Giochi in scatola

Queenz, recensione


Queenz
Autore
Bruno Cathala, Johannes Goupy
Editore
Studio Supernova
N° Giocatori
2-4
Età consigliata
8+
Durata Media
30 minuti

Queenz è un gioco di selezione e posizionamento tessere in cui dovrete realizzare campi di fiori ricchi di api per produrre delizioso miele. Si tratta di un gioco adatto alle famiglie, ma è anche un filler interessante per i giocatori più esperti.

Miele a volonta!

In Queenz i giocatori vestono i panni di apicultori e devono creare il campo di fiori più redditizio in termini di punti vittoria. Per farlo hanno a disposizione tessere orchidea di cinque colori diversi e tessere campo di diverse forme in stile tetris, da combinare in modo da massimizzare i punti sia nel corso del gioco che nel conteggio di fine partita. L’obiettivo è produrre miele e per farlo è necessario creare un gruppo di fiori adiacenti composto da almeno due fiori dello stesso colore. In questo modo si ottengono punti vittoria e i preziosi barattoli di miele colorato. Assolutamente fondamentale è anche sfruttare al meglio le preziose tessere orchidea con le api stampate (da una a tre).

Queenz è un gioco semplice da imparare e di durata contenuta (mezz’ora o poco più), ma non sottovalutate l’aspetto strategico di questo titolo divertente e coloratissimo.

Come si gioca a Queenz

Nel proprio turno il giocatore può svolgere una sola azione a scelta fra due: prelevare tessere orchidea dalla plancia centrale oppure sviluppare un campo. La plancia centrale è costituita da un grande quadrato 6×6 su cui vanno disposte casualmente 36 tessere orchidea. Se il giocatore sceglie di prelevare tessere nel corso del proprio turno, dovrà farlo dalla riga o colonna su cui è presente la pedina Giardiniere, che si sposta come indicato in seguito. Quando il giardiniere supera la freccia rossa, tutti gli spazi vuoti sulla plancia vengono riempiti con nuove tessere. Ora esaminiamo le azioni nello specifico.

La scelta delle tessere

Il giocatore può scegliere da una a tre tessere attenendosi alle seguenti condizioni:

  • se sceglie una tessera con una o più api, potrà prendere esclusivamente quella;
  • se sceglie tessere senza api, potrà prenderne due di colore uguale o diverso OPPURE tre tutte di colore diverso.

Il giocatore deve poter posizionare le tessere prese sulla propria plancia personale, su cui è possibile conservare fino a sei fiori. Le regole non specificano se sia possibile scartare una tessera già presente per fare spazio a una nuova, pertanto si può presumere che non sia possibile.

Dopo aver preso le tessere desiderate, il giocatore avanza la pedina Giardiniere di un numero di spazi pari al numero di tessere prelevate, determinando in questo modo la riga/colonna da cui si potranno prelevare tessere in seguito. Se così facendo il Giardiniere arriva su una riga/colonna completamente vuota, il giocatore che lo ha mosso ottiene un punto vittoria e la riga/colonna viene immediatamente riempita con nuove orchidee prese dalla riserva.

Sviluppare un campo

L’altra possibile azione è sviluppare un campo. Per farlo, il giocatore prende uno fra i campi attualmente disponibili (si parte da cinque). Se un giocatore prende l’ultimo campo a disposizione, ottiene un punto ed entrano in gioco cinque nuovi campi dalla riserva. I campi hanno forme diverse ma sono sempre costituiti da cinque spazi. Dopo averlo scelto, il giocatore posiziona il campo di fronte a sé, adiacente ad almeno un altro se non è il primo che sviluppa (il contatto diagonale non è considerato adiacenza), poi deve riempire tutte e cinque le caselle del campo con fiori dalla propria riserva o posizionando uno o più dei propri alveari (ogni giocatore ne possiede tre). Gli alveari conferiscono punti a fine partita, in seguito vedremo come.

Dopo aver posizionato fiori e/o alveari, il giocatore verifica i punti che ottiene: ogni gruppo di minimo due fiori dello stesso colore che viene creato o esteso grazie al campo appena piazzato produce miele e di conseguenza punti vittoria. Ad esempio, se si crea un gruppo di tre orchidee rosse, si ottengono 3 punti. Se si amplia un gruppo blu preesistente composto da quattro fiori aggiungendone altri due, si ottengono 6 punti. Si conteggiano in questo modo tutti i gruppi creati o estesi con il nuovo campo sviluppato. Inoltre, la prima volta in cui si crea un gruppo di almeno due orchidee di un certo colore, si ottiene il barattolo di miele del colore corrispondente. Quando un giocatore ha prodotto miele di tutti e cinque i colori, ottiene il gettone Produzione diversificata (il primo di tali gettono conferisce 10 punti, che poi scendono a 6, 5 e 4).

Attenzione: per produrre miele e ottenere punti in questa fase di gioco non sono necessarie api. Queste servono esclusivamente per ottenere punti a fine gioco!

L’ape regina

Alcune tessere presentano una sola ape stampata sul fiore. Si tratta dell’ape regina, che ha un potere particolare: quando selezionate questa tessera, facoltativamente e solo in questo preciso momento, potete decidere di posizionarla su un campo già sviluppato al posto di una qualsiasi tessera già presente (a prescindere dal colore), che viene riposta sulla plancia del giocatore. Questa azione non fa ottenere punti, ma può essere utile per aggiungere api di fianco agli alveari o per modificare i gruppi di fiori esistenti. Non sottovalutatene la forza strategica!

Fine del gioco e punteggio finale

Il gioco termina quando un giocatore sviluppa il quinto campo. Tutti gli altri giocatori possono svolgere ancora un’azione. Solo in questa circostanza è possibile sviluppare un campo senza riempirne tutti gli spazi. A questo punto si verifica il conteggio finale: ai punti ottenuti nel corso della partita si sommano quelli del gettone Produzione diversificata (se lo avete ottenuto) e i punti per gli alveari. Ogni alveare vale tanti punti quante sono le api presenti nelle otto caselle che lo circondano.

Materiali e grafica

Queenz è un gioco che si caratterizza per materiali robusti e piacevoli da vedere. Le tessere presentano un ottimo spessore ed è praticamente impossibile che si rovinino, anche giocandoci con i bambini. Le tessere orchidea sono coloratissime e contribuiscono a creare una tavolata dal notevole colpo d’occhio. Anche i campi e le plance presentano uno spessore soddisfacente e i componenti in legno (giardiniere, alveari, e barattoli di miele) sono anch’essi molto belli da vedere. Il pelo nell’uovo, se proprio vogliamo trovarlo, è la plancetta segnapunti. Carina l’idea di realizzarla in stile favo, tuttavia, le piccolissime tesserine dei giocatori si spostano facilmente se non si presta sufficiente attenzione.

Molto bella anche la scatola del gioco, con il titolo stampato in lucido e quella robustezza delle scatole che si conservano bene negli anni.

Conclusioni

Queenz è un gioco molto piacevole. Nonostante abbia una strategia essenzialmente astratta, è ben tematizzato e il lavoro per rendere tangibile l’ambientazione è stato accurato. Per via della durata contenuta e dell’indicazione dell’età, potrebbe sembrare un gioco semplice, ma non fatevi ingannare: anche se è facile da imparare, non è affatto banale da giocare. L’indicazione dagli 8 anni mi ci può stare per via delle poche e semplici regole ma, a mio avviso, solo per i bambini già un po’ ferrati in ambito di gioco da tavolo. Queenz presenta un buon livello di rigiocabilità, dato dal gran numero di tessere Orchidea (125 equamente ripartite nei 5 colori) e dalla varietà delle tessere campo (24 in ben 12 forme diverse), che escono in modo casuale, facendo sì che dobbiate inventarvi sempre qualcosa di nuovo per sviluppare il giardino.

Il gioco ha un’ottima scalabilità ed è ugualmente piacevole con qualsiasi numero di giocatori. Queenz propone anche una piccola variante di gioco con l’inserimento delle orchidee nere. Quando si preleva una di queste tessere, la si scarta e si pescano tre orchidee coperte dalla riserva. Se ne possono conservare 1 o 2 a prescindere dal numero di api presenti. Potete decidere di utilizzare o meno questa variante in base a quanto gradite il fattore di casualità legato alla pesca di tessere coperte.

A chi è adatto

Queenz è adatto sia a giocatori esperti che gradiscano un filler intrigante, sia alle famiglie grazie alla linearità delle regole. I componenti dai bei colori attirano bambini e ragazzini e anche il tema dedicato a fiori e animali contribuisce in questo senso. La durata contenuta lo rende adatto anche ai giocatori più giovani, che non dovranno concentrarsi per un tempo eccessivo.

Queenz

Queenz è un gioco di selezione e posizionamento tessere per 2-4 giocatori ambientato nel mondo dell’apicoltura e caratterizzato da materiali resistenti e colorati.


Verdetto

Queenz è un gioco ben realizzato e piacevole. Ha un buon livello di rigiocabilità e richiede una buona dose di strategia nonostante le regole molto semplici. Il materiale robusto e colorato contribuisce a renderlo piacevole e ad attirare i bambini al giocare. È un titolo proponibile virtualmente a ogni tipo di giocatore.

Pro

- Ottimi materiali
- Regole facili da imparare
- Adatto a un'ampia fascia di pubblico

Contro

- Non si rilevano contro per il prodotto.