[GUIDA] Scegliere l'U.P.S. (Gruppo di continuità)

Marco91

Utente Attivo
6,960
1,471
Hardware Utente
CPU
Intel Core i5 2400 3.10 GHz
Dissipatore
Stock Intel
Scheda Madre
MSI Z68A G43 (G3)
Hard Disk
SSD Crucial M550 128Gb - WD Caviar Blue 500Gb
RAM
2x 4Gb DDR3 1600MHz CL9 Corsair Vengeance
Scheda Video
Sapphire HD7850 2Gb
Scheda Audio
Integrata - chipset Realtek ALC882
Monitor
Samsung 24" 1920x1080
Alimentatore
Antec NeoECO 520C 80Plus Bronze
Case
Cooler Master 690II Black
Sistema Operativo
Windows 10 Pro x64
#1
Ho deciso di rendere disponibile su questo forum una guida all'UPS visto che mancava.
Non scenderò troppo nei particolari tecnici entrando nel merito di argomenti che non conosco. Cercherò quindi di utilizzare parole semplici, comprensibili anche se poco corrette dal punto di vista tecnico, con lo scopo di fornire una conoscenza base del funzionamento di un UPS e chiarire qualche dubbio per agevolare la scelta in fase di acquisto.
Spero possa risultare utile!


Cos'è un gruppo di continuità (UPS)? A cosa serve?

UPS sta per Uninterruptible Power Supply. Il gruppo di continuità è un dispositivo in grado di eliminare i disturbi e le variazioni di tensione, come cali e picchi, presenti nella rete elettrica. Queste brusche variazioni, specie se frequenti e di una certa entità, possono arrecare danni ai dispositivi e ridurne l'aspettativa di vita utile.
La funzione fondamentale di un gruppo di continuità è però l'erogazione di energia con l'ausilio di batterie, allo scopo di alimentare i dispositivi collegati (computer, monitor, console…) in caso di mancata erogazione di corrente elettrica (blackout) garantendo continuità di alimentazione.
Consente quindi di salvare il nostro lavoro e spegnere in tutta tranquillità il dispositivo che stavamo utilizzando.

Semplificando, i componenti fondamentali di un UPS sono sostanzialmente 4:
- una o più batterie (ermetiche al piombo acido ricaricabili);
- un alimentatore per caricarle;
- un inverter, generatore di corrente alternata;
- l'AVR (Automatic Voltage Regulator), circuito con lo scopo di smorzare i picchi e compensare i cali di tensione



I vari tipi di UPS:

Nel procedimento di scelta del gruppo di continuità è importante tener conto delle 3 diverse tipologie, che in base alle caratteristiche offrono altrettanti gradi di protezione e determinano il prezzo di acquisto anche in maniera significativa.

Online (a doppia conversione): sono quelli meno diffusi in ambito domestico sostanzialmente per via del costo elevato. Negli UPS di questo tipo la corrente alternata in ingresso, proveniente dalla presa a muro, viene convertita in corrente continua per la ricarica della batteria. Avviene una seconda conversione, questa volta al contrario: l'inverter trasforma la tensione continua in uscita dalla batteria in corrente alternata “pulita” che va ad alimentare i dispositivi collegati. Nel caso mancasse la corrente il tempo di intervento (periodo di tempo tra il blackout, quindi assenza di tensione e l'intervento del UPS) risulta quindi praticamente nullo.

Line-interactive: hanno un buon rapporto prezzo/funzionalità e sono i più indicati a proteggere e mantenere accesi i dispositivi in ambito domestico o in una medio-piccola azienda. In questo tipo di gruppo di continuità la corrente in ingresso viene “filtrata” e riportata nei valori di tolleranza tramite AVR solo nel caso di pericolose variazioni. Nel caso di disturbi più gravi o in mancanza di corrente, l'inverter attiva le batterie alimentando con corrente “pulita” i dispositivi collegati. Il tempo di intervento è nell’ordine dei 5-10 ms, sufficiente affinché le apparecchiature rimangano comunque accese, pur rimanendo brevemente senza tensione in ingresso.

Offline: i più economici. La corrente in ingresso va direttamente ad alimentare i dispositivi, anche in presenza di disturbi, che siano lievi o gravi. L'alimentatore intanto mantiene la batteria carica per far sì che sia pronta nel caso la tensione uscisse fuori range, o in caso di blackout. Hanno un tempo di intervento di circa 10 ms.



Le varie forme d'onda:

Evitando di entrare in argomenti tecnici di cui non ho sufficiente conoscenza, cito che: “La corrente alternata è un tipo di corrente elettrica caratterizzata da un alternarsi di pulsazioni positive e pulsazioni negative” (Wikipedia). “In Europa l'energia elettrica viene distribuita sotto forma di corrente alternata sinusoidale” (Wikipedia).
Quella che arriva nelle nostre case non è mai, o quasi mai una sinusoide perfetta. Se non dipendente da un impianto vecchio o mal messo, ciò può accadere perché ad esempio lungo i percorsi dei cavi, dispersioni o piccoli contatti ne pregiudicano la qualità. Altresì un elettrodomestico ad alto assorbimento genera un calo di tensione o disturbi nel momento in cui si attiva o durante il funzionamento (il forno, l’asciugatrice, il phon, il condizionatore...).

I gruppi di continuità erogano 3 tipi di corrente, ad onda:

Sinusoidale pura: viene prodotta dagli UPS Online oppure dai migliori Line-interactive. La sua forma è uguale, e in alcuni casi migliore di quella che arriva in casa. È compatibile con tutti i dispositivi.

Sinusoidale simulata (o pseudo sinusoidale): è l'onda prodotta dagli UPS di fascia medio-alta (alcuni online e quasi tutti i Line-interactive). Ha una forma che simula la sinusoide; può essere infatti approssimata a gradini (o scalare). Va bene per il funzionamento regolare della maggior parte dei dispositivi ma può presentare problemi in caso di apparecchi con trasformatore o con alcuni alimentatori dotati di PFC attivo.

Quadra
: la forma d'onda peggiore. Viene prodotta dagli UPS più scadenti ed economici (alcuni Line-interactive e quasi tutti gli offline). Non è consigliata per alimentare i dispositivi con trasformatore. È consigliabile collegarvi solo apparecchi di scarso valore o con alimentatori di qualità che sopperiscano, ma ripeto, non è certo il massimo!



PFC attivo e UPS:

Il PFC è una caratteristica degli alimentatori e rappresenta il fattore di correzione della potenza (Power Factor Correction). Ufficialmente UPS con onda sinusoidale simulata e alimentatori con PFC attivo non sono compatibili.
Riguardo questo argomento si può tener conto, a mio parere, dell'esperienza diretta: facendo un giro sul web si incapperà in discussioni nelle quali c'è chi sostiene che l'aver collegato un gruppo di continuità con onda sinusoidale simulata ad un computer con alimentatore a PFC attivo non abbia comportato nessun danno, e chi invece descrive problemi di freeze del PC o nel peggiore dei casi la rottura dell'alimentatore. Personalmente non ho mai riscontrato il benchè minimo problema, sia in casi personali che non. È giusto sostenere in virtù di questo che vi sono casi specifici nei quali alcuni alimentatori con PFC attivo hanno problemi con l'onda sinusoidale simulata. È bene informarsi sul web per verificare la presenza di casi uguali al nostro. Per evitare un improbabile, ma pur sempre possibile problema è consigliabile quindi che l'UPS produca un'onda sinusoidale pura.
Per chi volesse approfondire la tematica, Quì una completa spiegazione (si ringrazia andy84 per la segnalazione).



Scelta dei Watt necessari:

Scelta la tipologia di UPS dobbiamo individuare il wattaggio (Watt) di cui necessitiamo, talvolta espresso in Volt-Ampere (VA). È una fase importante e bisogna scegliere con cura, poiché si rischierebbe che nel caso venisse a mancare la corrente, i dispositivi collegati si spengano perché il loro consumo è maggiore della capacità del gruppo di continuità.

Il wattaggio complessivo è determinato dalla somma dei consumi massimi dei dispositivi che andrete a proteggere. Facciamo un esempio: usando il PC è normalmente acceso anche il monitor: PC (300W max) + monitor (50W max) = 350W. Volendo aggiungere un po' di margine avete bisogno di un UPS di almeno 400/450W.

(Per calcolare i consumi del vostro PC potete rifarvi a questa guida o acquistare un misuratore.)

Le case produttrici esprimono in volt-ampere (VA) la capacità del UPS, quindi nel nostro caso la potenza potrebbe essere indicata come 750VA/450W. In linea generale, se nella scheda tecnica non è indicato, o sorge la necessità di convertire i VA in Watt, andremo a moltiplicate il valore VA x il fattore di potenza medio (0,6). Questo numerino può assumere valori compresi tra 0 e 1 (dove il valore migliore è più vicino a 1), è il rapporto tra la potenza attiva (W) e la potenza apparente (VA) e può essere assunto come indice dell'efficienza di un gruppo di continuità.

Un paio di esempi: un UPS da 1000VA con fattore di potenza 0,6 è in grado di erogare circa 600Watt (1000VAx0.6=600Watt). Un UPS da 1000VA che è in grado di erogare 700W avrà un fattore di potenza migliore (1000VAx0,7=700Watt). Ancora, un UPS da 1000VA/500W avrà un p.f. di 0,5, il peggiore tra i tre.



L'autonomia del UPS:

Dimensionare il gruppo di continuità significa tener conto anche di quanto tempo si vuole che i dispositivi rimangano accesi in caso mancasse la corrente. Appare ovvio che maggiore è il wattaggio in più rispetto al consumo degli stessi, maggiore sarà il tempo di autonomia.
Esempio: PC + monitor = 350W a pieno carico, collegati ad un UPS da 400Watt. In questo caso avremmo circa 1 minuto di autonomia, che crescerà, ovviamente, se i consumi dei due dispositivi è più basso in quel momento. Scegliere un gruppo di continuità sovradimensionato (nel caso dell'esempio prendessimo un UPS oltre i 500Watt) ci permetterebbe di avere un'autonomia anche oltre i 5-7 minuti circa, e avremmo la possibilità di sfruttarlo anche per collegarci qualche altro apparecchio.



Rumorosità
:

Un altro fattore che molti utenti tengono presente nella scelta è la rumorosità. Seppur molto lieve e difficilmente udibile se non ad una certa distanza o nel silenzio assoluto, è necessario tener presente che l’attività dell'inverter può produrre rumore, il circuito di conversione genera un lieve ronzio. Alcuni UPS sono equipaggiati con una - o più - ventole che entrano in funzione per tenere le temperature basse. Non è finita qui: un altro fattore da considerare sono gli allarmi sonori (disattivabili in qualche caso). Generalmente l'UPS produce un beep ripetuto per segnalare la funzione "battery mode”, ne produce per segnalare un sovraccarico, un malfunzionamento ecc…Tenetene presente se andate a piazzare il gruppo di continuità nella stanza da letto.



Collegamento del UPS a PC ed altri dispositivi:

Fate attenzione al tipo di presa. La maggior parte di UPS è equipaggiata con prese IEC (femmina), mentre altri modelli hanno le normali prese Shucko.
Pensate a ciò che dovete collegare al gruppo di continuità: l'alimentatore del computer desktop potrà essere collegato certamente in entrambi i casi, ma tutto il resto (monitor, caricatori, casse, tv, decoder…) utilizzerà quasi certamente le Shucko. Nel caso il vostro UPS non le preveda, la soluzione è acquistare una normale multipresa, ma con spinotto IEC (maschio), o in alternativa un semplice adattatore.



Altre funzioni:

Nel caso vi interessi gestire le funzioni del UPS e ottenere statistiche o parametri di funzionamento, di solito si trova il CD con il software nella scatola. Dopo averlo installato e collegato il gruppo di continuità al PC tramite cavo seriale, cavo USB o cavo Ethernet (in base al modello) sarà possibile avviare automaticamente lo spegnimento del computer in caso di blackout, visualizzare lo stato di carica delle batterie, visualizzare la tensione in entrata e in uscita, gestire il range di funzionamento del AVR, effettuare test di diagnostica, gestire gli allarmi sonori...Le funzioni variano da modello a modello, e l'installazione e l'uso del software non pregiudicano il buon funzionamento del UPS, potete anche farne a meno.



Alternative e miti da sfatare. AVR e multiprese:

La spesa da affrontare per un gruppo di continuità può essere piuttosto elevata in qualche caso, e scendere troppo a compromessi acquistando un prodotto molto economico è controproducente, oltre che altamente sconsigliabile.
Esistono delle alternative, ma è necessario tener presente che bisognerà rinunciare certamente alla funzione di backup in caso di blackout.
Una valida alternativa molto più economica è rappresentata infatti dai dispositivi AVR, i quali offrono esclusivamente la funzione di correzione della tensione in entrata (Automatic Voltage Regulator). Non avendo una circuiteria più o meno complessa come può essere quella di un normale UPS, ed essendo sprovvisti di batterie, il loro costo è parecchio inferiore.
Acquistare un semplice AVR può essere l'alternativa valida per chi non ha un budget sufficientemente alto, o per chi non ha necessità di mantenere accesi gli apparecchi collegati in caso di blackout ma vuole comunque proteggerli da pericolose variazioni e disturbi nella tensione.

Attenzione alle multiprese! Non fatevi ingannare dal prezzo e dalle frasi messe lì per enfatizzare e pubblicizzare mirabolanti funzioni: una multipresa definita “filtrata” NON corregge la tensione, NON mantiene i dispositivi accesi in caso di blackout, nemmeno per un secondo, e per questo NON può essere considerata un'alternativa valida. La funzione principale, che può trarre in inganno perché descritta in maniera un po' ambigua è la protezione dalle sovratensioni: nel momento in cui la tensione sale oltre un certo limite, diventando pericolosa per i dispositivi, viene staccata la corrente agli stessi evitando possibili danni. Stop, nient'altro.

Altro mito da sfatare riguarda la protezione contro i fulmini: che abbiate un UPS o una di queste multiprese, nel malaugurato caso un fulmine colpisca direttamente la vostra casa o anche soltanto la linea elettrica dell'isolato non c'è protezione che tenga. Durante i forti temporali l'unica protezione è quella di scollegare fisicamente i dispositivi dalla presa.



Uso e manutenzione del UPS:

Per mantenere l'UPS efficiente ed affidabile è buona norma sostituire almeno ogni 2-3 anni la batteria. La sua usura dipende, come è ovvio, dalla sua qualità e dall'utilizzo.
Il sintomo più usuale che vi indica il momento di sostituire la batteria è quando il gruppo di continuità non riesce più a mantenere accesi i dispositivi (la batteria logora si scarica più velocemente) in caso di blackout. Potete controllare lo stato della batteria anche via software dove questo tipo di funzione sia presente.
La sostituzione della batteria è un'operazione tutto sommato semplice, quindi potete effettuarla da soli. Per acquistare la batteria adatta (uguale alla precedente in capacità) fate riferimento all'etichetta della stessa o al manuale d'uso, anche per leggere le fasi di smontaggio.

È buona norma inoltre:
- caricare l’UPS almeno 8-10 ore prima di provarlo;
- non applicare carichi eccessivi;
- evitare quanto più possibile la scarica completa delle batterie;
- in caso di periodi di inattività prolungata è preferibile scollegare l'UPS dalla presa;
- evitare l'esposizione al sole o a fonti di calore;
- evitare di ostruire le prese d'aria;
- evitare il contatto con liquidi;
- eseguire periodicamente un controllo della batteria



Marche di UPS:

Non potendo esprimere un giudizio sulla qualità di ogni UPS, mi limito ad elencare alcune delle marche più note:

- APC
- Atlantis Land
- Belkin
- CyberPower
- Eaton
- Legrand
- Nilox
- Online
- PowerWalker
- Riello
- Tecnoware
- Trust
 
Ultima modifica:

Gian451

Utente Attivo
5,246
272
Hardware Utente
CPU
Q9300 2,50@3,5Ghz 1.28 Vcore By Noctua NH-D14
Scheda Madre
Asus P5Q Deluxe P45
Hard Disk
8 TB (500 GB WD+3xWD 2TB+1,5TB WD)
RAM
4Gb 2x2 Corsair Dominator Xms2-Twin2X4096mb 1066Mhz@940Mhz CAS.5-V2.10
Scheda Video
2x Msi Hawk Twin Frozr II R5770 CrossFireX GDDR5 (875/1200)
Scheda Audio
On Board+Logitech x530 5.1 ;)
Monitor
SyncMaster S24A300BZ+Revoltec Blacklight Set LED-12" (30.5cm)
Alimentatore
Corsair VX550 Watt 80+ 41A on +12v (492Watt)
Case
CoolerMaster HAF 922+Razer Naga Molten+Roccat Sense+Logitech G11+Lamptron Fc2
Sistema Operativo
Windows 7 Ultimate x64
#2
mitico marco :ok:
non sapevo che bisognava fare *0,6! quindi io che ho un 800VA ho 480 watt..quindi non dovrò cambiare Ups se faccio cross! grazie ancora
 

Marco91

Utente Attivo
6,960
1,471
Hardware Utente
CPU
Intel Core i5 2400 3.10 GHz
Dissipatore
Stock Intel
Scheda Madre
MSI Z68A G43 (G3)
Hard Disk
SSD Crucial M550 128Gb - WD Caviar Blue 500Gb
RAM
2x 4Gb DDR3 1600MHz CL9 Corsair Vengeance
Scheda Video
Sapphire HD7850 2Gb
Scheda Audio
Integrata - chipset Realtek ALC882
Monitor
Samsung 24" 1920x1080
Alimentatore
Antec NeoECO 520C 80Plus Bronze
Case
Cooler Master 690II Black
Sistema Operativo
Windows 10 Pro x64
#3
Esatto! Sono contento che la guida ti sia servita...:ok:
 

andy84

Utente Attivo
15,796
335
Hardware Utente
CPU
Core i5 6500/Core-i5 2410M
Scheda Madre
AsRock Z170M Pro4S/JE50-HR(HM65)
Hard Disk
SSD Crucial MX200 512GB/SSD SanDisk Plus 240GB
RAM
2x8GB DDR4 Corsair Vengeance LPX 3000MHz/2x2GB 1333MHz
Scheda Video
AMD HD5850/GT540M 1GB
Scheda Audio
integrata e casse 2.1
Monitor
Asus VX24AH 23.8" 2560x1440/15.6" 1366x768
Alimentatore
Enermax Revolution X't 530W
Case
Antec ISK-600M
Sistema Operativo
Windows 10 Education/Windows 10 Professional 64bit
#4
Qui spiegano abbastanza bene la questione PFC attivo-onda pseudosinusoidale:
0_l'alimentatore ATX
 

Marco91

Utente Attivo
6,960
1,471
Hardware Utente
CPU
Intel Core i5 2400 3.10 GHz
Dissipatore
Stock Intel
Scheda Madre
MSI Z68A G43 (G3)
Hard Disk
SSD Crucial M550 128Gb - WD Caviar Blue 500Gb
RAM
2x 4Gb DDR3 1600MHz CL9 Corsair Vengeance
Scheda Video
Sapphire HD7850 2Gb
Scheda Audio
Integrata - chipset Realtek ALC882
Monitor
Samsung 24" 1920x1080
Alimentatore
Antec NeoECO 520C 80Plus Bronze
Case
Cooler Master 690II Black
Sistema Operativo
Windows 10 Pro x64
#5
Grazie, ho aggiunto il link anche alla guida :ok:
 

Marco91

Utente Attivo
6,960
1,471
Hardware Utente
CPU
Intel Core i5 2400 3.10 GHz
Dissipatore
Stock Intel
Scheda Madre
MSI Z68A G43 (G3)
Hard Disk
SSD Crucial M550 128Gb - WD Caviar Blue 500Gb
RAM
2x 4Gb DDR3 1600MHz CL9 Corsair Vengeance
Scheda Video
Sapphire HD7850 2Gb
Scheda Audio
Integrata - chipset Realtek ALC882
Monitor
Samsung 24" 1920x1080
Alimentatore
Antec NeoECO 520C 80Plus Bronze
Case
Cooler Master 690II Black
Sistema Operativo
Windows 10 Pro x64
#7
Scusa se ti rispondo solo adesso ma non posso collegarmi più tanto spesso...!
Rispondo alla tua domanda dicendoti che gli ups semplicemente collegati alla presa elettrica consumano per mantenere carica la batteria e per mantenere attivi i dispositivi elettronici nel caso fosse necessario il loro intervento (a differenza di dispositivi meccanici che funzionano per "sollecitazione")...Detto ciò, non sapendoti dire il consumo preciso dei due UPS posso dirti con certezza che sia l'APC 1500VA che l'Atlantis Land 1501 dovrebbero consumare intorno ai 30Watt!
 
#8
Grazie Marco.
Mi piacerebbe acquistare un ups che non ciucci troppa corrente.

Apc mi ha risposto come segue:
1) APC BACK-UPS PRO 900: consumo di circa 13 watt (30 in ricarica).
2) APC Smart-UPS 750VA LCD: consumo di circa 20 watt.

Anche Atlantis Land mi ha fornito i dati dei suoi UPS:
3) A03-S1001 ONEPOWER 1001: circa 20 watt.
4) A03-HP851 Hostpower 851: circa 20 watt.

Considerando che il 2 ed il 4 sono a sinusoide pura (cosa che comunque per me non è fondamentale ma che fa lievitare il prezzo), e che tutti e 4 soddisfano comunque le mie esigenze; puntando sul risparmio energetico nel tempo, "dovrei" preferire l'APC che consuma circa 13 watt.

O no?
Il dubbio nasce dal fatto che l'ups n.1 ha un rendimento dichiarato, a mezzo carico, pari all'87%; invece il n. 2 dichiara un rendimento a mezzo carico del 97%...

Che fò?:look:
 
4,859
327
Hardware Utente
CPU
AMD Phenom II X4 965 Black Edition Step C3 + Noctua NH-U12P SE2 (2 ventole)
Scheda Madre
ASRock M3A770DE (Last Bios 1.70)
Hard Disk
WD 320Gb Caviar Blue 16mb monopiatto + WD 1Tb Caviar Green 64mb Intellipower 5400-7200rpm
RAM
4Gb Kingston ValueRam KVR1333D3N9/2G [x2]
Scheda Video
Sapphire Ati Radeon HD5830 1Gb (11169-00-20R)
Scheda Audio
Integrata
Monitor
Samsung P2270HD + Samsung 173B
Alimentatore
Corsair HX850w
Case
Corsair Obsidian 800D + 3 Ventole Corsair 140mm + 3 Magma 120mm + Zalman ZM-MFC1 Plus Black
Sistema Operativo
Microsoft Windows 7 Ultimate 32
#9
io avrei una domanda, ho 1 Modem Router Atlantis WiFi N, un Monitor TV LCD P2270HD e nel pc ho come Ali un bel HX850 della corsair. se ho ben capito il discorso dell'onda pura o meno e company nel caso di acquisto di un UPS per le mie esigenze e per le mie componenti va bene un APC BR1500GI ?

e invece per un pc con un Enermax Liberty II 400W e un LCD Samsung 17" va bene un APC BR900GI ?

mille grazie ragazzi
 

Franz77

Utente Attivo
5,195
1,183
Hardware Utente
CPU
Intel i7 8700K @4.8 GHz
Dissipatore
Corsari H110i
Scheda Madre
Asrock Z370 Extreme 4
Hard Disk
M2 NVme Samsung 960 Evo 250 Gb, 850 Evo 250 GB, Crucial M300 525 GB
RAM
16 GB Corsair Vengeance DDR4 LPX Mhz 3000 MHz
Scheda Video
MSI Gaming X GTX 1080ti
Scheda Audio
Creative SoundblasterZ
Monitor
Asus Rog PG278QR 2560X1440p, 165 Hz (G-Sync)
Alimentatore
Corsair RM 750i(750W)
Case
Corsair Obsidian 750D Air Flow
Periferiche
Tastiera Corsair K30/Mouse Corsair Sabre RGB
Sistema Operativo
Windows 10 Home
#11
Ciao a tutti, secondo voi un Atlantis Land A03-HP1501 (1500 VA) è dimensionato bene per il mio sistema(vedi firma)?
 

Marco91

Utente Attivo
6,960
1,471
Hardware Utente
CPU
Intel Core i5 2400 3.10 GHz
Dissipatore
Stock Intel
Scheda Madre
MSI Z68A G43 (G3)
Hard Disk
SSD Crucial M550 128Gb - WD Caviar Blue 500Gb
RAM
2x 4Gb DDR3 1600MHz CL9 Corsair Vengeance
Scheda Video
Sapphire HD7850 2Gb
Scheda Audio
Integrata - chipset Realtek ALC882
Monitor
Samsung 24" 1920x1080
Alimentatore
Antec NeoECO 520C 80Plus Bronze
Case
Cooler Master 690II Black
Sistema Operativo
Windows 10 Pro x64
#12
Per sbianco: Direi che per quanto riguarda il rendimento a mezzo carico dovresti tener conto del consumo in full del tuo pc! Teniamo conto dei 2 APC, l'uno da 540W (VA x0.6), l'altro da 450W...Se il tuo pc consuma 270w è chiaro che prendere il secondo sarebbe meglio (supereresti il mezzo carico e avresti rendimento più elevato). Quindi tutto dipende dal consumo del pc! Calcolalo e semmai me lo posti così posso aiutarti meglio...:ok:

Per Gold Libra: Tutte e due le soluzioni indicate vanno benissimo...anzi, anche troppo! ;) Attenzione perchè non erogano un'onda sinusoidale pura...! Tieni conto che il pc con l'ali da 850 watt non li consuma tutti...Consumerà in full 300-400watt (stò ipotizzando)...Un pc che consuma 850watt è difficile vederlo! Stesso discorso per l'altro pc con l'ali da 400watt...Ovviamente più l'ups è potente (watt) più aumenta il tempo in cui il pc rimane acceso...Decidi in base a questo! :ok:

Per Franz77: L'UPS che hai indicato va benissimo...anche se comunque un pochettino sovradimensionato...direi che se vuoi anche risparmiare un pochettino ti puoi spingere al di sotto dei 1500va...anche un 1300VA va bene! :ok:

Ragazzi, mi scuso in anticipo se non potrò rispondere con una certa frequenza...! ;)
 
Mi Piace: Franz77

Franz77

Utente Attivo
5,195
1,183
Hardware Utente
CPU
Intel i7 8700K @4.8 GHz
Dissipatore
Corsari H110i
Scheda Madre
Asrock Z370 Extreme 4
Hard Disk
M2 NVme Samsung 960 Evo 250 Gb, 850 Evo 250 GB, Crucial M300 525 GB
RAM
16 GB Corsair Vengeance DDR4 LPX Mhz 3000 MHz
Scheda Video
MSI Gaming X GTX 1080ti
Scheda Audio
Creative SoundblasterZ
Monitor
Asus Rog PG278QR 2560X1440p, 165 Hz (G-Sync)
Alimentatore
Corsair RM 750i(750W)
Case
Corsair Obsidian 750D Air Flow
Periferiche
Tastiera Corsair K30/Mouse Corsair Sabre RGB
Sistema Operativo
Windows 10 Home
#13
Grazie oMarcoo!:)
 
4,859
327
Hardware Utente
CPU
AMD Phenom II X4 965 Black Edition Step C3 + Noctua NH-U12P SE2 (2 ventole)
Scheda Madre
ASRock M3A770DE (Last Bios 1.70)
Hard Disk
WD 320Gb Caviar Blue 16mb monopiatto + WD 1Tb Caviar Green 64mb Intellipower 5400-7200rpm
RAM
4Gb Kingston ValueRam KVR1333D3N9/2G [x2]
Scheda Video
Sapphire Ati Radeon HD5830 1Gb (11169-00-20R)
Scheda Audio
Integrata
Monitor
Samsung P2270HD + Samsung 173B
Alimentatore
Corsair HX850w
Case
Corsair Obsidian 800D + 3 Ventole Corsair 140mm + 3 Magma 120mm + Zalman ZM-MFC1 Plus Black
Sistema Operativo
Microsoft Windows 7 Ultimate 32
#14
si lo so che son un pò esagerati, è solo che li ho proposti entrambi perchè i pc si trovano in 2 case diverse una mia e l'altra di un amico per questo ci vogliono 2 gruppi :asd:

l'altro motivo per cui ho scelto quelle soluzioni è perchè in passato mi era stato consigliato di scegliere un UPS che potesse reggere i watt massimi che l'alimentatore può erogare e non solo quelli che il pc effettivamente consuma

oMaRcOo illuminami !!! TNX

P.S.: invece per la questione dell'onda pura come posso fare? indi non vanno bene per compatibilità? mi puoi consigliare altro?
 
35
1
Hardware Utente
CPU
AMD Phenom II X4 810
Scheda Madre
ASUS M4A79T-Deluxe
Hard Disk
1 TB
RAM
Kingston DDR3 1333 MHz 2x2GB
Scheda Video
ATI Radeon HD5750
Scheda Audio
Chipset integrato
Monitor
HP w2207h
Alimentatore
700
Case
Cooler Master HAF 932
Sistema Operativo
Winzozz, openSUSE & redhat
#15
Buondì a tutti! Ho letto la guida e devo dire che è fatta veramente bene..però nell'elenco delle marche consiglierei anche gli UPS marcati DAKER che vanno bene, io ho un DAKER Niky 1100P e va che è un amore..il problema è che si sono fermati con lo sviluppo software di gestione dell'UPS tramite pc...un vero peccato...però fisicamente funziona tutto molto bene :)