Hot topics:
2 minuti

La fotocamera che gioca con la luce e vede dietro i muri

Scienziati israeliani hanno creato una fotocamera capace di vedere dietro i muri e attraverso solidi semi-trasparenti, sfruttando le riflessioni della normale luce ambientale.

La fotocamera che gioca con la luce e vede dietro i muri

Scienziati israeliani hanno creato una fotocamera capace di vedere dietro gli angoli e attraverso oggetti solidi semi-trasparenti, come vetro ghiacciato o pelle umana. L'aspetto saliente di questa tecnologia è che non sfrutta laser o raggi-X, come ci si potrebbe aspettare, ma la comune luce ambiente e le sue riflessioni nell'ambiente circostante. Gli scienziati che hanno dato forma all'originale progetto si chiamano Ori Katz, Eran Small e Yaron Silberberg del Weizmann Institute.

La tecnica, originale, consiste nel catturare la luce riflessa dall'oggetto e diffusa dall'ambiente circostante, creando un'immagine che a prima vista sembra puro rumore di fondo ma che, dopo opportuna elaborazione, mostra qualcosa di sorprendentemente fedele al soggetto originale. La "fotocamera" - battezzata Spatial Light Modulator, o SLM, è costituita da un array di pixel capaci di alterare la fase della luce che lo attraversa in funzione della corrente di alimentazione. Grazie a questa caratteristica e a un opportuno algoritmo, è capace di ricreare la fase originale della luce riflessa dal soggetto, che rimbalzando su oggetti diversi subisce alterazioni in funzione della superficie su cui si riflette. L'oggetto emerge così dal rumore di fondo.

Le prime due immagini qui sopra mostrano l'algoritmo al lavoro. Particolarmente interessante le immagini "c", che mostra ciò che vede l'occhio umano, e "d", che mostra invece ciò che cattura la fotocamera. A proposito di fotocamere capaci di vedere dietro angoli ciechi, qualcuno si ricorderà forse di un dispositivo analogo sviluppato al MIT, che faceva però uso di un laser avanzato. La novità della ricerca israeliana è che, usando normale luce incoerente proveniente dalla classica lampadina, risulta molto meno onerosa da implementare.

Vuoi ricevere aggiornamenti su #Fotografia?
Iscriviti alla newsletter!