Tom's Hardware Italia
Cinema e Serie TV

True Detective 3, un trailer di misteri e oscurità

Per mantenere alta l'attenzione sulla terza stagione di True Detective, HBO ha reso disponibile un nuovo, oscuro trailer che parla di ossessioni e casi irrisolti su tre piani temporali.

Una spirale di misteri e ossessioni che si dipana nel tempo senza alcuna via d’uscita, trascinando il detective Wayne Hays (il premio Oscar Mahershala Ali) della polizia statale del Northwest Arkansas in un gorgo di oscurità e ossessione che ha distrutto la sua vita. È il contenuto del nuovo trailer dedicato a True Detective 3 che la HBO ha pubblicato per mantenere alta l’attenzione in attesa dell’ormai imminente debutto, il prossimo 14 gennaio 2019, su Sky Atlantic.

Scritto nuovamente dal creatore della serie Nic Pizzolatto, a parziale eccezione del quarto episodio, co-sceneggiato dal creatore di Deadwood, David Milch, la vicenda avrà come fulcro la macabra uccisione di due bambini nei monti Ozarks e la conseguente indagine da parte dello stesso Hays e del suo collega Roland West/Stephen Dorff (Leatherface).

Il mistero, irrisolto, finirà con lo snodarsi su tre piani temporali che occupano l’intera vita del detective Hays dall’avvio delle indagini ai giorni nostri.

A dirigere gli otto nuovi episodi sarà Jeremy Saulnier, mentre tra i produttori esecutivi figura Cary Fukunaga, virtuoso e apprezzatissimo regista della prima stagione. Speriamo solo che Pizzolatto sia riuscito a superare i suoi limiti che lo vedono bravissimo a tessere avvolgenti e inquietanti misteri infarciti di spunti e citazioni filosofiche, religiose e mitologiche, che poi però solitamente non riescono a coagularsi in una riflessione vera e profonda sul male e l’essere umano, finendo per suscitare il dubbio che si tratti solo di un superficiale gioco per rendere più intrigante una storia di investigazione altrimenti banale.

Pur se con gli evidenti limiti appena ricordati, True Detective resta comunque una delle serie più interessanti per soluzioni narrative e linguaggio cinematografico (soprattutto la prima stagione): non averla nella propria collezione è un delitto.