Questa testata è partner di La Repubblica e contribuisce alla sua audience
Hot topics:
News su Guide ai regali di Natale
11 minuti

Guida per principianti: passare a Windows 7 64-bit

Guida - Vi mostriamo come è semplice installare il sistema operativo Windows 7 o Windows Vista a 64 bit.

Introduzione

Oggigiorno i sistemi hardware a 64-bit sono diventati comuni, mentre i quelli operativi sono appena agli inizi. Molti di noi, infatti, hanno ancora una versione a 32-bit del sistema operativo, che potrebbe limitare le prestazioni del sistema. Un SO a 64-bit offre, infatti, diversi vantaggi rispetto alla sua controparte a 32-bit. Quello più evidente e conosciuto è chiaramente la possibilità di usare più di 4 GB di RAM: un sistema operativo a 32-bit, infatti, non può usare più di 4096 MB di RAM, e si trova in genere con circa 3 GB disponibili realmente. Un sistema a 64-bit, invece, può reggere fino a 16.000 petabyte di memoria, a livello teorico, e in pratica si può arrivare generalmente a 128 GB.

Non c'è però solo la RAM: un sistema operativo a 64-bit può offrire prestazioni molto migliori, se anche le applicazioni usate sono a 64-bit. I benefici più rilevanti emergono con attività che caricano molto il sistema e richiedono calcoli ad alta precisione, come il rendering 3D o le simulazioni fisiche. Attività come la crittografia dei dati possono essere fino a 5 volte più veloci su un sistema a 64-bit, rispetto a uno a 32-bit. Anche applicazioni più "terrene" guadagnano prestazioni con un sistema a 64-bit, per il semplice motivo che hanno accesso a più di 2 GB di RAM. Questi sistemi sono anche più stabili, perché un SO a 64-bit è più preciso.

Nokia Lumia 630 Nokia Lumia 630
Nokia Lumia 635 Nokia Lumia 635
Nokia Lumia 930 Nokia Lumia 930

Passare a un sistema operativo a 64-bit, tuttavia, può avere anche degli effetti indesiderati: le applicazioni a 32-bit, per esempio, in alcuni casi non funzionano bene, e in altri non si avviano del tutto. Si tratta di problemi davvero molto rari. Vale la pena, comunque, di tenere in conto la RAM: un'applicazione a 32-bit avviata in un sistema a 64-bit ha accesso a un maggiore quantitativo di RAM, quindi se il vostro sistema ha solo 2 GB, o meno, forse dovreste tenere un sistema operativo a 32-bit (o installare più RAM).

La chiave magica

Solo recentemente i produttori di computer hanno cominciato a vendere prodotti con sistemi operativi a 64-bit preinstallati. Fino a poco tempo fa praticamente tutte le versioni di Windows in circolazione erano a 32-bit, anche per quei sistemi che, a livello hardware, avrebbero funzionato meglio con un sistema operativo più moderno (come nel caso di quelli con 4 GB di RAM o più). Alcuni computer portatili, ancora oggi, sono venduti con Windows 7 a 32-bit, ma sono sempre meno e tra poco non ce ne saranno più.

I produttori di computer hanno fatto un grande errore, ma per fortuna stanno correndo ai ripari. Oggi quasi tutti vendono macchine con Windows a 64-bit, o almeno lo propongono come opzione. Qualcuno potrebbe avere un computer con Windows 7 a 32-bit, anche se acquistato recentemente.

Fortunatamente la vostra chiave prodotto è ugualmente valida. Non è una cosa che sia stata molto pubblicizzata, ma se avete acquistato con il computer un sistema operativo a 32-bit, potete installarne uno a 64-bit e usare la stessa chiave d'attivazione. Chiaramente l'edizione del sistema operativo (Home, Ultimate … ) deve essere la stessa. Anche per Windows Vista la stessa chiave di attivazione vale sia per la versione a 32-bit che per quella a 64-bit, ma non per Windows XP.

Passare a un sistema operativo a 64-bit, da uno a 32-bit, richiede un po' di lavoro. Anche se la chiave di attivazione è valida non è detto che le cose "vadano via lisce" come se niente fosse. La prima cosa da fare è controllare il proprio hardware e scaricare i driver aggiornati a 64-bit. Poi bisogna formattare l'hard disk. Può sembrare complesso, ma se seguirete i nostri suggerimenti vedrete che non è poi così difficile.

Continua a pagina 2
AREE TEMATICHE
Vuoi ricevere aggiornamenti su #Software?
Iscriviti alla newsletter!