Hot topics:
2 minuti

Il destino di Mediaset Premium cambierà alle 17:00

Oggi alle 17:00 il board di Mediaset dovrebbe dare l'ok allo scambio azionario con Vivendi. In pratica i francesi metteranno le mani anche su Mediaset Premium.

Il destino di Mediaset Premium cambierà alle 17:00

Il destino di Mediaset Premium è segnato: alle 17:00 Fedele Confalonieri, Pier Silvio Berlusconi e gli altri componenti del board dovrebbero confermare l'intesa con Vivendi. Tutte le fonti stampa parlano di trattativa ultimata. In pratica i due colossi dei media effettueranno uno scambio azionario - presumibilmente del 3,5% - e di governance.

La quota azionaria francese vale circa 720 milioni di euro in più rispetto a Mediaset, di conseguenza circa l'89% di Mediaset Premium finirà sotto il controllo di Vivendi. L'obiettivo per la società di Cologno Monzese è di mantenere un piede nel settore pay senza svenarsi ulteriormente

berlusconi
Piersilvio Berlusconi

D'altronde Mediaset Premium ha chiuso il 2015 con un fatturato di 640,95 milioni di euro, 755,8 milioni di costi, un risultato operativo negativo di 114,84 milioni e una perdita di 83,88 milioni. Considerati i diritti della Champions League, che sono costati quasi 1,7 miliardi, nella migliore delle ipotesi solo nel 2018 potrebbe profilarsi un utile netto.

Vivendi punta a creare una piattaforma Pay europea unica mettendo insieme Canal Plus, Watchever e appunto Mediaset Premium. Con tutte le forze in campo dovrebbe riuscire a sviluppare contenuti (film e serie tv), servizi video-on-demand avanzati e tutto ciò di cui vi è bisogno per contrastare l'ascesa di Sky e dei concorrenti statunitensi come ad esempio Netflix.

Non meno importante l'eventuale sinergia con Telecom Italia - di cui Vivendi detiene il controllo oggi ancora piuttosto neutrale nei confronti dei fornitori di contenuti. Il colosso italiano dispone della piattaforma streaming TimVision, ma ha anche accordi con Sky, Mediaset e Netflix.

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Streaming and TV?
Iscriviti alla newsletter!