Google Fuchsia, addio ad Android entro 5 anni?

Google Fuchsia potrebbe mandare in pensione Android entro i prossimi 5 anni. È quanto emerge da un lungo report realizzato da Bloomberg in merito al nuovo sistema operativo open-source del gigante californiano. Il primo settore a essere investito da questa novità potrebbe essere quello dei dispositivi "smart home", per poi passare successivamente agli smartphone. 

Secondo Bloomberg, Google Fuchsia starebbe raccogliendo larghi consensi all'interno del team di sviluppo. Si parla di oltre 100 persone al lavoro su questo sistema operativo, la cui interfaccia iniziale può già essere testata, in parte, attraverso questo link, come abbiamo avuto modo di raccontarvi in un nostro precedente articolo.

Google FuchsiaOS

L'obiettivo finale di Google, attraverso Fuchsia, sarebbe quello di soppiantare non solo Android, ma anche WearOS, ChromeOS e la piattaforma per i dispositivi IoT. Si raggiungerebbe in questo modo una vera e propria unificazione dell'esperienza utente, con l'interfaccia del sistema operativo in grado di adattarsi al display e alle funzionalità dei diversi prodotti.

Leggi anche: Fuchsia OS, ecco come funziona l'erede di Android

In ambito Android inoltre, Fuchsia potrebbe consentire di risolvere definitivamente alcune delle criticità ataviche del robottino verde, come la gestione degli aggiornamenti e la susseguente frammentazione. Non a caso, sembra che Sundar Pichai, amministratore delegato di Google, sostenga appieno il progetto del nuovo sistema operativo, a testimonianza dell'importanza che potrebbe ricoprire nelle strategie future dell'azienda di Mountain View.

This is Googles Fuchsia OS running on the Pixelbook Video

È bene comunque sottolineare come non ci siano roadmap ufficiali relative a Fuchsia. Peraltro, Google stessa ha chiarito alla nota testata CNet come si tratti di "uno dei tanti progetti sperimentali open-source" in corso a Mountain View. Difficile dunque, allo stato attuale delle cose, poter prevedere delle tempistiche precise per un eventuale arrivo sul mercato. La sensazione comunque è che Big G sia al lavoro per farsi trovare pronta in relazione ai cambiamenti che interverrano nel settore dei dispositivi mobili nei prossimi anni.


Tom's Consiglia

Xiaomi Redmi 5 Plus è uno smartphone caratterizzato da un ottimo rapporto qualità prezzo. Equipaggiato con lo Snapdragon 625 accoppiato a 4 GB di RAM e a 64 GB di storage, è disponibile all'acquisto attraverso Amazon a meno di 200 euro. Lo trovate a questo link.

Pubblicità

AREE TEMATICHE