Cinema e Serie TV

Star Wars, ecco la nuova faccia di Han Solo

Il nuovo volto di Han Solo è quello di Alden Ehrenreich, attore che è stato nominato ufficialmente per interpretare il film Han Solo: A Stars Wars Story, che vedremo nelle sale cinematografiche a fine 2018. Ehrenreich è stato selezionato tra oltre 2.500 candidati.

Il film fa parte dei tre spin off che si alterneranno alla nuova trilogia. A fine 2016 abbiamo visto Il Risveglio della Forza, quest'anno avremo Rogue One, poi nel 2017 Episodio VIII e così via. Han Solo sarà diretto da Phil Lord e Chris Miller, e ci racconterà le avventure di un Solo molto giovane.

NEoelEKHcf63rp 1 b

Manca ancora una conferma definitiva, perché Disney non avrebbe ancora concluso la trattativa con l'attore. Secondo la testata Movieweb però si può considerare una notizia ufficiale, e Ehrenreich avrebbe quindi superato la concorrenza di altri attori come Taron Egerton (Kingsman), Jack Reynor (Transformers: Age of Extinction) o Miles Teller (Whiplash), tra gli altri.

Sarà un compito molto difficile, perché il personaggio di Han Solo ha trovato un posto speciale nel cuore di molti appassionati. E in questi casi cambiare volto è sempre un azzardo, a maggior ragione se quello originale appartiene a un pezzo da novanta come Harrison Ford.

D'altra parte lo stesso Ford non era molto famoso quando ottenne il ruolo di Solo, e anzi fu proprio il successo del primo Star Wars, probabilmente, a lanciare la sua carriera. Ford comunque aveva preso parte a pellicole importanti, seppure non in ruoli da protagonista: valgano come esempio La Conversazione di Francis Ford Coppola, Zabriskie Point di Michelangelo Antonioni o American Graffiti – quest'ultimo diretto proprio da George Lucas prima di Guerre Stellari. Quanto ad Ehrenreich, lo abbiamo visto nel recente Ave Cesare! dei fratelli Cohen, in Blue Jasmine, Beautiful Creatures e altri titoli minori; una carriera non così diversa da quella di Ford fino a Guerre Stellari.

Se Ehrenreich ha davanti a sé un compito difficile, non è da meno quello che dovranno affrontare i registi, che hanno già lavorato insieme a diversi lungometraggi. Il più famoso è certamente l'eccellente The Lego Movie, ma il loro carnet include anche Piovono Polpette, alcuni episodi di How I Met Your Mother e diverse altre cose.

I due hanno quindi esperienza nel Fantastico, ma è anche evidente che sono a proprio agio con il genere della commedia. Non proprio quello che ci aspettiamo dal film dedicato ad Han Solo; una o due battute brillanti non danno fastidio a nessuno, ma se si esagera si rischia di fare un involontario sequel di Balle Spaziali. Abbiamo più di due anni per preoccuparci o entusiasmarci.