplasmare a cascata il futuro delle manifestazioni cinematografiche, ma che non sembra sufficiente a salvaguardare il destino degli Oscar stessi. D’altronde, sempre ad aprile, il presidente dell’Academy, David Rubin, lo aveva sibillinamente anticipato. «Non è possibile sapere quale sarà il panorama futuro», aveva dichiarato. «Sappiamo solamente che vogliamo celebrare i film, ma non sappiamo ancora in che forma esatta lo faremo».

Non è ancora chiaro se un eventuale ricalendarizzazione dell’Academy Awards si possa tradurre in un conseguente slittamento dei termini di qualificazione delle pellicole. L’Academy, d’altronde, non ha rilasciato dichiarazioni in merito a questa fuga di notizie e ogni elemento della storia è ancora da considerarsi sospeso nel magico mondo delle illazioni.

Gli Oscar 2020 sono stati vinti da Parasite, film sudcoreano che ha saputo ammaliare giurie e cinefili di tutto il mondo. Un piccolo capolavoro di critica sociale che potete trovare in vendita anche su Amazon.