Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
21 minuti

Guida all'overclock delle schede grafiche AMD e nVidia

Overcloccare la scheda grafica non è difficile, e con certe precauzioni, risulta anche una pratica sicura ed esente da pericoli. In questa guida vi daremo tutte le informazioni necessarie per overcloccare in sicurezza la vostra scheda grafica.

Introduzione

L'overclocking è una pratica sempre più popolare. Aumentare la frequenza di un processore è molto semplice, quindi sembrerebbe uno spreco non farlo. Le CPU non sono, però, l'unica parte del computer dalla quale si può ottenere di più. Una GPU si può overcloccare, come la memoria. Spesso, poi, le schede video più economiche hanno solo frequenze più basse, rispetto ai modelli più costosi. Overcloccare una scheda video, quindi, significa risparmiare denaro.

Overcloccare una GPU è un fatto meno comune, rispetto alle CPU e, in generale, anche più complesso. Una delle difficoltà sta nel BIOS, molto meno accessibile, rispetto ad una scheda madre. Se le difficoltà non vi spaventano, e volete cimentarvi nell'impresa, continuate a leggere.

Software o Hardware?

Ci sono diversi approcci all'overclock della scheda grafica. La prima cosa da sapere è che l'overclock può essere temporaneo, grazie ad applicazioni che girano sotto Windows, oppure permanente, con modifiche del BIOS della scheda grafica.

La flessibilità del software

Il primo metodo è quello maggiormente usato e conosciuto. Ci sono numerosi software, per schede grafiche AMD/ATI e nVidia, le cui funzioni tendono a somigliarsi. Il migliore permette d'impostare la velocità operativa della GPU e della memoria, e anche di modificare la potenza di raffreddamento (velocità ventola), di salvare i profili d'overclock e di configurare le funzionalità 3D in base all'applicazione usata. Questi software, in pratica, moltiplicano le possibilità offerte dai driver delle schede video.

Questo non significa, però, che i driver originali ignorino l'overclock; nVidia, e specialmente AMD, fanno leva da tempo su questa capacità, tanto che oggi è uno degli aspetti sui quali si punta per vendere più schede. I software sono molto flessibili (generalmente basta agire su un cursore per aumentare la frequenza), ma ci sono anche dei punti negativi. Il programma risiede in memoria, e consuma una piccola parte di risorse del sistema, e, come ogni altro programma, può bloccarsi e produrre errori; può contenere bug, o essere incompatibile con alcune schede grafiche, driver o sistemi operativi. Ad ogni riavvio del sistema operativo, inoltre, tutte le modifiche devono essere applicate nuovamente, anche se alcune applicazioni sono in grado di avviarsi automaticamente e caricare le impostazioni preferite.

Continua a pagina 2
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Schede video?
Iscriviti alla newsletter!