Hot topics:
News su Black Friday 2017
3 minuti

Fatturazione mensile, spunta il sub-emendamento pro lobby

L'emendamento Esposito per il ritorno alla fatturazione mensile potrebbe essere "addolcito" con un sub-emendamento che prevede applicazioni limitate.

Fatturazione mensile, spunta il sub-emendamento pro lobby

L'emendamento che dovrebbe consentire di tornare alla fatturazione mensile è in lavorazione al Senato, ma è spuntato un sub-emendamento degli alfaniani di Alternativa Popolare che potrebbe alleggerire la pillola agli operatori.

Oggi La Repubblica spiega che la norma "salvabollette" sarebbe al centro di un braccio di ferro tra politica e lobby. Alternativa Popolare propone di limitare il ritorno al passato solo ed esclusivamente ai contratti telefonici consumer in abbonamento e non a quelli con prepagata - il 90% del mercato - e i business. Una voragine, considerato che in Italia ci sono 4,4 milioni di partita IVA.

senato

"In merito alle voci secondo le quali ci sarebbe un tentativo di emendare la proposta che abbiamo condiviso con il Governo per superare definitivamente la 'truffa' delle bollette a 28 giorni, ribadiamo quanto già detto nelle scorse settimane: il testo dell'emendamento Esposito contiene tutte le garanzie e supera tutte le preoccupazioni espresse dalle associazioni dei consumatori per garantire la bollettazione a 30 giorni", rispondono oggi il senatore Stefano Esposito e l'onorevole Alessia Morani.

Leggi anche: Fatturazione a 28 giorni, ecco l'emendamento che risolve

"Sia chiaro che qualunque tentativo di annacquare il provvedimento da parte di altre forze politiche non sarà accettato. Chi vuole continuare a permettere che le grandi compagnie lucrino due miliardi di euro l'anno sulle tasche dei consumatori se ne assuma la responsabilità. Noi non lo acconsentiremo".

Il rischio che la novità venga applicata ai soli operatori TLC e pay-TV dovrebbe essere scongiurato dal testo di Esposito che prevede obblighi per tutti i contratti di fornitura di pubblica utilità - quindi telefonia, Internet, gas, energia, etc. Però lo stesso sub-emendamento ritorna sulla questione riducendo l'applicazione ai soli contratti telefonici e mantenendo fuori quelli degli altri servizi come ad esempio energia e gas.

Le uniche certezze riguardano la transizione rapida al nuovo sistema di fatturazione (90 giorni dalla conversione in legge del decreto), la restituzione delle somme "indebitamente percepite" (non quelle passate) e indennizzo di 50 euro in presenza di "fatturazione illegittima".

Nel frattempo bisogna registrare l'ok al ritorno alla vecchia fatturazione mensile da parte di TIM, Vodafone, Fastweb e Wind Tre. Ormai hanno desistito, ma si parla comunque di 2018. Fermo restando il fatto che l'aumento di circa l'8% registrato con i 28 giorni non verrà mai restituito.

Aggiornamento. La Commissione Bilancio del Senato ha approvato l'emendamento del relatore Silvio Lai (PD) al DL Fiscale che stabilisce che la fatturazione dei servizi va fatta su base mensile o multipli del mese a esclusione di quella promozionale non rinnovabile e inferiore al mese.

Gli operatori dovranno adeguarsi entro 120 giorni e in caso di violazioni è previsto il rimborso dei clienti. Le sanzioni sono previste da un minimo di 240mila euro a un massimo di 5 milioni di euro.

L'obbligo riguarderà esclusivamente le società telefoniche, TV e Internet poiché come ha spiegato il relatore, i fornitori di energia e gas basano la fatturazione sui consumi e non su un arco temporale.

Inoltre l'emendamento stabilisce che i provider dovranno dichiarare se la fibra ottica arriva al domicilio o solo alla centrale.

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Telco?
Iscriviti alla newsletter!