Defenders, ecco cosa non ha funzionato secondo Charlie Cox

The Defenders, la serie TV che ha riunito tutti i super eroi Marvel di Netflix, Daredevil, Luke Cage, Iron Fist e Jessica Jones, non ha avuto il successo sperato, né di critica né di pubblico, eppure le premesse c'erano tutte.

Un buon cast, buoni personaggi che nella maggior parte dei casi hanno avuto anche ottimi riscontri - si pensi soprattutto alle due stagioni del diavolo di Hell's Kitchen e alla prima di Jessica Jones - e un cast tecnico che ha fatto vedere buone cose. Cosa non ha funzionato allora? Ha provato a spiegarlo Charlie Cox, il protagonista di Daredevil, in una recente intervista con Metro.

Secondo Cox fondamentalmente gli sceneggiatori hanno cercato di prendersi il tempo necessario affinché quattro personaggi così diversi tra loro si potessero incontrare e amalgamare in modo credibile. "‎Penso che quello che abbiamo scoperto con ‎‎The Defenders‎‎ è che c'era troppa carne al fuoco da gestire all'interno di soli otto episodi", ha spiegato Cox.

"Far incontrare queste quattro persone in modo organico, impostare una trama, risolverla e introdurre un nuovo cattivo in otto episodi era troppo. La prima parte della stagione quindi è parsa troppo lenta perché si voleva far incontrare queste persone in modo credibile e non semplicemente attorno a un tavolo nel primo episodio. Ma poi, quando ciò è successo, erano rimasti solo tre episodi".

defenders

Nonostante questo Cox, che il 19 ottobre esordirà con l'attesissima terza stagione di Daredevil, non crede che sia tutto da buttare. "Mi piacerebbe rivederla ancora, se avranno intenzione di farla. Credo sarebbe molto divertente. Mi piacerebbe però vedere una storia più in linea con quelle delle altre serie che facciamo, un po' più coi piedi a terra [...] Non credo che dovremmo competere con gli Avengers. Mi piacerebbe invece vedere i Defenders in un crime drama ambientato a Hell's Kitchen".

Come dare torto al buon Charlie? In fondo appunto i Defenders sono molto diversi dagli Avengers, sono supereroi di quartiere per così dire, che non si occupano di minacce di portata galattica come Thanos, ma combattono il crimine, e cercano di tenere la sicuro il proprio quartiere e la gente che lo abita da delinquenti e super criminali.

Jeph Loeb a capo della divisone Marvel per la TV, raggiunto da Entertainment Weekly in merito alla notizia che non ci sarà alcuna stagione dei Defenders, ha voluto lasciare comunque uno spiraglio aperto. "No, tutto ciò che abbiamo detto è che al momento non ci sono piani per fare una seconda stagione. Ciò non significa che la cosa non sarà presa in considerazione e non significa nemmeno che dovrà vedere per protagonisti per forza gli stessi super eroi della prima stagione", ha infatti affermato.

defenders 2

"Ci sono molti Avengers e allo stesso modo possono esserci molti Defenders. Nessuno del resto si è mai riferito a loro col termine Defenders, non hanno una piccola D sulla cintura né vivono in un palazzo con su scritto Defenders a caratteri cubitali", ha concluso. E voi cosa ne pensate, vi piacerebbe vedere una nuova stagione dei Defenders o siete stufi di esperimenti?


Tom's Consiglia

Appassionati di Daredevil? Nella vostra collezione di gadget non può mancare questa bellissima action figure Marvel del diavolo di Hell's Kitchen in posa plastica.

Pubblicità

AREE TEMATICHE