Action Figure

Saint Seiya, Baian di Sea Horse – Myth Cloth EX: recensione


Baian di Sea Horse – Myth Cloth EX di Tamashii Nations
Produttore
Tamashii Nations
Serie
Saint Seiya
Linea prodotto
Myth Cloth EX
Tipologia
Action Figure
Altezza
18 cm

Oggi vi parliamo del nuovissimo e luccicante Myth Cloth EX di Bandai e Tamashii Nations tratto da Saint Seiya – I Cavalieri dello Zodiaco. Di cosa stiamo parlando? Ma di Baian di Sea Horse, uno degli ultimi Generali degli Abissi giunto da qualche giorno nelle nostre mani e in distribuzione grazie a Cosmic Group. Forse non avete mai visto questo tipo di prodotti e vi starete chiedendo…ma perchè vi piaciono così tanto? Che cos’hanno di speciale queste action figure? La risposta è semplice quanto banale, navigando nel fiume della nostalgia di ogni millennials che si rispetti, questi personaggi riscrivono e modernizzano il vecchio concept dei giocattoli anni 80.

Le figure della linea Myth Cloth e Myth Cloth EX sono contraddistinte da un corpo standard concepito in pvc e abs sul quale si è possibile “montare”, con la presenza di appositi innesti, l’armatura in metallo. Sempre ricalcando la vecchia idea dei giocattoli anni 80 anche questi nuovi modelli da collezione possiedono la doppia possibilità espositiva che ci pone nella scelta di realizzare (anche) il totem del segno zodiacale o creatura marina come in questo caso. Dal 2011 la serie Myth Cloth EX si occupa di riproporre nuove edizioni riviste e corrette di modelli già usciti in passato (come in questo caso) ma anche nuove proposte.


Il personaggio

Nella mitologia Greca…

BAIAN SEA HORSE MYTH CLOTH EX

Tranne rari casi, come ad esempio per Kanon di Sea Dragon e Isaac di Kraken, della maggior parte dei Generali di Nettuno non sappiamo molto circa il loro passato. Quello che possiamo fare oltre a ricordarne il combattimento con Seiya di Pegasus è andare a ricercare le origini della bestia mitologica di cui veste l’armatura, il cavallo del mare, meglio noto come Ippocampo. L’ippocampo è un animale figlio della mitologia greca (ma anche fenicia). Metà corpo equino e metà pesce, spesso viene anche rappresentato con zampe palmate.

Nel mito greco, questa creatura marina, nata dalle increspature delle onde del mare, era solita trainare il carro di Poseidone. Quando si legge dell’Ippocampo si trovano spesso riferimenti alla sua estrema velocità, addirittura superiore a quella delle sirene e ad una incredibile resistenza dentro e fuori dall’acqua. Si legge infatti che questo cavallo del mare fosse in grado di resistere oltre un mese sulla terra ferma trasformando la parte posteriore in zampe con zoccoli per meglio destreggiarsi sul suolo.


…Nell’anime

BAIAN SEA HORSE MYTH CLOTH EX

Byan di Sea Horse è uno dei Generali degli Abissi apparsi in Saint Seiya nella Saga di Nettuno. il primo Generale di Nettuno che vediamo scontrarsi contro uno dei nostri eroi, nella fattispecie Seiya di Pegasus. Protettore della colonna dell’Oceano Pacifico settentrionale si pone fin dall’inizio in chiara antitesi contro Seiya, intento a sua volta a distruggere l’enorme manufatto per salvare (ancora una volta) la Dea Athena. Uno scontro tra due Cavalieri che hanno come segno celeste due figure equine, un Cavallo marino da un lato ed un Cavallo alato dall’altro. Come nel migliore degli shonen l’avversario sembra aver messo a dura prova il nostro beniamino e quando tutto sembra essere ormai dato per certo ecco la svolta decisiva.

“E’ già vinto…è già vinto il prode Pegasus, prima ancora che la battaglia sia iniziata, un vero peccato non avergli potuto mostrare la mia abilità.”

Seiya riesce a risvegliare il settimo senso e con esso i nuovi poteri della sua rinata armatura di Bronzo. Quest’ultima dopo la scalata delle dodici case è stata rimessa in sesto con l’aiuto del sangue dei cavalieri d’oro ed è proprio per questo motivo che nel momento decisivo assume la colorazione dorata propria dei Cavalieri d’Oro. Il Generale degli Abissi viene infine sconfitto e il cavaliere di Pegasus distrugge, con l’aiuto delle armi di Libra, la colonna del Pacifico Settentrionale.

Packaging e Blister

Come la maggior parte delle Tamashii Web Exclusive (le edizioni con minor tiratura) anche questa edizione ci è giunta in redazione insieme al suo Brown Box che altro non è che l’involucro in cartone con il quale il prodotto viene spedito dal colosso nipponico ai suoi fedeli collezionisti locali. La versione che potreste acquistare voi potrebbe esserne sprovvista poiché per questioni di distribuzione-peso-logistica all’azienda è più conveniente spedirli agli altri paesi senza.

Da un punto di vista puramente grafico il Box principale, ovvero quello che troviamo subito dentro la parte in cartoncino marrone, continua nell’impostazione grafica già utilizzata dalla linea “Generali degli Abissi” con gli altri personaggi che hanno preceduto Sea Horse. Ma ancor prima di soffermarci sulla parte grafica, quello che ci ha colpito maggiormente è la dimensione di questa scatola ben più grande del solito. Se per Poseidon Myth Cloth EX (ed. Speciale con Trono) la scelta fu quella di allungare la confezione di lato per questo Baian la scelta è caduta sulla profondità e probabilmente crediamo di aver intuito il perché dopo aver visto i blister interni.

Nella parte principale troviamo la foto a figura intera di Baian ed alle sue spalle una raffigurazione dell’ippocampo mitologico, i loghi Bandai Spirits e Tamashii Nations sulla destra e quelli di Saint Seiya e Tamashii Web Exclusive sulla parte opposta. Sui due lati troviamo la foto del totem di Cavallo del Mare da una parte e di Baian in azione dall’altra. Sulla parte posteriore troviamo un collage di foto ufficiali tra i quali possiamo scorgere i vari volti inclusi nei blister.

E i blister…? ben quattro! Praticamente come quelli delle edizioni speciali (dotate di ali enormi) che di solito sono riservate alle armature divine. Partiamo dal primo, al suo interno vi è contenuto:

  • Corpo principale;
  • Volti alternativi;
  • Varie mani alternative;
  • Capigliatura rivolta verso l’alto;
  • Copri dorsi delle mani;
  • Elmo dell’armatura.

Nel secondo blister, quello più pesante dei quattro, vi è l’80% di tutta l’armatura e disposti minuziosamente negli incavi di plastica troviamo:

  • Schinieri;
  • Cosciali;
  • Ginocchiere;
  • Avambracci;
  • Bracciali;
  • Spalline;
  • Gonnellino;
  • Copri addome.

Nel terzo e quarto blister troviamo lo scheletro del totem (con le ali aperte) e il mantello in pvc con le ali chiuse. Questi tre elementi: ali aperte, ali chiuse e mantello sono dotate dell’incastro che serra e fissa nel foro sulla schiena tutta la parte superiore dell’armatura.

Il Totem

Armati di libretto di istruzioni procediamo con il montaggio del totem e predisponendo ogni pezzo necessario, come il manuale ci insegna, realizziamo poco a poco e senza particolari difficoltà la rappresentazione della bestia marina che, per il totem, assume la forma terrestre con quattro zampe e zoccoli palmati. Solitamente, dati i numerosi Saint posseduti e assemblati durante la nostra “carriera collezionistica”, avevamo sottovalutato molto il tecnicismo che si cela dietro una figura del genere che inizialmente pensavamo fosse piuttosto banale, analogamente alle altre figure dall’aspetto simile.

Per prima cosa notiamo che lo scheletro è posizionato completo nel blister (ecco spiegata la dimensione più grande della scatola) e ciò ci ha costretti a smontarne alcune parti per poter inserirci le parti di armatura ma la cosa che ci ha più impressionato è che alcune componenti che immaginavamo andassero in determinate posizioni dovevano essere a loro volta smontate e riassemblate su varie posizioni del totem stesso aumentandone notevolmente l’esperienza. E qui ribadiamo il concetto che senza il libretto di istruzioni non saremo mai giunti al risultato finale quindi il consiglio è quello di evitare di fare “i brillanti”, non con questo tipo di myth.

Sea Horse Baian – Myth Cloth EX

Dopo aver eseguito al contrario le operazioni che hanno portato al montaggio del totem torniamo a posizionare (in ordine) le varie parti della cloth sul tavolino e finalmente iniziamo a montare la cloth sul corpo di Baian. La procedura è risultata assai più semplice rispetto al totem, non per via dei numerosi myth già montati da oltre 15 anni, ma perché di fatto è molto più intuitivo e già da subito sappiamo quali parti montare per prime. Gambe, gonnellino, addome, pettorale, braccia, spalline e concludiamo con mantello sul retro del busto, elmo e mani con copri dorsi. Facile no?

Il feel risulta molto buono perché cari amici ci troviamo con un myth ricoperto per il 90 % di metallo, ( e a noi collezionisti queste cose piacciono tantissimo!) le uniche eccezioni sono l’addome e l’elmo (realizzati in pvc). Ex, la sigla posta a termine del nome della linea Myth Cloth sta ad indicare lo stupore e la meraviglia che questi prodotti dovrebbero far scatenare nel collezionista e Baian di Sea Horse ci riesce in pieno pur non essendo un personaggio caratterialmente carismatico, anzi.

La scultura dei pezzi risulta di ottima fattura e precisa, senza alcun tipo di imperfezioni. Di pari grado è la colorazione, sempre di altissimo livello, con pigmentazioni metallizzate che vanno dal giallo all’arancione, tipiche di questa linea come tutti i suoi predecessori. Vi assicuro che vederli tutti insieme in vetrina, vicino a Poseidon è davvero una autentica figata.

Grazie al corpo Myth Cloth EX la figure è in grado di assumere un gran numero di pose come quella iconica raffigurata sul retro della confezione che abbiamo provato a replicare. Davvero ottima la trovata della doppia capigliatura che ci ha consentito di scegliere di adottare una chioma rivolta verso il basso per le pose più statiche ed una rivolta verso l’alto per quelle più dinamiche.

I volti (in tutto cinque) e le mani (quattro paia, mica poche!) contenute dentro il primo blister offrono anch’essi enorme possibilità di scelta nel ricreare ogni situazione dello scontro con Seiya di Pegasus. Stilando una piccola “top five” quello che ci è piaciuto di più tra i cinque è sicuramente quello che guarda di lato con la bocca aperta che sta urlando il suo colpo micidiale.

Conclusioni

Ma quindi questo Baian Sea Horse Myth Cloth EX è davvero così figo? non ne ha di difetti? Proprio così, è uno dei myth meglio realizzati di questa line up e ne mantiene altissimi gli standard senza sbagliare una uscita. Uno dopo l’altro questi personaggi hanno seguito una linea qualitativa altissima con ottimi extra e colorazione pazzesca. Ad un passo dal finale dei personaggi di questa serie, manca solo Kaysa di Lymnades, siamo in netta trepidazione di sapere quando uscirà e se ci saranno ulteriori sorprese su questa fantastica saga.

Baian Sea Horse Myth Cloth EX è già disponibile presso i vari store grazie al distributore Cosmic Group e sebbene il suo prezzo di preordine fosse di circa 135,00 €, data l’estrema tiratura del pezzo in questione, si potrebbe trovare a prezzi ben più alti.

 

 

Baian di Sea Horse – Myth Cloth EX di Tamashii Nations

Baian di Sea Horse è una action figure in plastica e metallo tratta dall’arco narrativo “Poseidon” della serie Saint Seiya – I Cavalieri dello Zodiaco. Con un attento studio di progettazione degli ingegneri Tamashii Nations il prodotto è in grado di essere esposto come Generale degli Abissi o come Totem raffigurante la bestia mitologica chiamata Ippocampo.


Verdetto

Da più di 10 anni la serie Myth Cloth EX (una sorta di collezione parallela della serie Myth Cloth) regala emozioni e prodotti degni del collezionista più esigente. La scintillante armatura di Baian si armonizza alla perfezione tra quelle dei "colleghi". Un vero must have per i "myth maniaci" che non devono farselo scappare prima che vada definitivamente sold out.

Pro

- Semplice montaggio del Totem e della figure
- Ottima posabilià
- Colorazione impeccabile

Contro

- Nulla da segnalare