Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
2 minuti

Facebook registra profitti da record grazie alla pubblicità

Il 2015 è stato un anno da incorniciare per il colosso dei social media, sia per la crescita degli utenti che per i risultati finanziari particolarmente convincenti. Il merito è anche del mobile e della pubblicità sugli smartphone.

Facebook registra profitti da record grazie alla pubblicità

Facebook ha chiuso un 2015 da record, con una crescita costante in ogni ambito. Infatti, oltre ad un aumento degli incassi pari al 44% rispetto al 2015, l'aumento degli utenti attivi supera il miliardo di persone, mentre su mobile si registrano valori molto simili, 934 milioni e un salto del 25% rispetto all'anno precedente.

Ma i numeri non bastano a spiegare l'enorme successo registrato dalla piattaforma di Mark Zuckerberg, perché il segreto dietro di essi sta nell'abilità di Facebook di trarre profitti dagli utenti. Infatti, nonostante l'iniziale spostamento su mobile delle persone iscritte al social fosse stato abbastanza difficoltoso, oggi Facebook è diventato leader in quest'ambito.

facebook2

A rivelarsi vincente è stata la combinazione della tradizionale pubblicità mirata e quella che invece invita gli utenti a installare altre applicazioni, con soprattutto quest'ultima che si è dimostrata particolarmente redditizia. E più sono gli utenti attratti, più il sistema assume una rilevanza incisiva: basti pensare che nell'ultimo trimestre del 2015 Facebook ha incassato 13,54 dollari per ogni persona connessa al social, rispetto ai 9 dollari del 2014 nello stesso periodo di riferimento.

Una crescita significativa se rapportata anche al numero di utenti, peraltro anch'essi in crescita nell'ultimo anno. "Il 2015 è stato un anno straordinario per Facebook", ha affermato Zuckerberg, "la nostra community sta crescendo e il nostro business è in ascesa. Continueremo a investire per offrire il miglior servizio ai nostri utenti, costruire il nostro business e connettere il mondo". 

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Tecnologia?
Iscriviti alla newsletter!