Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
3

Film iTunes che sembrano Blu-Ray, in metà spazio

Il nuovo formato video di iTunes non è esattamente un Full-HD, ma a 1980x798 riesce a dare una qualità vicina a quella di un Blu-Ray, con un file grande meno della metà. Insieme ad AirPlay e all'integrazione con iOS, oggi la Apple TV a 109 euro è ancora più interessante.

Apple ha recentemente aggiornato iTunes e aggiunto i film in alta definizione (1920x798), coerentemente con l'introduzione della nuova Apple TV e del nuovo iPad. Il nuovo formato non è una sorpresa di per sé, ma da subito è emerso un aspetto rilevante: i nuovi film "pesano" solo una volta e mezzo quelli a 720p, sebbene la risoluzione sia oltre il doppio.

Il risparmio di spazio è possibile grazie alla compressione con il codec H.264, grazie al quale è possibile compattare in 3,26 GB il video con audio AAC e Dolby 5.1. Il vantaggio è evidente: visto che si tratta di dati da scaricare via Internet, più sono "leggeri" e il download si conclude più velocemente.

iTunes a sinistra, Blu-Ray a destra

Qualcuno però si è chiesto se questa scelta compromette la qualità, e Iljitsch van Beijnum di ArsTechnica ha provato a dare una risposta. Ne emerge che i film iTunes a 1080p hanno una qualità d'immagine che "quasi raggiunge un Blu-Ray" per livello di dettagli. In alcuni punti il vantaggio del disco ottico è più evidente che in altri, e crediamo che si sarebbero potute usare immagini più ricche di dettagli e colori, ma anche così è un confronto interessante.

Con iTunes quindi si occupa meno della metà dello spazio rispetto a un BD rippato, che richiede tipicamente poco più di 8 GB (possono diventare facilmente 15 GB).

La Apple TV è quindi oggi un prodotto più interessante, con tutti i limiti che l'accompagnano. Non ha memoria interna, né può collegarsi a un HDD esterno. D'altra parte si può controllare con un iPad o iPhone, e riprodurne i contenuti con AirPlay; può collegarsi a un computer (Windows od OS X), o riprodurre video e audio in streaming online.

Un acquisto intelligente?

Per 109 euro è probabilmente un acquisto interessante, soprattutto per chi già usa e ama i prodotti Apple. Peccato che rispetto a quanto c'è negli Stati Uniti l'offerta di film sia ridottissima, per non parlare di serie TV o altro. Inoltre è impossibile vedere un film in lingua originale.

La colpa non è di Apple: anche Google Play per ora in Italia non è che un cambio di nome per l'Android Market, proprio perché nel nostro Paese vige una legislazione sulla cessione di diritti farraginosa, complessa e contorta. L'ideale per tenere lontano idee innovative che possano minacciare solide realtà affaristiche ben poco inclini ad accettare i cambiamenti.

Pensando a iTunes, a GooglePlay, o Amazon e NetFlix (in pochi paesi) è naturale chiedersi quando il digital delivering metterà fine al mercato dei supporti ottici. Non succederà in tempi brevi, ma non dovremo nemmeno aspettare molti anni.

AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Audio?
Iscriviti alla newsletter!