Computer Portatili

Acer Predator 15 smontato: doppio SSD, e quattro moduli RAM

Pagina 1: Acer Predator 15 smontato: doppio SSD, e quattro moduli RAM

I nuovi notebook gaming Predator 15 e Predator 17 arriveranno in commercio a dicembre. Abbiamo avuto modo di mettere mano in anteprima su un modello di pre produzione che ci ha mandato Acer: il sistema e i driver non sono stabili quindi non abbiamo potuto fare alcun benchmark, ma cacciavite alla mano lo abbiamo smontato per vedere com'è fatto internamente.

ACER PREDATOR 01

Lo smontaggio della parte inferiore della base è piuttosto semplice: l'unità ottica si rimuove azionando l'apposita leva; non serve svitare viti, e il motivo è che  – come aveva anticipato Acer – al posto del masterizzatore si potrà inserire un modulo rimovibile Cooler Master per raffreddare la base durante le sessioni di gioco più intense.

Sportello per RAM e dischi fissi

Sul fondo della base è poi visibile un grosso sportello fissato da due viti: è quello che permette di accedere ai componenti centrali per gli update: una volta rimosso si vedono il disco fisso SATA da 2,5 pollici, avvolto in una protezione anti urto, due zoccoli di espansione della RAM e due connettori per le unità SSD.

Non sono identici: quello preinstallato è un SSD M.2 che corrisponde allo standard 2280, ossia il più diffuso in circolazione, che ha una lunghezza di 80 mm. L'altro, che all'acquisto è vuoto, è un SSD M.2 che corrisponde allo standard 22110, che ha una lunghezza di 110 mm ed è più raro da trovare perché solo una piccola parte dei notebook in commercio utilizzano questo formato. Entrambi sono di tipo "M".

ACER PREDATOR 05

Da notare che gli zoccoli per l'espansione della RAM sono quattro: oltre ai due accessibili dal fondo della base ce ne sono altrettanti sulla parte opposta della motherboard, ma raggiungerli è davvero macchinoso perché bisogna smontare tutto il notebook.

Acer ci ha comunicato che i primi modelli che arriveranno in commercio, i Predator 17, avranno preinstallati 16 o 32 GB di memoria RAM.