Hot topics:
3 minuti

Esplosioni Galaxy Note 7, Samsung spiega i motivi

Samsung ha capito perché il Galaxy Note 7 esplodeva o prendeva fuoco: all'origine difetti specifici sia delle prime batterie che quelle sostitutive.

Esplosioni Galaxy Note 7, Samsung spiega i motivi

Due richiami e mesi di indagini hanno permesso a Samsung di determinare quello che è successo al Galaxy Note 7, uno smartphone bellissimo ritirato dal mercato perché pericoloso per i consumatori: poteva prendere fuoco o addirittura esplodere.

Galaxy Note 7

Sono due i problemi che hanno trasformato il Note 7 in una "bomba a orologeria". La batteria sulle prime unità messe in commercio - realizzata dalla sussidiaria Samsung SDI - aveva un difetto di progettazione nell'angolo superiore destro che poteva provocare corto circuiti e di conseguenza l'instabilità termica all'origine di esplosioni e incendi.

Samsung ha condotto l'indagine con uno staff dedicato di 700 persone e ha messo alla prova 200.000 smartphone e ulteriori 30.000 batterie, commissionando anche indagini esterne a tre aziende - UL, Exponent e TUV Rheinland - che sono giunte alle medesime conclusioni del team interno.

samsung note7 infografica difetti intro
Clicca sull'immagine per aprire l'infografica in cui Samsung spiega i difetti delle batterie del Note 7 nel dettaglio

Secondo Exponent, danni "non intenzionali erano presenti in tutte le celle esaminate da Samsung ed Exponent". Questo significa che i primi Galaxy Note 7 messi in commercio erano tutti, o quasi, difettosi. Qualcosa che dovrebbe tenere presente quel quasi 4% di consumatori che non ha ancora restituito lo smartphone - Samsung ha recuperato oltre il 96% dei Note 7 venduti.

C'è anche un secondo fattore che ha contribuito ai problemi sulla prima batteria: gli elettrodi negativi erano troppo lunghi e questo li portava a piegarsi sul lato lungo della batteria.

Le batterie usate per le unità sostitutive (prodotte da Amperex Technology), invece, avevano un problema differente: un difetto nella saldatura. Il normale ciclo di espansione e contrazione degli elettrodi durante la carica e scarica portava ai punti di saldatura a grattare contro l'isolante posto tra i layer della batteria, portando alla rottura dell'isolante e al corto circuito della batteria. Come se non bastasse, in alcune di queste batterie mancava anche il nastro isolante.

processo sicurezza batterie samsung
Otto misure di sicurezza per evitare che gli smartphone Samsung del futuro abbiano i problemi del Note 7, clicca per ingrandire

Comprese le cause, Samsung ha affermato di aver messo a punto nuove linee guida per creare batterie sicure, ha aggiornato il controllo di qualità e formato un comitato consultivo esterno, costituito da ricercatori e accademici di Cambridge, Berkeley e Stanford che darà preziosi consigli sulla sicurezza delle batterie.

Il nuovo processo di controllo della sicurezza su 8 punti include diverse delle tecniche d'indagine usate per scovare i difetti delle batterie del Note 7, come l'uso di macchinari ai raggi X e il disasseblaggio fisico delle batterie. Samsung lavorerà inoltre anche sul lato software, con "algoritmi migliori" a governare il comportamento delle batterie.

misure sicurezza smartphone samsung

Da questa vicenda Samsung ha perso 5 miliardi di dollari di utili, ma non solo: l'azienda ha confermato che il Galaxy S8 non sarà presentato Mobile World Congress 2017 che prenderà il via il 27 febbraio, al contrario dei precedenti Galaxy S. Probabilmente questa indagine ha rimesso in discussione tutta la progettazione del nuovo smartphone, portando a uno slittamento a data da destinarsi.

Samsung Galaxy S7 da 32 GB Samsung Galaxy S7 da 32 GB
  
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Smartphone Android?
Iscriviti alla newsletter!