Eventi

WrestleMania 37: incontri e anticipazioni dell’evento WWE più atteso dell’anno

L’emergenza sanitaria non ferma le superstar della WWE. Nel pieno rispetto dei protocolli sanitari vigenti, il Raymond James Stadium di Tampa Bay in Florida, location che ha ospitato a febbraio il SuperBowl, si prepara ad accogliere l’edizione numero 37 di WrestleMania, la più grande manifestazione dello sport-intrattenimento che da anni tiene incollata allo schermo milioni di spettatori. Tra incontri speciali, partecipazioni di celebrità e tante sorprese, ecco quello che bisogna aspettarsi dal PPV in programma sabato 10 e domenica 11 aprile sul WWE Network. Due notti di grande spettacolo che permetteranno ai fan di tornare ad assistere dal vivo alle gesta dei propri atleti preferiti.

Il logo ufficiale, dal design piratesco, dell'edizione di quest'anno di WrestleMania. Credits: WWE
Il logo ufficiale, dal design piratesco, dell'edizione di quest'anno di WrestleMania

WrestleMania 37, ecco quali saranno gli incontri di punta

I match valevoli per i titoli mondiali di Raw e SmackDown sono da sempre i più attesi dai fan e anche quest’anno ci sarà tanta carne al fuoco. Per quanto concerne lo show rosso, Bobby Lashley dovrà difendere il WWE Championship, conquistato nelle scorse settimane, dall’assalto di Drew McIntyre. I due si conoscono molto bene e sicuramente regaleranno spettacolo sul palcoscenico di WrestleMania. La superstar scozzese, inoltre, ha promesso di dare il 100% per riuscire a diventare WWE Champion per la terza volta in carriera.

Il main event della prima notte di WrestleMania 37. Credits: WWE
WrestleMania

Cambiamenti inaspettati, invece, sul fronte SmackDown. Inizialmente il main event avrebbe dovuto vedere Edge, vincitore della Royal Rumble di quest’anno, e Roman Reigns scontrarsi per lo Universal Championship, ma la tenacia e la perseveranza di Daniel Bryan hanno rimescolato le carte in tavola. A WrestleMania ci sarà quindi un Triple Threat Match e i fan sono curiosi di sapere se Bryan riuscirà a ripetere la storica impresa del 2014 dove, in occasione di WrestleMania 30, sconfisse Batista e Randy Orton nel main event, laureandosi campione e coronando il sogno di una vita.

Il grande ritorno di Hulk Hogan in WWE

Non può esistere il mondo del Wrestling senza Hulk Hogan. Per questa ragione la WWE ha annunciato che la leggenda indiscussa avrà l’incarico di presentare WrestleMania assieme a Titus O’Neil. Le due superstar risiedono in Florida e rappresentano i perfetti ambasciatori per il grande evento.

Vera e propria icona della cultura pop, Hulk Hogan è stato inserito nella WWE Hall of Fame del 2005 da Sylvester Stallone, noto attore con cui aveva condiviso il set di Rocky III, e quest’anno diventerà un due volte Hall of Famer, introdotto come membro del New World Order, una delle fazioni più importanti nel mondo del Wrestling. Hogan aveva già ricoperto il ruolo di presentatore a WrestleMania 30, rendendosi protagonista di uno storico segmento con altre due icone della WWE: “Stone Cold” Steve Austin e The Rock.

Titus O’Neil, invece, è una delle più filantrope superstar della storia della WWE. Membro della comunità di Tampa Bay e fondatore della Bullard Family Foundation, un’organizzazione che aiuta famiglie e bambini regalando loro momenti speciali, l’ex campione ha sempre dimostrato la voglia di aiutare i più bisognosi. O’Neil ha anche aiutato centinaia di individui di associazioni no-profit e partner della WWE come Susan G. Komen, Boys & Girls Clubs of America e Special Olympics.

La sua passione per la comunità e per elevare gli altri lo ha portato a scrivere il suo primo libro, There’s No Such Thing as a Bad Kid: How I Went from Stereotype to Prototype”, nel 2019. O’Neil è nato a Tampa Bay e si è laureato all’Università della Florida quando era un giocatore di spicco di football per i Gators.

Hulk Hogan e Titus O'Neil saranno i presentatori di WrestleMania 37. Credits: WWE
Foto generiche

Wrestling e Cultura Pop: ci sarà anche la megastar del rap Bad Bunny

Il rapper di Puerto Rico si è dimostrato sin dal primo istante a suo agio con il WWE Universe, esibendosi dal vivo alla Royal Rumble e conquistando a Raw il WWE 24/7 Championship, titolo che ha sfoggiato con grande orgoglio in una recente puntata del Saturday Night Live. Bad Bunny è passato alla ribalta per essere stato l’artista più ascoltato su Spotify nel 2020 con 8,3 miliardi di stream e a WrestleMania avrà l’occasione di zittire una volta per tutte The Miz, superstar che nelle ultime settimane gli ha dato del filo da torcere. All’angolo del rapper ci sarà l’ex star di NXT, Damian Priest.

Bad Bunny è l’ultimo di una lista di epiche icone mondiali della musica, della TV e di Hollywood che hanno calcato il palco di WrestleMania. Muhammad Ali, Liberace e Cyndi Lauper parteciparono alla prima edizione di WrestleMania al Madison Square Garden di New York, il 31 marzo 1985, mentre Ozzy Osbourne e Pamela Anderson parteciparono rispettivamente alla seconda e all’undicesima edizione. E come dimenticarsi del ruolo di Mike Tyson a WrestleMania XIV, coinvolto in qualità di arbitro speciale nel main event tra Steve Austin e Shawn Michaels (qui potete leggere la nostra intervista a HBK), o al cameo di Arnold Schwarzenegger nei panni di Terminator a WrestleMania XXI nel 2015 come parte dell’ingresso speciale di Triple H prima del suo match contro Sting. Un chiaro segnale del fatto di come il binomio tra il PPV WWE più importante dell’anno e la Pop Culture sia ormai indissolubile.

Spazio alle giovani donne di Raw e SmackDown

Le superstar della divisione femminile hanno ormai da anni dimostrato di non avere nulla da invidiare ai propri colleghi, regalando grande spettacolo sul ring e soprattutto a WrestleMania. Quest’anno a rubare la scena saranno due giovani stelle di NXT approdate nel main roster, ovvero Bianca Belair e Rhea Ripley.

Classe 1989 e vincitrice della Royal Rumble al femminile, Bianca avrà la possibilità di diventare per la prima volta in carriera SmackDown Women’s Champion quando affronterà la campionessa in carica, Sasha Banks. Quest’ultima non ha certamente bisogno di presentazioni e si è rivelata una delle personalità più importanti all’interno e all’infuori del ring, ricoprendo anche un ruolo chiave nella serie TV The Mandalorian.

Bianca Belair si prepara al debutto con il botto in quel di WrestleMania. Credits: WWE
WrestleMania

Rhea Ripley, invece, conosce benissimo il palcoscenico di WrestleMania. L’anno scorso ha disputato un grande match contro Charlotte Flair e, nonostante la sconfitta, ha ottenuto i complimenti di fan e addetti ai lavori che l’hanno considerata il futuro della WWE. A soli 24 anni, infatti, il suo percorso è totalmente in salita: l’unico grande ostacolo sarà Asuka, l’attuale Raw Women’s Champion che dovrà affrontare tra pochi giorni a Tampa Bay.

Grandi rivalità giungeranno al termine

Il PPV più importante dell’anno in casa WWE servirà a chiudere un ciclo di rivalità che da tempo infiammano gli schermi. Randy Orton dovrà scontrarsi ancora una volta con The Fiend, l’alter ego di Bray Wyatt riapparso di recente a Raw con un look ancora più inquietante rispetto al passato, mentre Braun Strowman affronterà Shane McMahon in uno Steel Cage Match, dunque all’interno di una gabbia d’acciaio.

Dopo alcuni scontri verbali alquanto infuocati, Cesaro e Seth Rollins verranno finalmente alle mani a WrestleMania. Si tratta del primo incontro one on one per la superstar svizzera, già protagonista di un grande WrestleMania moment nel 2014 quando vinse la Andrè The Giant Memorial Battle Royal. I due si sono affrontanti numerose volte nel circuito indipendente prima di approdare in WWE e regaleranno senza dubbio spettacolo. Grande attesa anche per il match tra Kevin Owens e Sami Zayn. Le due superstar canadesi si conoscono da oltre 15 anni e si sono scontrate in tutte le salse, prima a NXT e poi nel main roster. Questo sarà il loro primo incontro uno contro l’altro sul palcoscenico più importante dell’anno, ma con una grande differenza: Kevin Owens è al momento tra le fila dei buoni, mentre Sami Zayn tra quelle dei cattivi.

Prima grandi amici, poi acerrimi rivali: la resa dei conti tra Kevin Owens e Sami Zayn avverrà a WrestleMania. Credits: WWE
WrestleMania

Spazio anche ai titoli secondari. Riddle difenderà lo United States Championship dall’assalto di Sheamus, mentre Big E metterà in palio l’Intercontinental Championship contro Apollo Crews, superstar che nelle ultime settimane ha mostrato una verve più aggressiva del solito. Kofi Kingston e Xavier Woods, infine, difenderanno i titoli di coppia di Raw in un Tag Team Match contro AJ Styles e il suo fidato bodyguard Omos, al debutto assoluto in quel di WrestleMania. Insomma, ci sono tutte le carte in regola per un’edizione coi fiocchi.

Le due notti di WrestleMania 37 saranno visibili per l’Italia in esclusiva sul WWE Network assieme a tanti altri originali legati al mondo del Wrestling. Per abbonarvi alla piattaforma a un prezzo accessibile, potete cliccare qui.