Software

Aggiornamenti di Windows con troppi bug? Un ex dipendente Microsoft dice di sapere il motivo

Tutti nella nostra vita di utenti PC ci siamo ritrovati a far fronte a qualche malfunzionamento improvviso di Windows, magari appena dopo aver installato un aggiornamento. I casi delle ultime settimane che hanno coinvolto Windows 10 ne sono solo un piccolo esempio, senza dimenticare i grandi problemi dell’aggiornamento di ottobre 2018, rimandato e distribuito “a più riprese”.

Sviluppare un sistema operativo è complesso e farlo girare su molteplici dispositivi con combinazioni hardware differenti lo è ancora di più. Ciononostante ammettiamo che è sempre divertente fare ironia su Windows e la sua stabilità. Ironia che però lascia il posto a frasi indicibili se per un crash o un problema ci si ritrova a perdere informazioni o semplicemente a non poter svolgere delle azioni.

In merito a Windows 10 esistono due correnti di pensiero: c’è chi ritiene che Microsoft abbia effettivamente migliorato la stabilità del sistema e chi invece, specie negli ultimi mesi, vede un “ritorno agli anni ‘90”, magico periodo di BSOD e altre amenità. Inutile provare a conciliare le due posizioni.

Paul Thurrott, blogger vicino a Microsoft, afferma che la recente sfilza di problemi che ha colpito Windows 10 sia imputabile ai cambiamenti all’interno dell’azienda, con il passaggio di figure chiave nello sviluppo di Windows 10 ad Azure, la piattaforma di cloud computing della casa di Redmond, un vero fiore all’occhiello e probabilmente fondamenta dei futuri Windows.

Già, perché forse non a breve ma nemmeno troppo nel futuro, Windows potrebbe diventare un sistema “nel cloud”, con un ambiente di avvio minimo sul PC e poi il resto sul cloud, con Microsoft che lo renderà disponibile in abbonamento. Questa è almeno una delle tante ipotesi che circolano da anni.

Differente da quella di Thurrott la tesi di Jerry Berg, ex sviluppatore Microsoft e ora attivo sul canale YouTube Barnacules Nerdgasm.

In un video Berg spiega che fino al 2015 (l’uomo ha lavorato presso la casa di Redmond per ben 15 anni anche come Senior Software Developer, fino a Windows 8.1) Microsoft aveva un enorme laboratorio con tantissime configurazioni hardware differenti per testare Windows e i suoi aggiornamenti. Un team si occupava di saggiare la maturità del sistema operativo, dei driver, delle build, degli aggiornamenti e altri servizi.

Questi test – sia manuali che automatizzati – consentivano di scovare molti bug, specie i più nefasti, e anche se purtroppo qualcuno sfuggiva, era secondo Berg un buon modo per mitigare il più possibile eventuali problemi, anche perché si tenevano riunioni quotidiane tra chi effettuava i test e gli sviluppatori.

Poi, nel 2015, vi fu una svolta con la fusione dei team di sviluppo di Windows, Windows Phone e Xbox, che portò al licenziamento del team dedicato alle prove e all’introduzione di una nuova metodologia di test, basata sull’uso della virtualizzazione, sulla telemetria di Windows e sul programma Windows Insider.

A detta di Berg, si tratta di un modus operandi non del tutto affidabile. La virtualizzazione non consente di testare Windows su un parco macchine molto variegato, mentre telemetria e i dati raccolti dagli utenti non forniscono informazioni dettagliate e sempre affidabili. Nel complesso la varietà di hardware su cui si testava Windows anni fa, oltre all’attenzione, è calata.

Secondo Berg con la telemetria le informazioni raccolte riguardano infatti il servizio / componente che non funziona a dovere, ma poco altro: se il problema risiede in servizi / prodotti di terze parti, allora c’è il rischio che non venga identificato.

Gli Insider sono inoltre soliti segnalare i bug più gravi e non offrono tutte le informazioni necessarie, diventando quindi un mezzo non del tutto attendibile per valutare la stabilità di un aggiornamento di Windows. Di conseguenza talvolta capita che un aggiornamento introduca nuovi bug, e che la “toppa sia peggiore del buco”.

In definitiva, secondo Berg la casa di Redmond ha fatto un passo indietro sul fronte della qualità e i problemi stanno iniziando a emergere. Troppi pochi test su hardware reale, troppi automatismi e affidamento alla telemetria.

Che siano solo le tesi di un ex dipendente con il dente avvelenato? Forse, ma che si possa sempre fare meglio è sotto gli occhi di tutti, sebbene in casa Microsoft abbiano più volte sottolineato che la qualità degli aggiornamenti è aumentata negli ultimi anni.

State cercando una chiave per Windows 10 Pro? Potete trovarla a bassissimo costo su Amazon.