CPU

AMD conferma Zen 4 a 5nm, nessun ritardo per RDNA2 e console next-gen

AMD ha rivelato i risultati finanziari relativi al Q2 2020 a seguito dei quali, durante la presentazione dedicata agli analisti e alla conference-call post-risultati, ha svelato alcune interessanti novità sul futuro dell’azienda. Si è parlato di RDNA3, Zen 4, CDNA2 e delle console di prossima generazione.

La maggior parte della presentazione di AMD è stata incentrata sul rassicurare gli investitori che, a differenza di quella della concorrente Intel, la tabella di marcia dell’azienda è in perfetto orario e non ci saranno ritardi su quanto pianificato.

Negli ultimi due trimestri, quello che abbiamo visto è che loro vedono la nostra performance/capacità. Potete contare su di noi per una tabella di marcia coerente. Milan è un prodotto importante per noi, faremo in modo che venga spedito entro la fine dell’anno. Abbiamo già iniziato a coinvolgere persone con Zen4/5nm. Riteniamo che i clienti siano molto aperti. Ci sentiamo ben posizionati” ha dichiarato Lisa Su, presidente e CEO di AMD.

AMD Q2 2020

È stato confermato che l’architettura Zen 3 vedrà la luce sia nei prodotti consumer che in quelli data center prima della fine dell’anno, questo significa che la prossima generazione di CPU Ryzen e EPYC Milan saranno basati su tale architettura. Anche l’arrivo di RDNA2 nelle GPU consumer è stato confermato, oltre all’avvio delle spedizioni di chip semi-custom a Microsoft e Sony per la produzione delle console di prossima generazione, PlayStation 5 e Xbox Series X, in modo che siano pronte per le vacanze invernali.

Stando a quanto indicato da AMD, nel 2020 i prodotti CDNA non giocheranno un ruolo importante ma tutto cambierà nel 2021 con l’arrivo dell’architettura delle GPU dedicate ai datacenter CDNA2.

Il CEO Lisa Su ha anche ripetuto che l’architettura per le CPU Zen 4 è già in laboratorio e che i prodotti che si baseranno su di essa saranno realizzati con il processo produttivo a 5nm. La presentazione mostrata ci conferma che le CPU EPYC Genoa saranno basate su Zen 4, con una data di arrivo prevista per il 2021. La stessa presentazione conferma l’arrivo dei Ryzen Zen 3 entro la fine dell’anno e il debutto delle soluzioni grafiche RDNA3 durante il 2021, queste ultime realizzate su un “nodo avanzato”.

AMD non può però ancora cantare vittoria, la produzione dei propri chip è largamente dipendente dalle disponibilità di TSMC e la situazione per i chip a 7nm non è rosea. L’azienda sta lavorando con la fonderia taiwanese per assicurarsi che la richiesta del mercato possa essere soddisfatta.

Un analista ha anche chiesto ad AMD se vede una minaccia in ARM nel mercato server, soprattutto alla luce cambio di rotta di Apple che abbandonerà l’architettura x86. La dott.ssa Su ha detto di essere abbastanza fiduciosa che i mercati PC e server rimangano prevalentemente x86 e che sta ai produttori di chip garantire che l’architettura x86 rimanga competitiva, come riportato da TechPowerUp.

Se desiderate per il vostro PC solo il meglio e disponete già di una GPU dedicata, Ryzen 7 3700X con i suoi 8 core e 16 thread alla frequenza massima di 4,4GHz potrebbe fare al caso vostro, in offerta a meno di 300 euro su Amazon.