ESA produce mattoni con la polvere di Luna

L'Agenzia Spaziale Europea sta tentando di costruire mattoni con la polvere di Luna, da usare in futuro per la costruzione di habitat sul nostro satellite naturale. La notizia assume ancora più interesse dopo l'annuncio NASA del ritrovamento di prove incontrovertibili della presenza di ghiaccio d'acqua sulla superficie lunare, in corrispondenza dei poli.

L'idea è alla base di una ricerca fondata sull'impiego di simulanti della polvere lunare, ossia quella polvere grigia, fine e ruvida che è fonte di preoccupazione per la salute di astronauti ed eventuali futuri coloni e che diede il titolo al futuristico ed eccellente romanzo di Arthur C. Clarke. Cercando di convertire un problema in un'opportunità, gli scienziati stanno quindi cercando di sfruttare la materia prima più abbondante sulla Luna per ricavare materiale da costruzione.

Mattine lunare da 1,5 tonnellate  Crediti ESA
Blocco dinostrativo da 1,5 tonnellate. Crediti: ESA

"I mattoni lunari saranno fatti di polvere" dichiara infatti Aidan Cowley, consulente scientifico dell'ESA con una vasta esperienza nel trattare il suolo lunare. "Si possono creare blocchi solidi per costruire strade e piattaforme di lancio, o habitat adatti a proteggere gli astronauti dal difficile ambiente lunare".

Polvere di Luna "made in Europe"

I ricercatori vedono nella polvere lunare un buon punto di partenza per costruire un avamposto lunare permanente, perché il suolo lunare è costituito da un materiale basaltico ricco di silicati, comune nei corpi planetari su cui sono stati o sono attivi fenomeni di vulcanismo. Aidan a proposito spiega che "la Luna e la Terra condividono una storia geologica comune, e non è difficile trovare nei resti di colate laviche terrestri materiale simile a quello presente sulla Luna".

In particolare, gli scienziati hanno trovato quello che gli occorreva in una regione vicina a Colonia (Germania), dove circa 45 milioni di anni fa ci furono delle eruzioni. Nella zona abbonda la polvere vulcanica, che è simile alla polvere lunare. Per gli esperimenti è quindi stato usato questo sostituto della polvere lunare, una sorta di polvere lunare "made in Europe" a cui è stato assegnato il nome EAC-1. Usando questo simulante della polvere lunare, i ricercatori dell'iniziativa Spaceship EAC stanno cercando di sviluppare dei concept per la costruzione di habitat lunari.

I mattoni non sono l'unico obiettivo, perché come spiega Aidan "uno dei grandi punti a favore del suolo lunare è che è costituito per il 40% da ossigeno". Fra i progetti di Spaceship EAC c'è quindi uno studio per capire come estrarre l'ossigeno e usarlo per supportare gli astronauti nella loro permanenza sulla Luna.

La componente magnetica

Come avevamo accennato in altri articoli, un'altra particolarità del suolo lunare è che la polvere viene caricata elettrostaticamente dal bombardamento costante di radiazioni. L'effetto più evidente è che le particelle di polvere si sollevano più facilmente dalla superficie. Potrebbero esserci altri "effetti collaterali" ma non li conosciamo; Erin Tranfield dell'ESA spiega infatti che dobbiamo ancora comprendere appieno la natura elettrostatica della polvere.

Base lunare stampata in 3D
Base lunare stampata in 3D. Crediti: ESA/Foster + Partners

In dettaglio sono da approfondire la carica chimica, e tutte le conseguenze che l'impiego di questo materiale potrebbe avere sulle costruzioni. Al momento i tecnici stanno cercando di ricreare il comportamento della polvere lunare in un ambiente di radiazioni, ma per un lavoro accurato è necessario tornare sulla Luna e "prelevare campioni incontaminati dalla superficie esposta all'ambiente di radiazione".

Bastano anche solo pochi grammi  di polvere lunare, ma ben sigillati. Qualcuno si offre volontario per recuperarla?


Tom's Consiglia

La Luna fu protagonista del periodo più esaltante della conquista dello Spazio. Per ripercorrere questa epopea leggete il libro Gli anni della Luna di Paolo Magionami.

Pubblicità

AREE TEMATICHE