Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
36 minuti

Scegliamo la console portatile in base alle nostre abitudini.

Nintendo DSi: funzioni multimediali

Il Nintendo DSi è la prima console di questo produttore a supportare la riproduzione di musica e fotografie (con i modelli precedenti bisogna ricorrere ad espedienti al limite della legalità). Il lettore di schede SD permette di archiviare fino a 8 GB di musica, mentre le due fotocamere VGA (640x320) permettono di scattare fotografie con molta facilità. Si possono registrare anche clip audio, fino a 10 secondi di lunghezza, sfruttando il microfono integrato.

Clicca per ingrandire.

Il sistema per la riproduzione audio non è molto semplice. Tutta la musica deve essere salvata sulla scheda SD con un lettore esterno e un computer, perché non è possibile collegare direttamente il DSi. I file devono essere ben organizzati, ma poi potrete godervi una qualità audio ottima, del tutto comparabile a quella di altri dispositivi multimediali in commercio. Naturalmente la qualità delle cuffie usate gioca un ruolo importante, e dovrete sceglierle con attenzione se pensate di usare il DSi per ascoltare regolarmente musica.

Durante l'ascolto della musica si possono sfruttare alcune funzioni curiose: è possibile, per esempio, accelerare o rallentare la riproduzione, e regolare l'equalizzazione, o suonare una serie di strumenti digitali mentre ascoltate la vostra musica preferita. Ci sono anche ottime animazioni, da visualizzare durante l'ascolto.

L'ascolto della musica è possibile con la relativa applicazione, ed è escluso durante il gioco, o mentre si usano altre applicazioni. Non è nemmeno possibile ascoltare musica in movimento, perché appena si chiude il DSi si attiva la modalità di risparmio energetico, e la riproduzione s'interrompe. Il DSi non supporta il formato MP3.

Clicca per ingrandire.

Entrambe le fotocamere sono di bassa qualità, e creano immagini con una risoluzione massima di 640x480. Quella esterna si trova in un angolo della copertura superiore, mentre quella esterna è accanto al microfono, proprio sulla cerniera tra i due schermi. Le immagini create non sono un granché, ma sono accettabili se le guardate sullo schermo del DS.

Il DSi offre molte funzioni relative alle immagini, a cominciare dalla possibilità di modificarle in tempo reale. Integrate nel software ci sono funzioni di distorsione, riflessioni e persino il riconoscimento dei volti, anche se il loro funzionamento non è così snello e scorrevole come si vede dagli spot. Ci sono molte opzioni per la modifica, e con il DSi si possono passare molte ore giocando con le fotografie. Il DSi permette di caricare le immagini direttamente sul proprio profilo Facebook.

Le applicazioni del DSi sono limitate, e in sostanza si riassumono in calcolatrici e allarmi. La relativa scarsità del negozio online (ma potrebbe migliorare) e le limitazioni dell'hardware, inoltre, fanno credere che difficilmente vedremo applicazioni più avanzate in tempi brevi.

La navigazione Internet è semplice e l'uso del doppio schermo rende quest'attività piuttosto comoda. Le pagine però si caricano lentamente, e navigare all'interno di un sito è faticoso. La versione di Opera installata non supporta la tecnologia Flash, quindi niente YouTube. Nell'insieme un'esperienza da evitare, se possibile.

Pagina precedente

Nintendo DSi: negozio online e prezzo

Il negozio del DSi, il DSiWare, è visitabile solo con il DSi collegato a Internet tramite una rete Wi-Fi. Il DSiWare usa un sistema di punti simile a quello della Wii o della Xbox360: ogni punto, in questo caso, equivale a un centesimo di euro. Giochi e applicazioni sono divisi in quattro categorie di prezzo: gratuito, 200 punti (2 euro), 500 punti (5 euro) e 800+ punti (8 euro o più).

Abbiamo trovato la navigazione piuttosto lenta. Per ogni pagina potete vedere al massimo due elementi, ma per ora non è un gran problema, perché il totale di prodotti disponibili è ancora basso. Gli elementi scaricati saranno salvati sulla scheda SD.

Il negozio permette di fare acquisti in due modi: con la carta di credito oppure grazie a tessere speciali che potete acquistare nei negozi. Le informazioni dell'acquirente non vengono salvate, quindi dovrete reinserirle ogni volta che decidete di comprare qualcosa. Piuttosto noioso.

Il DSiWare non è molto d'aiuto nemmeno per quanto riguarda l'aggiornamento del firmware. Non c'è traccia degli aggiornamenti da nessuna parte, né c'è un sistema di notifiche. Eppure la console deve essere aggiornata regolarmente per poter scaricare e giocare con i titoli più recenti.

Prezzo

Il Nintendo DS Lite e il DSi sono prodotti direttamente dall'azienda. Il vecchio modello si trova oggi per meno di 100 euro, con un po' di fortuna, ma ce ne sono sempre meno in circolazione. Il DSi si trova usato a partire da circa 110 euro, mentre nuovo ne costa circa 180, più o meno quanto costava il DS Lite nuovo, prima che uscisse il DSi. La batteria del DSi, inoltre, costa meno di quella del DS: è un aspetto importante, se si tiene in considerazione che la batteria del DS, mediamente, dura due anni e poi deve essere sostituita.

Clicca per ingrandire.

Possiamo raccomandare il DSi rispetto al DS Lite, soprattutto per i più giovani, che certamente apprezzeranno la fotocamera e le relative funzioni, così come quelle multimediali. Il Nintendo DSi resta una console per tutti, capace d'intrattenere in tanti modi diversi, e per molto tempo. A questo si deve il suo successo.

PSP Go

La PSP di Sony è il concorrente più solido del Nintendo DS, e anche quello di più vecchia data. Parte della sua forza sta nella potenza bruta e nelle sue funzioni multimediali. Il modello principale è uguale a sé stesso da tempo, ma è la recente PSP Go il prodotto a cui guardare.

Portabilità

La PSP Go è più piccola sia rispetto al DSi che alla PSP. Rispetto al modello precedente la Go ha quasi l'aspetto di un giocattolo ma, sebbene sia piccola e leggera, non è fragile. Resta, probabilmente la meno solida console portatile in circolazione, e dà un'impressione "plasticosa".

Clicca per ingrandire.

La finitura lucida è simile a quella del DS Lite e della PSP, e come questi modelli è molto sensibile alle ditate. Sulla parte posteriore due fasce di gomma migliorano la presa, sempre sicura anche grazie al peso e alle dimensioni contenute.

La PSP Go usa un sistema a scorrimento per nascondere il comandio, quindi chiusa è davvero piccolae molto comoda da tenere in tasca. I controlli per la luminosità, quello del volume, il tasto home, i grilletti destro e sinistro, il pulsante del Wi-Fi e quello per l'alimentazione sono accessibili anche quando la console e chiusa, mentre aprirla dà accesso ai controlli di gioco veri e propri.

Come la PSP standard, la PSP Go usa un interruttore a scatto per controllare Wi-Fi e accensione, ai lati sinistro e destro, rispettivamente. La PSP Go può essere messa in modalità di risparmio energetico in un attimo, agendo velocemente sul tasto di accensione. Tenerlo nella posizione alta più a lungo, invece, porta allo spegnimento della console. Sopra all'interruttore per il Wi-Fi c'è uno slot per Memory Stick Micro, che può ospitare schede fino a 16 GB che si aggiungono ai 16 GB interni di questa console.

Clicca per ingrandire.

I controlli per luminosità e volume sono nella parte superiore della PSP Go, e non è molto facile usarli quando la console è aperta, perché sono inseriti nella parte fissa. Purtroppo sono l'unico modo per controllare questi elementi, quindi durante il gioco potrebbe anche passare la voglia di modificare il volume o cambiare la luminosità.

Continua a pagina 7
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!