Eventi

Sotto la superficie di Europa potrebbero nascondersi dei vulcani

Molto al di sotto dei chilometri di ghiaccio e rocce che compongono la crosta di Europa, l’oceano sotto la superficie potrebbe ribollire di attività vulcanica che potrebbe essere in corso da 4,5 miliardi di anni. Ciò potrebbe aver reso l’oceano sotterraneo di Europa un luogo in cui la vita (almeno per come la conosciamo) può prosperare senza essere esposta a radiazioni intense e ad altri rischi comuni sulla superficie del pianeta.

A tal proposito è stata pubblicata una nuova teoria dalla geofisica Marie Běhounková, dell’Università della Repubblica Ceca. La dottoressa ha iniziato a chiedersi quanto sia probabile che Europa sia riscaldato dal magma fuso in luoghi al di fuori della portata del Sole.

Spazio

“Molti scienziati hanno studiato la dissipazione delle maree e il trasferimento di calore nei corpi planetari per molti decenni”, ha detto in un’intervista a SYFY WIRE Běhounková, che ha recentemente pubblicato uno studio su Geophysical Research Letters. Io e il mio team abbiamo iniziato dieci anni fa e recentemente abbiamo adattato il nostro modello per il pianeta Europa”.

La Terra ha bocche idrotermali che sgorgano acqua calda nelle profondità dell’oceano, dove la pressione è troppo alta e la temperatura è troppo bassa perché la maggior parte delle forme di vita, tranne alcune creature, possano sopravvivere. La vita ipotetica sulla luna di ghiaccio di Giove potrebbe essere simile ai tappetini batterici, ai vermi rossetto e ai pesci bioluminescenti che prosperano nelle oasi oscure del nostro pianeta. Questo non è un posto per la fotosintesi; le alghe non possono fiorire senza la luce del sole. Ciò su cui si basa la vita in questi luoghi è invece la chemiosintesi. Nei tratti più oscuri del fondo oceanico, dove la luce solare non può penetrare, i batteri che formano strati spessi vicino alle bocche idrotermali sono alimentati dall’energia delle reazioni chimiche che si verificano come parte della geochimica delle zone abissali e adiali. I batteri che sciamano intorno ai geyser sommersi sono organismi chemiosintetici che convertono le sostanze inorganiche in cibo. Sono in grado di produrre uno zucchero dopo aver ossidato l’idrogeno solforato e aver aggiunto CO2 e ossigeno.

Spazio

Si pensa che Europa abbia iniziato a riscaldarsi quando il decadimento degli elementi radioattivi nel suo mantello ha rilasciato un’enorme quantità di calore. Giove esercita anche forze di marea che portano al vulcanismo. La luna, che prende il nome da una donna mortale sedotta dal re degli dei Giove (Zeus) nella mitologia greco-romana, orbita abbastanza vicina da sentire il calore quando quelle forze di marea continuano a tirare al suo interno. Ne risulta abbastanza calore perché Europa abbia un cuore di magma liquido che potrebbe alimentare i vulcani sottomarini.

“Gli elementi radionuclidi sono atomi instabili con un eccesso di energia nucleare”, ha detto Běhounková. “I radionuclidi si trovano naturalmente negli elementi costitutivi dei pianeti e delle lune. Durante l’accrescimento, vengono incorporati al loro interno, specialmente nella parte rocciosa dei corpi. Questi possono aiutare a riscaldare l’interno di pianeti e lune, come Europa, e possono aiutare a evitare che l’oceano si congeli”.

Spazio

Il Jupiter Icy Moons Explorer (JUICE) dell’ESA e la missione Europa Clipper della NASA scopriranno se Europa ha davvero dei vulcani, e forse qualche forma di vita extraterrestre.