PROGRAMMAZIONE ANDROID

#2
Su Android si può sviluppare in una miriade di linguaggi ma quello suggerito al momento è senz'altro Java; è una via lunga e se non sai ancora programmare hai bisogno di un libro, suggerisco senz'altro
Programmazione di base e avanzata con Java

Le alternative sono tutte più difficoltose, è possibile usare C, C++, C#, Python; per i giochi i motori grafici permettono di programmare in C# (Unity se non erro) e C++ (Unreal engine).
E' pure possibile un mix di linguaggi web (HTML, Javascript, CSS appoggiati da vari framework).

Per adesso devi PRIMA imparare a programmare, e per questo ti serve un computer normale con Windows o Linux. Ad Android potrai passare dopo aver fatto pratica per diversi mesi, altrimenti sarai in grado di fare solo app super-banali
 
Ultima modifica:

Lugio

Utente Attivo
843
222
Hardware Utente
CPU
i5 6600k
Dissipatore
enermax liqmax 240
Scheda Madre
msi z170 gaming m3
Hard Disk
seagate barracuda 1tb
RAM
hyperx fury 16gb cl14 2133hz
Scheda Video
rx 480 8gb reference
Monitor
TV HD 32"
Alimentatore
cx750m corsair
Case
cooler master mastercase 5
Sistema Operativo
windows 10 64bit
#3
Salve ragazzi,sto per iniziare a programmare su Android e vorrei sapere quali linguaggi si possono utilizzare,e quale è migliore(nel senso di sintassi semplice,visto che sono un novellino della programmazione)
Se vuoi sviluppare su Android il linguaggio da usare è Java, o in alternatica Kotlin, ma consiglio più il primo.
Ovviamente tramite vari sdk si può sviluppare in altri linguaggi come i tanto amati Python e C++, il buon vecchio ma sempre nuovo C e l'alternativa .net a Java C#.


Inviato da M-PPxG510 tramite App ufficiale di Tom\'s Hardware Italia Forum[/QUOTE]
Per adesso devi PRIMA imparare a programmare, e per questo ti serve un computer normale con Windows o Linux. Ad Android potrai passare dopo aver fatto pratica per diversi mesi, altrimenti sarai in grado di fare solo app super-banali
Confermo in toto, prima impara a programmare e la teoria dietro la programmazione, e fallo principalmente con un libro.
Nonostante ciò però considero Java un linguaggio non molto adatto per iniziare, almeno per la mia filosofia dell'è meglio abbondare che tralasciare, e considero i migliori linguaggi per iniziare C/C++:
Detto ciò però Java è sempre un buon linguaggio, è se il tuo intento vero è più programmare per Android che programmare in generale, vada per il linguaggio di Sun Microsystems
 
Mi Piace: fabio93

gronag

Utente Attivo
13,614
4,436
Hardware Utente
#4
Salve ragazzi,sto per iniziare a programmare su Android e vorrei sapere quali linguaggi si possono utilizzare,e quale è migliore(nel senso di sintassi semplice,visto che sono un novellino della programmazione)

Inviato da M-PPxG510 tramite App ufficiale di Tom\'s Hardware Italia Forum
Innanzitutto leggi qui:
https://www.tomshw.it/forum/threads/programmare-le-applicazioni-per-smartphone.622862/#post-5960826
Diciamo che l'ambiente di sviluppo richiede l'installazione di Java :sisi:
Dopo che hai installato tutti i pacchetti SDK (non tutti sono necessari) puoi iniziare a programmare utilizzando un normale editor di testi.
Ti suggerisco di utilizzare Eclipse, insieme al plugin ADT :sisi:
Con Eclipse puoi programmare in C, C++, Java, Python, ecc. ;)
Per quanto riguarda l'interfaccia delle "activities" sarebbe meglio conoscere l'XML mentre per il codice va bene Java :sisi:
Ciao ;)
 
Mi Piace: fabio93
#5
Innanzitutto leggi qui:
https://www.tomshw.it/forum/threads/programmare-le-applicazioni-per-smartphone.622862/#post-5960826
Diciamo che l'ambiente di sviluppo richiede l'installazione di Java :sisi:
Dopo che hai installato tutti i pacchetti SDK (non tutti sono necessari) puoi iniziare a programmare utilizzando un normale editor di testi.
Ti suggerisco di utilizzare Eclipse, insieme al plugin ADT :sisi:
Con Eclipse puoi programmare in C, C++, Java, Python, ecc. ;)
Per quanto riguarda l'interfaccia delle "activities" sarebbe meglio conoscere l'XML mentre per il codice va bene Java :sisi:
Ciao ;)
Secondo me e' piu' adatto Android Studio, e' l'editor ufficiale ed integra gia' tutti i tool che versono. Eclipse rimane un'ottima alternativa se uno vuole sviluppare anche altro sempre con lo stesso ambiente.


Riguardo al topic, io valuterei come linguaggio Kotlin.
Non l'ho mai approfondito bene perche' uso altro, pero' sembra un linguaggio promettente che potrebbe avere senso conoscere. Qui se vuoi dargli un occhiata.

Per il resto sono d'accordo sul dover imparare prima a programmare, passando ad Android in un secondo tempo.
 
Mi Piace: gronag
#6
Nonostante ciò però considero Java un linguaggio non molto adatto per iniziare
E' l'equivalente managed del C++, per cui una mazzata in fronte.

Ma il post dell'op non è chiaro, cioè non si capisce se sta cominciando a programmare in generale o se sta cominciando su Android. Nel primo caso, beh, direi che la questione si riduce a "Android non è molto adatto per iniziare". Per i novellini ci vuole qualcosa di più immediato, un ambiente REPL, un linguaggio supportato da una vasta standard library, possibilmente che supporti funzionalità grafica ( vedere i risultati delle proprie righe di codice dà motivazione a continuare ).
 
#7
Riguardo al topic, io valuterei come linguaggio Kotlin.
Non l'ho mai approfondito bene perche' uso altro, pero' sembra un linguaggio promettente che potrebbe avere senso conoscere. Qui se vuoi dargli un occhiata.
E' un ottimo linguaggio ma, allo stato attuale, bisogna conoscere comunque Java. Gazillioni di righe di codice sono in Java ( librerie, ecc... ) e bisogna averci a fare. Molti concetti di Kotlin sono mutuati da Java, per cui bisogna comunque approfondirne le fondamenta. Un programmatore Java apprende Kotlin nel giro di qualche giorno. Non è altrettanto semplice se si comincia da zero.
 

Lugio

Utente Attivo
843
222
Hardware Utente
CPU
i5 6600k
Dissipatore
enermax liqmax 240
Scheda Madre
msi z170 gaming m3
Hard Disk
seagate barracuda 1tb
RAM
hyperx fury 16gb cl14 2133hz
Scheda Video
rx 480 8gb reference
Monitor
TV HD 32"
Alimentatore
cx750m corsair
Case
cooler master mastercase 5
Sistema Operativo
windows 10 64bit
#8
E' l'equivalente managed del C++, per cui una mazzata in fronte.
So cosa è il Java, ma proprio per questo non lo trovo adatto ad iniziare.
Credo che per uno che affronta per la prima volta la programmazione sia meglio non tralasciare cose come la gestione della memoria, e che sia meglio saperlo per poi non usarlo in altri linguaggi che non saperlo e non usarlo.
 
#9
So cosa è il Java, ma proprio per questo non lo trovo adatto ad iniziare.
Credo che per uno che affronta per la prima volta la programmazione sia meglio non tralasciare cose come la gestione della memoria, e che sia meglio saperlo per poi non usarlo in altri linguaggi che non saperlo e non usarlo.
Ma infatti Java non è adatto ai novellini. Così come non lo è il C++.

Sulla gestione della memoria, ecc... vale sempre il criterio che più se ne sa e meglio è. Però ogni cosa a suo tempo. Personalmente iniziai da ragazzino con Basic, quindi figurati se avevo nozioni relative al modello di programmazione della cpu. Il passaggio successivo fu Pascal e poi scrissi quache problema direttamente in linguaggio macchina ( senza assembler ), aiutandomi con un libro che riportava la mappatura tra codici mnemonici e stringhe di bit nel linguaggio macchina.

Chiaramente è stato necessario acquisire quelle informazioni, senza le quali si è parecchio mancanti. Però lo si può posticipare ad un'ipotetica fase 2.

Piuttosto il problema dell'op è che se comincia ad impelagarsi nella programmazione Android ( già sui build tool è guerra tra Gradle, Maven, ecc... ), finisce per rimanere intrappolato in una ragnatela di concetti che lo portano fuori strada. Per questo dicevo che è più opportuno programmare su PC e usando ambienti REPL e possibilmente linguaggi che non siano fusi in complessi framework, cioè linguaggi che offrono immediatezza. Lo è C e lo è Python. A livelli di espressività diversi ovviamente, ma almeno i loro costrutti mappano direttamente in azioni tangibili, il cui risultato si può vedere. Non è che devi mischiare file Xml con codice Java, il tutto messo assieme da istruzioni di script Gradle, ecc...
 
Mi Piace: fabio93

gronag

Utente Attivo
13,614
4,436
Hardware Utente
#10
#11
So cosa è il Java, ma proprio per questo non lo trovo adatto ad iniziare.
Credo che per uno che affronta per la prima volta la programmazione sia meglio non tralasciare cose come la gestione della memoria, e che sia meglio saperlo per poi non usarlo in altri linguaggi che non saperlo e non usarlo.
Io invece spezzo una lancia a favore di Java (o altri linguaggi "ad alto livello"), l'alto livello di astrazione e' anche un punto a favore perche' ti mette al riparo dai piu' comuni errori di gestione della memoria.
Chiaro che poi avere nozioni di come viene allocata la memoria e la sua gestione e' sicuramente un valore aggiunto che un programmatore dovrebbe conoscere, pero' e' fondamentale solo in alcuni contesti (sempre meno tra l'altro).
Io inizierei con un linguaggio che ti permetta di fare qualcosa che ti piace, i primi passi nella programmazione possono essere frustranti a volte (e anche dopo a dirla tutta :asd: ), meglio affrontare i problemi su qualcosa ti piace almeno!



Nel medesimo link da me riportato ho consigliato Android Studio:
https://www.tomshw.it/forum/threads/programmare-le-applicazioni-per-smartphone.622862/#post-5960826 :sisi:
Grazie per averlo ricordato ;)
Mea culpa, non ho letto il link e non sapevo fosse citato, era giusto per chiarire e dare un personale consiglio :)
 
Mi Piace: BAT00cent e gronag
#12
L'informatica è una scienze estremamente trasversale: tutto quello che sai, che sia per studio scolastico, per passione, per esperienze, o semplicemente "per caso", un giorno potrebbe tornarti utile. E' così anche nella vita in fondo.
Conosco persone che non hano avuto una preparazione informatica, che hanno cominciato a programmare con Java a corsi organizzati dalla regione e che di conseguenza sanno ZERO di gestione della memoria. Però lavorano da una dozzina d'anni come programmatori in ambiente JavaEE per aziende che lavorano per sistemi software per banche. E lavorano pure bene!
Alla fine, non c'è un linguaggio migliore di un altro per cominciare, dipende da quello che vuoi fare e da quello che ti serve.