Hot topics:

Film in 3D senza occhiali sulle nostre TV grazie al MIT

I ricercatori del MIT dopo aver messo a punto un'innovativa tecnologia che consente di guardare contenuti in 3D senza gli occhiali hanno annunciato di aver messo a punto un algoritmo che ne consente l'utilizzo sulle TV di prossima generazione.

Film in 3D senza occhiali sulle nostre TV grazie al MIT

I ricercatori del MIT sono instancabili. Dopo aver messo a punto lo scorso anno una tecnologia ribattezzata Cinema 3D, che consentirebbe di guardare i film al cinema senza bisogno dei fastidiosi occhialini, sono ora pronti a portarla anche sulle TV di prossima generazione. Nasce così Home 3D.

3d effect

Lo scorso anno i ricercatori del CSAIL (Computer Science and Artificial Intelligence Lab), in collaborazione col Weizmann Institute of Science di Israele, avevano messo a punto un'interessante tecnologia di visualizzazione pensata soprattutto per le sale cinematografiche, chiamata Cinema 3D. La tecnologia è innovativa perché consente piena libertà, ma richiede un complesso impianto di specchi, non replicabile in casa. Ora però c'è la soluzione, un algoritmo che combina le immagini stereoscopiche trasformandole in multiscopiche.

Cinema 3D è infatti un sistema "multiview" in cui cioè sono proiettate tre o più immagini per ogni singola scena, al fine di ricostruire l'effetto tridimensionale a prescindere dai movimenti della testa dello spettatore. I televisori 3D senza occhiali attuali invece si basano su immagini stereoscopiche e richiedono una certa fissità da parte dello spettatore.

Leggi anche: Cinema 3D del futuro senza occhiali grazie al MIT

Attualmente Home 3D può già girare su qualsiasi cosa abbia una GPU, come ad esempio una console, ma in futuro i ricercatori sono convinti di poter integrare il tutto in un unico chip che potrà essere integrato nelle TV o nei dispositivi di streaming tipo Chromecast. E le TV? Attualmente esistono già dei modelli cosiddetti "automultiscopici" che sarebbero adatti alla nuova tecnologia e che invece attualmente non sono diffusi perché incompatibili appunto con i formati utilizzati al cinema o per la TV. L'algoritmo del MIT dovrebbe quindi fare da anello di congiunzione, consentendo di portare il formato attuale su una nuova tipologia di prodotti.


Tom's Consiglia

Il 3D non fa per voi? date un'occhiata a questa TV Samsung UE50KU6072U 50" 4K.

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Televisori e Proiettori?
Iscriviti alla newsletter!