Guida Autonoma, per Mercedes i pedoni sono sacrificabili

Aggiornamento: la dirigenza Mercedes ha smentito ufficialmente le dichiarazioni di Christoph von Hugo.

Le auto a guida autonoma sono il futuro della mobilità, su questo c'è accordo generale. Ma i dettagli sono spesso complicati, e nello specifico c'è da affrontare un dilemma morale che riguarda le scelte che dovrebbe fare un'auto, nella malaugurata ipotesi che non sia possibile salvare tutte le persone coinvolte in un incidente.

Leggi anche Guida autonoma, provate voi a decidere chi salvare

Tutto il settore automobilistico e i governi si stanno infatti interrogando su come andrebbe programmato il computer alla guida, su quali criteri andrebbero applicati: vale di più un impiegato padre di famiglia o un cardiochirurgo single? È meglio proteggere la signora incinta alla guida oppure

il giovane atleta che sta attraversando la strada? Alcuni lo definiscono la versione automobilistica del problema del carrello ferroviario.

tumblr od1vo9ytWa1ury1rs og 1280
Esempio di test per umani preso da The Moral Machine

Dilemmi piuttosto difficili, a cui Mercedes prova a dare una propria, prima risposta. "Se sai di poter salvare almeno una persona, salva quella nell'auto", ha sintetizzato Christoph von Hugo, un rappresentante dell'azienda. Si parla di guida autonoma di livello 4 e 5; al momento Google sta testando il livello 3, mentre le auto commerciali più avanzate sono Livello 2.

Leggi anche Il dilemma morale dell'auto, chi deve uccidere?

Suona piuttosto cinico ed egoista, decidere di salvare "di default" il guidatore dell'auto, a maggior ragione se a farlo è un marchio che vende auto di lusso. Von Hugo difende la propria affermazione aggiungendo che "si potrebbe sacrificare l'auto, ma poi non sapresti cosa potrebbe accadere alle persone che hai salvato, in situazioni che spesso sono molto complesse. Così salvi quelli che sai di poter salvare".

857121 1280x720

Si sceglie quindi il pragmatismo, lasciando le riflessioni etiche per un altro momento. Anche perché, continua von Hugo, le situazioni pericolose sono destinate a diventare sempre più rare. "Crediamo che le questioni etiche non saranno tanto rilevanti quanto si pensa oggi. Succederà molto meno di frequente. Oggi ci sono situazioni che un guidatore non può gestire e che, da un punto di vista fisico, non possiamo prevenire nemmeno con i veicoli autonomi. Ma andrà comunque molto meglio che con il guidatore medio".

Leggi anche Google Car entro il 2020, coinvolti i produttori auto

Il punto è, secondo il rappresentante di Mercedes, sviluppare questi mezzi affinché non sia necessario mettersi in certe scomode situazioni. "Il 99% del nostro lavoro ingegneristico è prevenire che certe situazioni si verifichino. Lavoriamo affinché le nostre auto non si infilino in situazioni che richiedano di prendere decisioni. Non è una questione di chilometri", conclude von Hugo, "è una questione di possibili situazioni, e ce n'è un numero infinito".

Leggi anche un giorno le auto a controllo umano saranno illegali

Il discorso del dirigente Mercedes appare effettivamente sensato, almeno a prima vista, ma sembra che ci sia un punto chiave lasciato da parte. È vero che alla lunga i veicoli a guida autonoma renderanno gli incidenti un ricordo del passato, soprattutto quelli mortali. Ma prima di quel momento queste auto, autobus, furgoni e altro circoleranno per le strade. E per un periodo saranno insieme alle auto tradizionali, guidate da persone in carne e ossa.

bmwshowshand

Gli ingegneri di Mercedes, dunque, possono sforzarsi quanto vogliono affinché certe situazioni non si verifichino. Ma è uno sforzo destinato alla frustrazione e al fallimento, e prima o poi l'auto dovrà affrontare il dilemma etico. Coloro che saranno alla guida di una Mercedes, però, sanno già che l'auto salverà loro prima di tutto.

Ammesso e non concesso che le opinioni espresso da von Hugo si facciano effettivamente strada nel software Mercedes. Dopodiché le auto dovrebbe essere approvate dalle autorità prima di finire su strada. C'è ancora tempo quindi, per continuare a porsi domande scomodissime.

Pubblicità

AREE TEMATICHE