Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:

Scegliamo la console portatile in base alle nostre abitudini.

Portabilità, continua

L'iPod Touch ha solo quattro pulsanti fisici, e tutta l'interfaccia di controllo sta nello schermo tattile. Il pulsante home riporta alla schermata principale e permette di aprire quella selezionata. Poi ci sono i tasti per controllare il volume e quello per attivare lo standby. Sull'iPhone è presente anche un interruttore per attivare/disattivare la vibrazione, e una presa jack da 3,5 mm per cuffie o headset con microfono, accanto all'alloggio per la SIM. Sull'iPod, invece, la presa per le cuffie è nella parte inferiore, accanto al connettore multifunzione.

Come la PSP Go l'iPod si collega al computer con un cavo proprietario. In questo caso il problema è un po' più contenuto, perché ce ne sono molti in circolazione, ma resta una scelta che non condividiamo. L'altoparlante integrato è di buona qualità, e il volume massimo accettabile, come con il DSi o la PSP Go, e senza distorsioni rilevanti. Qualunque cosa facciate, è comunque meglio usare le cuffie se volete una qualità audio accettabile.

Clicca per ingrandire.

L'iPod non ha un microfono integrato, ma potete usare un headset completo per sfruttare i comandi vocali, da usare per cambiare canzone, cercare tracce simili a quella che state ascoltando o selezionare un determinato artista o album. Sarebbe interessante avere anche la possibilità di aprire le applicazioni con la voce e, in generale, ci piacerebbe che Apple sfruttasse di più questa possibilità.

L'autonomia, sia per l'iPhone che per l'iPod, è eccellente: si arriva a 30 ore di riproduzione musicale e 10 di riproduzione video. In generale l'iPhone fa molto meno, perché costantemente collegato a una rete dati, che consuma ulteriormente. Entrambi i dispositivi non hanno una funzione di spegnimento totale, ma solo quella di risparmio energetico.

Le ridotte dimensioni dell'iPod lo rendono molto facile da tenere in mano. Ogni applicazione è un mondo a sé, ma tutte quelle Apple funzionano sia in modalità ritratto che panoramica.

Pagina precedente

Giocare con l'iPod Touch 3G

Come dicevamo Apple loda l'iPod Touch come console da gioco portatile, ma non è un vero concorrente diretto del Nintendo DSi o della PSP Go, per due ragioni principali: la mancanza di tasti fisici e la limitata presenza di titoli di alto livello.

Chiunque lo desideri, d'altra parte, può acquistare l'SDK per iPod e creare un gioco per questa piattaforma, e venderlo a qualsiasi prezzo, oppure regalarlo. Questa situazione ha portato a una grande abbondanza di applicazioni disponibili, ma i giochi di qualità sono comunque pochi. E per di più sono difficili da trovare in un mare di titoli più o meno discutibili.

Alcuni sviluppatori importanti hanno comunque deciso di essere presenti sulla piattaforma Apple, come EA o Capcom. EA ha inserito sull'AppStore diversi titoli che possiamo inserire nel genere "Casual Games", ma anche alcuni giochi più impegnativi: ci sono Sudoku, Spore, Monopoly, Madden 10, Tetris e altri. Capcom ha scelto invece la via dei classici, portando sull'iPod titoli come Resident Evil 4. Anche Sega è della partita.

Aziende più piccole, però, hanno dato vita a giochi interessanti. NGmoco, per esempio, ha creato titoli famosi come Rolando o GeoDefense, tra gli altri. In molti casi i titoli per iPhone e iPod, proprio in ragione di questa situazione, non sono disponibili su DSi o PSP.

La maggior parte dei giochi disponibili per iPod sono puzzle, perché sono facili sia da creare che da controllare, particolarmente con lo schermo. I giochi più seri, come Madden 10 o Doom Resurrection funzionano, ma la mancanza di pulsanti è un problema che tiene lontani molti giocatori. Capcom ha tentato la strada dei pulsanti virtuali sullo schermo: funziona, ma non per lunghe sessioni di gioco, mentre titoli più semplici non stancano il giocatore, che può andare avanti per ore.

Al momento ci sono diverse compagnie che stanno lavorando su un controller di gioco per iPhone e iPod Touch, ma non ci sono prodotti pronti per il mercato, e lo stesso vale per nuove forme di gioco, che possano sfruttare al meglio questo dispositivo. Probabilmente passerà ancora qualche tempo prima di vedere qualche cambiamento.

iPod Touch 3G e iPhone 3GS: funzioni multimediali

L'iPod Touch nasce prima di tutto come riproduttore multimediale, e in questo dà il meglio di sé, lasciando nella polvere sia il Nintendo DSi che la Sony PSP Go. L'audio e il video hanno una qualità eccellente, che fanno sembrare giocattoli i concorrenti, e lo stesso vale per le fotografie e la gestione delle playlist (liste di riproduzione).

L'iPhone, grazie al microfono integrato e alla fotocamera, permette anche di registrare video (solo il 3GS, a meno d'installare firmware alternativi) e di scattare fotografie. L'iPhone 3GS ha una fotocamera da 3 MP di buona qualità, con messa a fuoco manuale, che permette di giocare e divertirsi con questo strumento.

L'Pod Touch può però riprodurre solo alcuni formati video, e la maggior parte di quelli audio. Di fatto è molto difficile, quasi impossibile per un utente comune, aggiungere all'iPod video di origini diverse da quelle previste. È un dispositivo chiuso e se volete aggiungere elementi che non provengano da iTunes, dovrete convertirli manualmente, affrontando un processo non immediato e che richiede anche molto tempo (in base alla quantità di dati da elaborare).

L'iPod Touch ha, probabilmente, il miglior browser portatile in circolazione. La scrittura all'inizio è difficile, ma quando ci si abitua alla tastiera a schermo si scrive velocemente e senza intoppi. Il programma di posta elettronica integrato permette di spedire e ricevere messaggi da ogni account, ammesso che si abbia sempre una connessione disponibile. Tra le funzioni addizionali torneranno utili la calcolatrice, l'orologio multi fuso orario (che include allarmi e cronometri), Google Maps e bussola.

Continua a pagina 17
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!