Tom's Hardware Italia
Giochi di ruolo

X-Files nell’antica Roma: torna Lex Arcana

Dopo 25 anni ritorna sul mercato un gioco di ruolo italiano di culto: Lex Arcana. Un gdr tradizionale, con un’ambientazione tanto affascinante quanto poco utilizzata nel gioco di ruolo: quella dell’antica Roma. In Lex Arcana i giocatori fanno parte di un’unità speciale incaricata dall’imperatore di cercare, studiare e bloccare ogni attività occulta o magica. Per questa ragione fu definito il gioco di ruolo di X-Files ai tempi dell’antica Roma.

Lex Arcana, un gioco di ruolo “classico” ambientato in una ucronica antica Roma nella quale esoterismo, miti e magia non sono solo leggende ma veri e propri pericoli o risorse per l’Impero e dove i giocatori dovranno muovere i loro passi per far si che nulla turbi la gloria di Roma e dell’Imperatore!

Dopo 25 anni ritorna sul mercato un gioco di ruolo italiano di culto: Lex Arcana.
Un gdr tradizionale, con master, personaggi e dadi (dal d4 al d20) e un’ambientazione tanto affascinante quanto poco utilizzata nel gioco di ruolo: quella dell’antica Roma.
In questo particolare setting il master viene chiamato Demiurgo, le caratteristiche dei personaggi Virtutes e le loro abilità Peritiae.. ma a parte questi termini “tecnici” non vi è alcun bisogno di conoscere il latino, per poter giocare!

In Lex Arcana i giocatori rivestiranno i panni dei Custodes della Cohors Auxiliaria Arcana, un’unità speciale della guardia pretoriana incaricata dall’imperatore di cercare, studiare e possibilmente bloccare ogni attività occulta o magica. Per questa ragione sin dalla sua prima uscita sul mercato il prodotto fu definito il gioco di ruolo di X-Files ai tempi dell’antica Roma.

X-Files o se preferite i Man in black, magari non quelli simpatici e scanzonati di Will Smith ma nemmeno quelli minacciosi come il misterioso Smoking Man, l’Uomo che Fuma, che nella serie X-Files ostacolava Fox Murder e Dana Scully.

In Lex Arcana, le leggende e le superstizioni del mondo antico sono vere, del tutto o in parte. Quindi è possibile imbattersi in lamie, arpie e minotauri, stregoni e negromanti..”, ci racconta uno degli autori, Francesco Nepitello.

 

L’Impero Romano è più forte che mai

L’ambientazione storica è al tempo stesso rigorosa e ucronica. Lo spartiacque è l’editto di Caracalla del 212 d.C che concesse cittadinanza romana a tutto l’impero. Da quella data in poi, le vicende di Lex Arcana si discostano da quelle storiche: siamo nel V secolo e l’Impero romano non si è mai diviso né dà almeno in apparenza segni di cedimento. Anzi, il potere politico è più solido che mai, proprio grazie all’apporto delle arti magiche.

Luoghi, nomi, costumi e armi sono rigorosamente storici, in più c’è questo elemento magico che però non è frequente e costante, come in un GdR fantasy alla Dungeons & Dragons, ma è latente eppure molto forte, come nelle prime stagioni del Trono di Spade.

Obiettivo raggiunto in meno di due ore

Il primo Lex Arcana fu pubblicato nel 1993 dalla Dal Negro e gli autori erano già all’ora alcuni dei più grandi nomi del mondo ludico italiano: Leo Colovini, Dario de Toffoli, Marco Maggi e Francesco Nepitello. A gennaio 2018, Quality Games ha annunciato la messa “in cantiere” di nuova versione internazionale, realizzata da due degli autori originali, Maggi e Nepitello, con il coordinamento e la supervisione di Andrea Angiolino, creative director della Quality Games stessa, e a sua volta autore di straordinaria esperienza.

La nuova edizione è stata finanziata tramite una campagna su Kickstarter, in italiano e in inglese, che ha avuto un successo straordinario: l’obiettivo di 20.000 euro è stato raggiunto in novantanove minuti e alla chiusura la somma raccolta è stata di 155.679 euro. Nessun gdr italiano aveva mai raggiunto cifre simili su kickstarter. L’edizione italiana verrà realizzata dalla italiana Need Games.

 

Un Quickstarter come antipasto

Lucca Comics & Games 2018 è stata l’occasione per presentare ufficialmente il titolo, che sarà disponibile a fine giugno 2019 per gli oltre milleseicento backers e a Lucca 2019 per il pubblico, che può comunque avere un assaggio del gioco grazie al set  “quickstarter” scaricabile gratuitamente dal sito di Need Games, che presenta una sintesi delle regole, dell’ambientazione e un’avventura pronta da giocare.

Saranno quattro i volumi in vendita, che spazieranno dal manuale delle regole, ad ambientazioni aggiuntive (con avventure incluse) come quella totalmente inedita sull’antico Egitto, all’Enciclopedia Arcana. Inoltre ci saranno lo Schermo del demiurgo e sono state recuperate e stampate alcune avventure realizzate da grandi autori gdr, fra cui il mitico creatore di Vampiri-The Masquerade Marc Rein Hagen.

 

Un sistema di gioco solido e moderno

Due parole sul sistema di gioco: molte azioni, fra cui ovviamente il combattimento, verranno decise dai lanci dei dadi, che varieranno a seconda di ciò che ci  si accinge  a fare. Fondamentale sarà il grado di successo: ovvero di quanto il tiro dei giocatori dovrà superare (o mancare) il risultato ottimale. In combattimento questo potrà significare attacchi particolarmente riusciti, ma anche il subire ferite gravi: il decidere di risolvere una situazione combattendo non sarà quindi una scelta facile; sarà sempre rischioso e potenzialmente mortale, quindi una decisione da non prendersi alla leggera e sicuramente da non effettuarsi in modo frequente.. pena il rischio di veder morire l’intero party (il TKP, total kill party tanto amato da alcuni master).

Racconta Francesco Nepitello, uno dei autori: “quando ci siamo ritrovati avevamo ipotizzato una serie di modifiche al sistema di gioco: è un titolo che ha più di vent’anni, pensavamo fosse necessario fare aggiornamenti. In realtà non è così, il sistema di gioco era solido ed è rimasto solido, funziona e quasi tutte le modifiche che avevamo ipotizzato si sono rivelate inutili. Abbiamo ampliato l’universo di Lex Arcana senza modificarne le radici. E ci siamo resi conto che era e rimane un gioco perfetto per i neofiti.

 

Cosa c’è di nuovo?

Le novità comunque presenti nel sistema di gioco ce le spiega un altro autore, Marco Maggi: “Maggior distinzione tra Peritiae e Virtutes e il combattimento a mani nude sono due novità che ci sono state richieste proprio dai giocatori. Inoltre abbiamo voluto inserire la Fatica, un parametro che affianca quello dei Punti Vita per aumentare la verosimiglianza e bilanciare in parte il dado.”

Inoltre sono state inserite le Sortes, un meccanismo divinatorio che permette ai giocatori di scoprire qualcosa di più del loro destino durante una missione (non a caso si dice “tentare la sorte”).
Tutta nuova è poi la grafica, con le splendide illustrazioni realizzate da Antonio De Luca e dal suo staff. La cartografia dell’impero romano, altro elemento fondamentale, è stata invece realizzata da Francesco Mattioli noto “pennino” dell’ambiente essendo, fra le altre sue produzioni,  il cartografo ufficiale della saga di libri game e giochi di ruolo Lupo Solitario

Nello staff di Lex Arcana troviamo anche Francesca Garello, archeologa e storica giocatrice di ruolo (“giocavo a D&D già nel 1988“, ci racconta), che da un lato si è preoccupata di verificare la correttezza dei riferimenti storici, artistici e culturali, dall’altra di aiutare gli autori a spiegare il mondo romano agli stranieri. Sì, perché Lex Arcana uscirà, oltre che in italiano, anche in inglese, francese, tedesco, spagnolo e portoghese. E la conoscenza del mondo romano all’estero è molto meno approfondita di quella che abbiamo in Italia, dove teatro romano, foro, Colosseo sono termini condivisi e conosciuti.

 

Un intero universo da giocare

Il ritorno di D&D, l’esplosione del gioco organizzato e l’interesse di fiere e manifestazioni nel volere tavoli di gioco dedicati a questo hobby e premi dedicati a questi prodotti sono tutti elementi che hanno contribuito e al tempo stesso sancito una rinascita del gioco di ruolo in Italia negli ultimi anni.

Siamo in un momento magnifico, il gioco di ruolo sembra essere uscito dal letargo in cui era finito nel passato decennio” racconta Andrea Angiolino. “Per questo abbiamo deciso di proporre un gioco di ruolo tutto italiano al pubblico internazionale, aggiungendo rischio a rischio. L’esito del kickstarter è stato entusiasmante. Vogliamo allargare la comunità di giocatori di Lex Arcana, che ormai abbraccia due generazioni, e soprattutto sviluppare e far crescere questo universo di gioco: vi prometto che ci saranno tante sorprese in futuro, non solo sul fronte gdr.”