Periferiche di Rete

Al cuore si comanda… con il Wi-Fi

Ecco un ospedale che fa uso sapiente della tecnologia. Per quarantaquattro pazienti cardiopatici della Fondazione Istituto San Raffaele G. Giglio di Cefalù è finito il tempo della corsa affannosa verso la clinica. Adesso il loro cuore viene monitorato costantemente da casa, tramite linea telefonica, collegata con i computer dell’Istituto. È il controllo diagnostico e terapeutico a domicilio di pazienti portatori di pacemaker di ultima generazione o defibrillatore impiantabile (Icd) con dispositivo Wi-FI.

Il sistema si chiama CareLink Network e permette la trasmissione, in modo gratuito e protetto, di tutti i dati clinici ed elettrici provenienti dal cuore, sia per un controllo programmato che in caso di pericolo per la vita. Il defibrillatore – strumento in grado di prevenire la morte improvvisa in soggetti a rischio – è in grado di intervenire autonomamente in caso di pericolo. Come? Inviando in ospedale, in tempo reale, ogni dettaglio della funzionalità del muscolo cardiaco.

Per il pacemaker, invece, la trasmissione non è automatica. Il paziente deve avvicinare per pochi secondi all’apparecchio,un piccolo dispositivo che "legge" i dati del pacemaker e li trasmette all’unità cardiologica. Il sistema di controllo remoto, che sta migliorando la qualità della vita dei quarantaquattro pazienti monitorati, viene utilizzato dall’unita’ operativa di cardiologia dell’ospedale di Cefalù, diretta da Tommaso Cipolla.

L’Istituto San Raffaele G.Giglio ha un bel sito internet, dal quale è possibile prenotare online visite ed esami.

Ringraziamo Pino Bruno per l'articolo