ENI, stangata da 1,8 mln di euro per scorretta fatturazione

Lo scorso 5 luglio l'AGCM (Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato) ha chiuso il procedimento di inottemperanza alla Delibera dell'Autorità del 11 maggio 2016 (PS9542) a carico di Eni Gas e Luce SPA, accertandone la reiterazione di un'inadeguata gestione delle istanze dei consumatori relative alla fatturazione dei consumi di elettricità e gas, a fronte del contemporaneo avvio dell'attività di riscossione. A seguito di questa decisione ha irrogato a Eni Gas e Luce una sanzione da 1 milione e 800 mila euro.

Il provvedimento dell'Autorità è partito come sempre dalle numerose segnalazioni con le quali, a decorrere dalla seconda metà del 2017, molti consumatori hanno continuato a lamentare problematiche connesse alla fatturazione dei consumi di ingente importo ("maxi conguagli"), riguardanti periodi di consumo superiori anche a cinque anni dalla data di emissione della fattura, emerse specialmente nell'ambito delle attività di recupero crediti effettuate da Eni Gas e Luce nel corso del 2017.

eni gas luce ctv000 600x381

Le segnalazioni degli utenti riguardavano inoltre la fatturazione di importi erronei o non correttamente stimati, le rettifiche tardive dei consumi fatturati, anche prescritti, l'omessa acquisizione delle letture o delle autoletture; l'incompletezza e/o l'inesattezza dell'informativa in bolletta.

Nel corso del procedimento, Eni Gas e Luce ha assunto importanti iniziative a favore dei consumatori, decidendo di riconoscere automaticamente la prescrizione dei pagamenti delle bollette, tutte le volte in cui la mancata fatturazione dei consumi, entro due anni, sia riconducibile alla responsabilità della Società. Negli altri casi, su istanza del consumatore, l'azienda ha deciso di riconoscere la prescrizione biennale decorrente dal consumo di elettricità e gas, come previsto dalla Legge di Bilancio 2018 (L. n.205/2017) e dalle delibere ARERA del 2018.

Eni Gas e Luce inoltre ha presentato importanti misure migliorative in tema di fatturazione e di gestione delle situazioni critiche dei reclami, al fine di superare, anche retroattivamente, le criticità emerse nel corso del procedimento. Proprio in considerazione della rilevanza delle iniziative assunte da Eni, in particolare per quanto riguarda il superamento del fenomeno dei "maxi conguagli", l'AGCM ha deciso di ridurre significativamente la sanzione da irrogare, portandola appunto a 1milione e 800 mila euro.

Pubblicità

AREE TEMATICHE